Crea sito

Amaro: fallisce la prima farmacia in Friuli Venezia Giulia

02/03/2013
By
Share:
Condividi

di Maura Delle Case.

Non era ancora mai successo, ma la crisi è arrivata a colpire anche le farmacie. La prima, nella storia del Friuli Vg, ha capitolato ad Amaro, alle porte della Carnia, dove da ieri mattina gli 800 residenti, molti dei quali anziani, non possono più contare sul farmacista. Il dottor Michele Cabas ha infatti chiesto il fallimento e ieri, suo malgrado, ha abbassato la serranda. «Con trenta ricette al giorno – afferma – non si può andare avanti». Il suo caso è il primo, ma rischia di non essere l’unico. Specie nella zona della montagna, dove le farmacie sono tutte di piccole dimensioni e pagano più pesante lo scotto del periodo di recessione. Ma non solo di quello a sentire la presidente provinciale di Federfarma, Alessandra Forgiarini, che punta il dito contro l’abbassamento del prezzo dei farmaci, ma soprattutto contro la distribuzione diretta da parte delle aziende sanitarie che starebbe letteralmente cannibalizzando gli “affari” delle farmacie. L’esercizio di Amaro ne ha fatto le spese a sentire il dottor Cabas: «All’inizio andava bene, poi è iniziata una lenta agonia. Dai 90 clienti che quotidianamente varcavano l’ingresso della farmacia sono passato agli attuali 30, ne ho persi insomma 10 all’anno. “La distruzione diretta, quella “per conto”, la riduzione del prezzo dei medicinali e infine la crisi – afferma il farmacista – hanno eroso i margini e se in città si taglia sui dipendenti, in montagna non si può tagliare nulla, perché le bollette della luce, del gas e ancora l’affitto e i costi della burocrazia sono inevitabili». Ieri mattina Cabas ha dunque abbassato definitivamente la serranda della farmacia seminando lo sconforto in un paese che contava sul piccolo esercizio commerciale come su uno dei pochi servizi rimasti. Niente da fare. È il primo caso. Non sarà l’ultimo. «In Carnia – afferma la presidente Forgiarini – abbiamo 26 farmacie. Ce ne sono anche in paesi con soli 300 abitanti, dove spesso la gente non può contare nemmeno sul medico di base. Sono la spina dorsale del sistema, vivono di niente e danno un servizio eccellente quanto essenziale». Come la farmacia del dottor Cabas, «un vero farmacista – dice Forgiarini –. Uno che teneva aperto da solo 12 ore al giorno, che portava avanti l’attività con estremo senso del dovere, che trovava anche la forza per dedicarsi al sindacato». Tanto che ieri, nonostante tutto, si è presentato a Udine per partecipare al direttivo di Federfarma. «Quanto le piccole farmacie possano reggere in questa situazione – continua Forgiarini – non lo so. Non a lungo. Eppure sono importanti presidi per il territorio, “distributrici – ricorda ancora la presidente – di ricchezza sotto forma di servizi non remunerati, basi pensare allo screening del colon retto e ai turni di notte». La crisi ci ha messo lo zampino, ma in questo caso non è colpa di tutti i mali. Per Forgiarini il vero problema sta nel ruolo sempre più preponderante giocato dalle aziende sanitarie in materia di distribuzione diretta dei farmaci. Una pratica incentivata dalla Regione che consente alle Ass di distribuire farmaci di classe A all’atto della dimissione del paziente, ma che – denuncia la presidente di Federfarma – sarebbe abusata da parte delle aziende, le quali, con diversi escamotage distribuirebbero, farmaci oltre i limiti stabiliti, magari in occasione di visite terapeutiche, il tutto a danno delle farmacie.

Tags: , , ,

2 Responses to Amaro: fallisce la prima farmacia in Friuli Venezia Giulia

  1. musicandnews
    03/03/2013 at 09:42

    Aggiornamento del 03/03/2013

    di Gino Grillo

    La chiusura della farmacia di Amaro è un primo caso nella nostra regione ma potrebbe non essere il solo. Michele Cabas, che ha acquistato la farmacia di Amaro poco più di cinque anni orsono, non ce la faceva a tirare avanti con 30 clienti di media al giorno. Fra le concause si ipotizza il fatto che le aziende sanitarie dispensino direttamente i medicinali ma qualcosa sembra non quadrare, il sindaco Laura Zanella puntualizza come questo non sia un paese in recessione con la gente che abbandona il territorio, anzi, «da oltre un decennio il trend economico-residenziale di Amaro è in espansione, non si capisce come la farmacia del dottor Cabas abbia perso un così consistente numero di utenti in poco tempo, la farmacia precedente del dottor Venturini, dava lavoro a due dipendenti e si era specializzata anche in erboristeria e omeopatia richiamando clientela anche dai vicini comuni. Una fidelizzazione con la clientela locale che è andata via via, con il corso degli anni, scemando passando dai 90 scontrini a 30 al giorno, troppo pochi per sostenere l’economicità della farmacia». Il sindaco si dice preoccupata: «Da 30 anni abbiamo sempre avuto una farmacia in paese, siamo abituati bene, certo che ora con la chiusura operata dal dottor Cabas la gente deve recarsi nelle farmacie dei paesi limitrofi» un servizio che Amaro non vuole perdere nonostante la disaffezione dell’utenza alla farmacia. «Abbiamo contattato Federfarmacisti e l’azienda sanitaria locale per risolvere quanto prima la questione e abbiamo ottenuto risposte positive e speriamo che la farmacia possa essere inserita in coda al prossimo bando di apertura di nuove farmacie in regione». Certo il fatto che la farmacia però sia fallita e commissariata non rende facili le cose, ma ad Amaro si spera in una veloce soluzione della questione.

  2. pieri
    03/03/2013 at 10:09

    e i nostri politici regionali hanno appena approvato l’apertura di una cinquantina di nuove farmacie. Li farei mangiare coll’utile dei 10 scontrini……… Almeno di quelli non si chiede il rimborso!!!!!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aldo Rossi su Spotify

Discografia

Double CD "La vite e la Muart"

Meteo Tolmezzo

Aldo on Youtube

Loading...