Crea sito

San Daniele: il Comune tenta di riavere i codici miniati dalla Francia

17/01/2010
By


Strana vicenda questa in cui un ’iniziativa dell’assessore alla Cultura Rizzatto che vuole coinvolgere anche i presidenti di Regione e Provincia, tenta di riportare a S. Daniele il maltolto da parte dei francesi: gli undici codici miniati sottratti dalla biblioteca l’11 settembre 1797.  

Signor Presidente, il mio nome è Flavia Rizzatto e sono l’assessore alla Cultura di un piccolo paese friulano che, conosciuto in tutto il mondo per il suo prosciutto, giudica suo principale e autentico vanto l’antico patrimonio librario conservato nella locale biblioteca Guarneriana». Esordisce così la lettera che l’assessore Rizzatto ha scritto al presidente della Repubblica Francese, Nicholas Sarkozy, nella speranza di recuperare gli undici codici miniati sottratti dalla biblioteca l’undici settembre 1797.
L’asportazione fu a opera del matematico Gaspard Monge, inviato in Italia da Napoleone per fare incetta di opere d’arte. Da anni le amministrazioni locali tentano di recuperare il maltolto, oggi gelosamente custodito alla Bibliotheque nationale de France, ma senza fortuna. Ora ci riprova la Rizzatto, con una lettera di cui è prima firmataria, ma non unica. Il lungo testo della missiva, in cui l’assessore ricostruisce la storia del ratto rilevando l’importanza dei codici quale «fonte e continuità di un bagaglio culturale collettivo», è stato infatti inviato anche ai presidenti di Regione e Provincia di Udine, ai rispettivi assessori alla cultura e presidenti dei consigli affinché lo sottoscrivano. Non solo. La lettera è stata copiata anche online, sul sito
www.ipetition.com, divenendo il testo di una vera e propria petizione con lo scopo di raccogliere quante più adesioni possibili da inviare poi, tutte assieme, al 55 di Rue du Faubourg Saint-Honoré a Parigi.
Aprendola, Sarkò resterà quantomeno incuriosito e vedendo che la sottoscrizione (che si spera nutrita) proviene dall’Italia magari chiederà anche aiuto a Carla Bruni. Altro che Carlà… In questo caso meglio tenersi stretta la connazionale imprestata ai francesi, sperando conservi un po’ dell’amor di patria d’origine. Ironia a parte, la sottoscrizione è stata avviata ieri e resterà attiva per circa un mese dopodiché, tirate le fila, l’assessore Rizzatto imbusterà lettera e firme, inviando tutto all’Eliseo in attesa di un cenno da monsieur le President, pronta a partire per Parigi, assieme al fido responsabile della biblioteca Guarneriana, Carlo Venuti.
 

Tags: , , , , , , , , ,

2 Responses to San Daniele: il Comune tenta di riavere i codici miniati dalla Francia

  1. 23/01/2010 at 09:21

    aggiornamento del 23/10/2009

    Sta prendendo quota la petizione voluta dall’assessore alla cultura Flavia Rizzatto a sostegno della missiva indirizzata a Nicholas Sarkozy. Nella lettera si chiede al presidente della Repubblica francese la restituzione dei 9 codici miniati sottratti alla biblioteca Guarneriana da un eccellente emissario napoleonico. Due le raccolte di firme virtuali, 80 le sottoscrizioni. Senza contare quelle cartacee distribuite in alcuni punti strategici del centro storico. L’iniziativa, come detto, vuole recuperare all’antica biblioteca i nove codici miniati sottratti dal generale Gaspard Monge, furto che avrebbe potuto essere ben più pesante se l’allora eroico bibliotecario Coluta non avesse avuto la prontezza di fingersi smemorato, fin demente, pur di difendere il prezioso patrimonio librario lasciato in eredità al Comune da Guarnerio d’Artegna. Il ratto si ridusse quindi a soli nove codici, pochi, ma di fondamentale importanza per l’integrità del patrimonio librario cittadino, tanto che negli anni diverse amministrazioni hanno cercato, invano, di recuperarli. Oggi ci prova il governo Iob che chiede “aiuto” direttamente ai cittadini (non solo sandanielesi). Alla petizione si può aderire online, accedendo ai siti http://www.firmiamo.it e http://www.ipetitions.it (anche direttamente dal sito del Comune), oppure firmando una delle copie cartacee della lettera che per ora si trovano in Municipio, alla Guarneriana, al bar “Il Michelaccio” e all’ottica “Allodi”. Di ulteriori ne saranno distribuite nei prossimi giorni, per intensificare la raccolta delle sottoscrizioni, che terminerà verso la metà di febbraio quando la lettera assieme alle firme sarà inviata all’Eliseo.

  2. gianfranco Venturini
    03/02/2017 at 08:49

    iniziativa lodevole

Cercate i CD fisici di Aldo Rossi ?

Double CD "La vite e la Muart"

Aldo Rossi su Spotify

Aldo on Youtube

Meteo Tolmezzo