Archivio mensile:Maggio 2015

“A là sù” di A. Rossi, video e testo con traduzione in Italiano

A là sù

 

Encje par vuei al è dut finît,

encje par vuei i pos lâ a durmî,

sieri il balcon che no veti di entrâ

opûr che alc no mi podi scjampâ.

 

Di là sù, di là sù,

dimi ogni tant spiitu a ca jù

Di là su, di là su,

si viodiel il mont di rive jù

 

Chi no gli free plui nuie di nissun,

no cjalin in muse, tu seis nome un,

tocje di cori, tocje sclopâ,

ti fasin rimeti par guadagnâ.

 

A là sù, a là sù,

zuaiso a balon e vincistu tu

A là sù, a là sù,

si po bevi un tai e cueisi doi ûfs

 

No è migo vere

ch’a è grande cheste cjere,

se un toc di paradîs no ‘nd è.

 

Se par stâ in pâs,

spietìn l’eternitât,

dimi ce ch’i stoi a fâ a ca jù

 

Restin in pîts i nostis discors,

ma bessôl jo no rivi a cambiâlu il mont.

Par fâ dal mâl baste nome un secont,

par fâ dal ben la vite di un om.

 

A là sù, a là sù,

lu sâstu prime ce ch’a nas a ca jù

A là sù, a là sù,

vegnie la neif e sbrissitu jù

 

No è migo vere

ch’a è grande cheste cjere,

se un toc di paradîs no ‘nd è.

 

Se par stâ in pâs,

spietìn l’eternitât,

dimi ce ch’i stoi a fâ ca jù

 

Encje par vuei al è dut finît,

encje par vuei i pos lâ a durmî.

Lassù

 

Anche per oggi tutto è finito

Anche per oggi posso andare a dormire

Chiudo la finestra che non possa entrare

O che qualcosa non mi possa scappare

 

Da lassù, da lassù

Dimmi ogni tanto guardi quaggiù

Da lassù, da lassù

Si vede il mondo dall’alto in basso

 

Qui non gliene frega niente a nessuno

Non ti guardano in faccia sei solo uno

Tocca correre, tocca scoppiare

Ti fanno rimettere per guadagnarci loro

 

Lassù, lassù

Giochi a pallone e segni tu i gol

Lassù, lassù

Si può bere un bicchiere e cuocere 2 uova

 

Non è mica vero

Che è grande questa terra

Se un pezzettino di paradiso non c’è

 

Se per stare in pace

Aspettiamo l’eternità

Dimmi cosa sto a fare quaggiù

 

Restano in piedi i nostro discorsi

Ma da solo non riesco a cambiare il mondo

Per fare del male basta solo un secondo

Per far del bene la vita di un uomo

 

Lassù, lassù

Lo sai prima cosa succede quaggiù

Lassù, lassù

Viene la neve e scivoli giù

 

Non è mica vero

Che è grande questa terra

Se un pezzettino di paradiso non c’è

 

Se per stare in pace

Aspettiamo l’eternità

Dimmi cosa sto a fare quaggiù

 

Anche per oggi tutto è finito

Anche per oggi posso andare a dormire

 

Carnia: Malga Pramosio avrà Marino Screm come gestore per nove annate agrarie

http://www.vacanzeincarnia.it/data/catalog/img/e93592be9d733f14fdafac9e0987e431.jpg

La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, su proposta del vicepresidente e assessore alle Attività produttive Sergio Bolzonello, ha approvato la bozza di disciplinare per la concessione della proprietà indisponibile dell’Amministrazione denominata Malga Pramosio. Si tratta di un bene che non è impiegato direttamente dalla Regione, l’uso del quale viene accordato mediante concessione. La concessione precedente è scaduta il 10 novembre dello scorso anno.

Successivamente, il servizio Gestione Territorio montano, Bonifica e Irrigazione della direzione centrale Attività produttive, Commercio, Cooperazione, Risorse agricole e forestali della Regione, al quale compete la gestione dei beni della Regione attribuiti alla disponibilità, aveva pubblicato l’avviso per l’individuazione di un nuovo concessionario per le nove annate agrarie successive, con un canone annuale iniziale di 24.000,00 euro.

La gara ha consentito di individuare il nuovo concessionario nell’unico giovane partecipante, realmente motivato a promuovere e valorizzare l’agricoltura di montagna.

 L’unica impresa agricola partecipante al bando di concessione del complesso di proprietà della Regione Friuli Venezia Giulia, è stata quella guidata dal giovane 35enne Marino Screm, in società con il padre Pietro; a loro spetterà proseguire per i prossimi 9 anni (con un canone annuale di 24mila…