Caorle: 2 friulani di Lavariano vincono “Griglie roventi” il campionato mondiale di barbeque‎ con l’aglio di Resia

Griglie roventi, vincono due friuliani

I campioni del mondo di grigliata sono due fratelli di Mortegliano (Udine), Simone e Giovanni Pittis, che si sono aggiudicati la 6/a edizione di Griglie Roventi sbarazzandosi, in finale a Caorle (Venezia), di ben 260 avversari. Nel loro menu' ha colpito la giuria la salsiccia sgrassata con marmellata di arance e cipolla ma i palati sono stati soddisfatti anche dalla tagliata di pollo con pesto di aglio di resia e le costicine di maiale con polenta. Queste le regole della competizione: sul piatto solo carne veneta, a cucinare invece coppie provenienti da tutto il mondo, dall’Inghilterra all’Australia passando per Canada, Brasile, Togo, Sudafrica e Thailandia. Gli chef improvvisati dovevano conquistare una giuria di professionisti puntando sulla tecnica di cottura ma anche sui loro ingredienti segreti e una buona dose di simpatia. Non erano ammessi cuochi professionisti. <

br />
 

    Tutto è iniziato con un brivido ma il vento ha spazzato via le nuvole lasciando spazio alla festa: 260 i partecipanti all'evento più atteso dell'estate promosso dalla Regione del Veneto, dal Consorzio di Promozione Turistica Caorle e Venezia Orientale e dal Comune di Caorle. A vincere prima di tutto è proprio Griglie Roventi: alla sesta edizione si conferma un format che sa conquistare aspiranti cuochi e spettatori da tutto il mondo. Erano in tantissimi ieri sera, pieni di entusiasmo ad acclamare i nuovi Campioni del Mondo i fratelli Simone e Giovanni Pittis di Mortegliano, Udine. La salsiccia sgrassata con marmellata di arance e cipolla, la tagliata di pollo con pestato di aglio di resia (presidio slow food) e le costicine di maiale con polenta "blave di mortean" hanno lasciato senza parole i giurati. Tra loro, novità di quest'anno, tre cuochi stellati Michelin, Alessandro Breda del Gellius (Oderzo), Enzo De Prà del Ristorante Dolada (Pieve D'Alpago) e Enzo Dal Farra della Locanda San Lorenzo (Puos D'Alpago) e Fabio Tacchella, Capitano della Nazionale Italiana Cuochi.
"Griglie Roventi – ha commentato l'Assessore al Turismo della Regione del Veneto Marino Finozzi – si conferma una manifestazione importante perché promuove i prodotti certificati e di qualità del nostro territorio e nello stesso tempo le località del Veneto dal mare alla montagna".
Special guest Christof Innerhofer, stella nascente dello sci italiano che lo scorso inverno si è laureato Campione del Mondo a Garmisch: a lui il premio per la sportività! A dare il via alla gara anche un altro ospite a sorpresa: Maurizio Micheluz, campione di enduro con un marchio storico del motocross italiano, Fantic Motor, che ha accompagnato sul palco la presentatrice Svetle Simeonova. La bellezza bulgara ha affiancato Moreno Morello e Fabrizio Nonis nella conduzione dell'evento; ad accendere il pubblico la carica travolgente della musica dei 6 come Sei. Fiorello ha voluto salutare tutti i partecipanti con un videomessaggio.
Sul piatto solo carne veneta selezionata e fornita da Coldiretti Veneto, a cucinare coppie provenienti da tutto il mondo: 14 nazioni presenti dall'Etiopia dalla Giordania, dall'Australia alla Polonia ma anche tanti italiani venuti da altre province del Veneto e dal resto d'Italia. Novità di quest'anno la grigliata mista con pollo, manzo e maiale o coniglio: la gara è stata davvero ardua! Secondo posto a Paola Righi e Federico Motta di Verona, terzo alla coppia slovacca Lenka Kullakova e Lubomira Kalinayova.
Tra i premi, la "Griglia del Sorriso" ai cuochi più simpatici vinta da Tiberio Furlan e Otello D'Arsiè di Treviso in gara con tanto di armatura e spada, la "Griglia Km 0" alla coppia di Cortina Luigi Boldrin e Valerio Alverà che hanno preparato un piatto speciale solo con ingredienti del territorio; ultima una coppia di Caorle, che noncurante della sfida non ha lasciato nemmeno un boccone da assaggiare alla giuria.
La giuria, guidata dallo chef Franco Favaretto, Presidente dell'Associazione Cuochi della Provincia di Venezia, era composta da chef, oltre a produttori e rappresentanti delle istituzioni. I piatti sono stati valutati sulla base di quattro criteri: cottura, gusto, presentazione del piatto, estrosità dei concorrenti.
Tra i premi una settimana di vacanza in Veneto, carne Coldiretti Veneto, bottiglie di Vino Veneto DOC, birra Pedavena, Noci D'Oro del Piave.