Friuli Doc 2009: mancano i fondi e laMontagna Pordenonese rinuncia


Manca la copertura finanziaria per Friuli doc e Montagna Leader rinuncia a organizzare la partecipazione della “montagna pordenonese” alla celebre kermesse udinese. La conferma è arrivata ieri dal presidente di Montagna Leader, Franco Protti , che ha reso noto come tra i tanti enti del territorio contattati negli scorsi mesi solamente alcuni hanno confermato la loro presenza con atti concreti. Complice verosimilmente la crisi economica generalizzata che non accenna a mollare la presa e i tagli decisi dagli enti locali, la somma necessaria a coprire la presenza alla manifestazione – che sarebbe vicina a 60 mila euro – è stata coperta solamente a metà. Di qui la decisione di Montagna Leader accolta con comprensibile dispiacere dal sindaco di Maniago, Alessio Belgrado.<

br />
      La città era stata la prima realtà a rispondere con entusiasmo all’invito dell’ente montano e a procedere e in concreto con gli atti amministrativi conseguenti. «Mi dispiace che come territorio vi sia stata così poca solidarietà per un evento che poteva rilanciare la “Montagna pordenonese”, posto che questo era il tema dominante dell’edizione 2009 di Friuli doc – ha affermato Alessio Belgrado – A Montagna Leader va tuttavia riconosciuto un apprezzamento per lo sforzo compiuto nel tentare di coordinare le varie espressioni del territorio. Ma, forse, servivano anche altri attori istituzionali sovracomunali per dare maggior peso all’iniziativa nonché sicurezza agli enti per la partecipazione».
      Il Comune di Udine aveva interpellato Montagna Leader circa sei mesi fa, dopo l’ente presieduto da Franco Protti aveva proceduto con una serie di verifiche ed incontri ad hoc. L’incarico ufficiale a Montagna Leader da parte dell’amministrazione udinese a gestire il coordinamento per organizzare la presenza della montagna pordenonese a Friuli doc era giunto il 25 marzo scorso. Tanto che erano stati contattati tutti gli enti, istituzioni e associazioni del territorio, tra cui i 27 Comuni dell’area montana da Caneva a Spilimbergo, tutte le Pro loco interessate, Comunità montana, Asdi del Coltello, associazioni di categoria, dei commercianti, Coldiretti, Ecomuseo e via dicendo.
      L’ultima riunione della settimana scorsa ha tuttavia portato alla luce che mancava la copertura finanziaria prevista, dal momento che non tutti gli enti che avevano partecipato agli incontri, dando il loro assenso a essere presenti a Friuli doc, erano stati poi coerenti nel versare gli importi promessi. Solamente tre sarebbero stati gli enti a aver aderito mettendoci i soldi, tra questi Montagna Leader e Comune di Maniago. Nelle scorse ore il presidente di Montagna Leader, Franco Protti, ha firmato la comunicazione formale di rinuncia inviata a tutti gli enti interessati, in primis al Comune di Udine.