Friuli in MB: 23 percorsi diversi

Se volete girare il Friuli Venezia Giulia in bicicletta lo potrete fare addirittura in 23 modi diversi e quindi se volete, riuscireste a non scendere dalla MB per un mese restandovene sempre in Regione 🙂 Il Friuli Venezia Giulia in bicicletta. Turismo Fvg segnala 23 itinerari da fare in bici attraversando alcuni tra i più affascinanti scenari naturali della regione: che siano le Alpi della Carnia o del Tarvisiano, le verdi valli del Torre o del Natisone, le Dolomiti friulane e la pedemontana pordenonese, le colline del Collio e del Friuli collinare, Piancavallo o il Carso affacciato sul mare. Quelli segnalati in rosso (scaricabili dal sito www.turismofvg.it) sono i percorsi più impegnativi. Il blu indica itinerari adatti a tutti e il colore verde quelli praticabili anche da principianti. Blu, rossi o verdi, tutti i percorsi suggeriti sono ad anello e ciascuno di essi propone due livelli di difficoltà. Ogni itinerario è corredato da precise indicazioni di chilometri e tempo di percorrenza, dai dati sul fondo stradale (sterrati e strade asfaltate), dislivello, consigli sul grado di esperienza richiesto, punti di sosta suggeriti.<

br />
Un esempio (percorso blu): dal monte Quarin al crinale di Dolegna del Collio. L’itinerario si sviluppa nell’area collinare ampia ed estesa tra Cormòns, Plessiva fino a Lonzano e Scriò per scendere attraversando la valle del Judrio e la dorsale del Bosco Romagno nella valle di Corno di Rosazzo. Si attraversano due aree naturali protette: il bosco di Plessiva e Romagno dov’è possibile ammirare specie vegetali autoctone, oltre a castagni e querce, o incontrare piccoli scoiattoli, tassi e caprioli. Il fondo drenante dei sentieri, tipica la terra a scaglie denominata “ponca”, e le carrareccie rendono il tracciato percorribile tutto l’anno. Alcuni brevi tratti presentano gradini o varianti con salite tecniche e impegnative.