Crea sito

Friuli: Ivan Vergendo e la cattedra papale


E’ del giovane architetto friulano Ivan Vergendo il progetto vincitore del trono papale che Benedetto XVI utilizzerà a Torino, in occasione dell’Ostensione della Sindone, durante la Messa di domenica 2 maggio in piazza San Carlo. Alla selezione, indetta dall’Asdi Sedia di Manzano, hanno partecipato 27 progetti , tutti presentati da architetti e designer friulani. La commissione giudicatrice, composta da un rappresentante dell’Asdi Sedia, due membri del Comitato per l’Ostensione della Sindone e un rappresentante dell’Arcidiocesi di Torino, si è riunita a Torino il 27 gennaio per selezionare il progetto vincitore.

Il progetto. La cattedra per il Papa sarà realizzata dagli artigiani del Distretto della Sedia interamente in legno, foderata di velluto rosso; sulle sponde dei braccioli saranno scolpite a bassorilievo – tramite un processo di intaglio con pantografo elettronico – due immagini sacre tratte dalla storia dell’arte (deposizione e resurrezione), mentre sull’alto schienale verrà impressa l’immagine della Sindone. Il trono papale sarà costruito in due esemplari: uno rimarrà, dopo la visita di Benedetto XVI, all’Arcidiocesi di Torino, l’altro resterà a disposizione dell’Asdi Sedia.

«Con rammarico abbiamo escluso gli altri progetti – ha commentato questa mattina durante la conferenza stampa di presentazione del vincitore, il presidente del Comitato Ostensione Sindone Fiorenzo Alfieri, anche Assessore alla cultura del Comune di Torino -, ma quello di Vergendo ci è piaciuto per la sua freschezza e per il mix di contemporaneità e citazione dell’antico; il volto sindonico stampato sul velluto è evocativo, il disegno verticale della seduta è pulito ed essenziale. Il fatto poi che il progettista sia un designer giovane dà un valore aggiunto a questa apprezzata iniziativa dell’Asdi Sedia, che ha dimostrato una gran voglia di fare mettendo a disposizione la creatività dei designer friulani». Il progetto vincitore è stato scelto, si legge inoltre nella motivazione, perché «riesce a sintetizzare tutti gli elementi richiesti per la progettazione della cattedra papale: simbologia, creatività, comfort, capacità di adattamento al contesto. Un progetto che è la dimostrazione della qualità e dell’eccellenza artigianale e professionale del Distretto della Sedia».

Una risposta a “Friuli: Ivan Vergendo e la cattedra papale”

  1. Una normale sedia non bastava per posare il culo papale?

I commenti sono chiusi.