I nostri soldi a puttane

Sesso, cocaina, alcol, due squillo "raffinate", un parlamentare e, sullo sfondo, l’hotel Flora, via Veneto, Roma, che è come dire Fellini e la Dolce Vita perché proprio in questo albergo, dove stazionavano i paparazzi, Mastroianni andava a prendere Anita Ekberg.
Non è il plot di un nuovo film ma la cronaca di questa mattina quando verso le 10 un’ambulanza è stata chiamata con urgenza dalla direzione dell’albergo. Una ragazza è stata ricoverata all’ospedale San Giacomo con una forte crisi respiratoria, un collasso per cui a nulla erano servite le cure dello staff dell’albergo. Obbligatorio, quindi, il ricovero. E gli accertamenti della polizia. Che si trovano davanti una sorpresa: la ragazza era in compagnia di un’altra ragazza ed entrambe erano ospiti di un parlamentare.
La ragazza poi si è ripresa e non ha denunciato nessuno. "Non c’è reato, nessuna denuncia" si scherniscono gli investigatori. Non risulta che l’altra ragazza sia stata sentita, né che sia stato interpellato il parlamentare.

Ovviamente nessun giornalista ne radio ne televisivo ha provato con uno straccio di inchiesta, a capire come siano andate le cose e a capire chi fosse l’onorevole puttaniere in questione e le forze dell’ordine manco a parlarne; certo che i nostri rappresentanti in parlamento con i nostri soldi non si fanno mancare niente: puttane di lusso, cocaina ecc. . Peccato solo che la partita di cocaina tagliata male sia finita a Milano …. Se fosse  capitato a Roma ….

Un pensiero su “I nostri soldi a puttane

I commenti sono chiusi.