Paluzza: alunni delle medie in quota per “ascoltare” i cervi, l’esperienza ospiti per una notte in rifugio Pramosio

 

Ai giorni nostri la maggior parte dei ragazzi non sa che aspetto ha di preciso un cervo e tantomeno come sia il suo verso, il bramito. Il cervo è un animale selvatico, quindi, se desideriamo vederlo, la cosa migliore da fare è farci accompagnare da una guida alpina esperta nel bosco. Noi abbiamo fatto proprio così! Infatti la nostra classe si è recata in località Pramosio, in comune di Paluzza, per vivere l’esperienza dell’ascolto del bramito dei cervi; per l’occasione abbiamo anche passato una notte nello splendido rifugio Casera Pramosio, a 1561 m. Il bramito è un richiamo gutturale, cioè proveniente dalla gola, e viene utilizzato dai maschi da settembre a ottobre, per definire la propria posizione e per attirare le femmine. I cervi vivono il periodo degli amori in maniera stressante sia dal punto di vista fisico sia da quello mentale. Quando un cervo invade il territorio di un altro, per conquistare le sue femmine, lo sta sfidando a duello: i due incrociano le loro ramificazioni e iniziano a spingere, tirare e scontrarsi finchè il più debole, sconfitto, rinuncia e se ne va. In queste lotte i maschi possono addirittura morire a causa delle ferite. Alla fine di ottobre i cervi se ne vanno per conto loro e ritornano nei luoghi di origine, mentre le femmine si riuniscono in branco insieme agli esemplari più giovani e si inoltrano nel fitto del bosco per passare l’inverno in un luogo sicuro. Per riuscire a individuare qualche esemplare di cervo, ci siamo dovuti alzare molto presto la mattina e abbiamo camminato a lungo, cercando di mantenerci il più silenziosi possibile, perché questi animali hanno un udito piuttosto fine. Per alcuni di noi è stato un po’ faticoso, ma tutti gli sforzi sono stati ripagati quando la guardia forestale che ci accompagnava ci ha indicato un piccolo branco in lontananza e abbiamo addirittura udito alcuni bramiti.

Un pensiero su “Paluzza: alunni delle medie in quota per “ascoltare” i cervi, l’esperienza ospiti per una notte in rifugio Pramosio

  1. Mario Bruno

    Magnifico, ma vorrei chiedervi: Avete accennato ai ragazzi, trovandovi in un luogo di profonda rimembranza storica, l’evento verificatosi il 15 febbraio 1916 proprio poco sopra la malga, alla Roccia del Malpasso? Avrete inteso che parlo della Portatrice Carnica Maria Plozner Mentil, Medaglia d’Oro al Valor Militare.
    Mandi.
    Mario B.

I commenti sono chiusi.