Regione FVG: Accendiamo una lampadina al nuovo Assessore all’energia del FVG


Arrivano da Trieste notizie relative ad un possibile rimpasto nella attuale Giunta regionale del FVG. Quello che viene chiamato “rimpasto”, altro non è che un scambio di persone o di competenze all’interno del governo regionale; in questi casi o si cambiano di posto alcuni assessori oppure, come sembra accada stavolta, alcune attività che precedentemente sembravano di secondo piano, diventano improvvisamente importanti e si decide che la materia debba essere seguita appositamente da un esperto. In Regione è il caso del nuovo assessorato all’energia, di cui fino ad oggi se ne erano occupati (un pezzettino ciascuno) diversi assessori: uno seguiva gli elettrodotti, l’altro le biomasse, ed un altro ancora il fotovoltaico. Mai come in tempi di crisi, l’energia a basso costo è fondamentale per l’economia di una Regione ed ecco il perché dell’accorpamento delle funzioni. E per il nuovo “energico” Assessore un piccolo suggerimento: proviamo a finanziare quei privati che coprendo il loro tetto con i pannelli fotovoltaici, riescano a produrre una quantità di energia superiore ai loro bisogni familiari. L’energia che avanza la rivendiamo alle compagnie elettriche e con i soldi ricavati un po’ alla volta rientriamo dei costi sostenuti all’acquisto dei pannelli fotovoltaici. In questo modo le famiglie non spenderebbero più nulla per l’elettricità, la Regione rientrerebbe dell’investimento e avremmo una maggior produzione di energia. Troppo facile? Attenzione: solo le idee riescono ad accendere lampadine senza bisogno della corrente.

Un pensiero su “Regione FVG: Accendiamo una lampadina al nuovo Assessore all’energia del FVG

I commenti sono chiusi.