Socchieve: inaugurata la 34esima edizione della “Rassegna carnica arte, cultura”

di Gino Grillo

È stata inaugurata al centro culturale di Socchieve la 34esima Rassegna carnica arte, cultura, curata come sempre dal comitato Gianfrancesco da Tolmezzo e il cui tema quest’anno è “Il futuro della tradizione”. L’inaugurazione è stata preceduta da un convegno dedicato ai problemi socio-economici della montagna friulana, al quale hanno preso parte autorevoli esponenti del mondo politico regionale e locale. In occasione del convegno è avvenuta anche la consueta consegna dei premi “Gianfrancesco 2012” . Il comitato organizzatore ha deciso innanzi tutto di premiare Confartigianato, per l’attività di valorizzazione e promozione delle attività e competenze artigianali, patrimonio culturale, sociale ed economico riconosciuto in tutto il mondo. Artigiani che partecipano a questa esposizione con i loro lavori, spesso innovativi, proiettati al futuro e che la mostra vuole premiare invitando i visitatori ad entrare nelle botteghe artigiane della Carnia. Un altro riconoscimento è andato alla scuola primaria di primo grado “Gian Francesco da Tolmezzo” per l’attività educativa e didattica volta a far conoscere ed apprezzare le opere di “Gian Francesco da Tolmezzo”, la più importante personalità pittorica friulana del secondo ’400. Premiato inoltre Luigi Pittini (Pittin), pittore dal percorso artistico poliedrico, che vive con disinvoltura ed elegante tenacia i suoi novant’anni di giovinezza, sempre appassionato della vita e dell’arte. La mostra ha lo scopo di valorizzare e promuovere le attività artigianali e artistiche di qualità e la creatività e l’ingegno degli imprenditori e degli artisti che operano nel settore. Un’occasione di riflessione sul tema del lavoro per riabilitare il “fare” pratico e rilanciare un patrimonio di saperi sconosciuto ai più. Con questa mostra (aperta fino al 26 agosto) gli organizzatori intendono dimostrare che è possibile rielaborare la tradizione e trasformarla in produzione culturale, con risvolti economici e sociali molto interessanti. Nelle sale uno spazio intero è riservato ai ricami, «esempio di passione e di abilità di infaticabili e sapienti mani di donne preziose che onorano ed esaltano questa vera e propria arte».

Un pensiero su “Socchieve: inaugurata la 34esima edizione della “Rassegna carnica arte, cultura”

  1. Ermes Dorigo

    MISTÎRS

    O ai imparât il mistîr dal fâri
    spiant un omp di Paulâr
    neri ch’al faseve pôre
    braz e vôi e dinc’ parfint
    cuanche al doprave il fôl.
    Lu ai viodût saborâ boris
    e bati cul marcjel il fier
    gjavant’int fûr portôns
    ringhieris par pojûi, ferâi
    cjacis falcets e ogni tant
    un crocifis par tombe, ancje.

    Il mistîr dal scalpelin
    lu ai lumât di gno nono:
    sielgi il clap cun atenzion
    studiant ‘int lis lineis di fughe
    e cjonçalu seont dibisugne.
    Po scussâlu cun piçui marcjei
    par fâ saligjos travets balconadis
    e slissâlu cun scalpei
    par inventâ lis piêris
    pal ont e pai seglârs.

    Il mistîr dal carpentîr
    M’al à mostrât gno barbe
    Ch’al à spindût la vite
    in Afriche e in Americhe
    daprûf di cjasis e palaz,
    sielgint breis breucis breôns
    e seâlis a misure
    cun tune voglade
    par meti su armaduris
    dome cun clauts e marcjel.

    Gno pâri mi à insegnât
    a no stâ mai dibant
    e a rangjami a fâ di dut.
    Voglant di ca e di là
    al à imparât mistîrs tanche al podeve:
    fin che al à vude fuarce
    al à fat stradis puints
    e cjasis tor pal mont.

    Tal ultin mi à mostrât
    cemût che si compuartisi
    cuanche si rive insomp:
    lâ vie cidîns, ma cence smenteâsi
    di dàur une lampade
    a chêi ch’a restin a scombati.

    Ju cognoss, i mistîrs,
    pûr no soi mestri in nuje.
    Mi rangj, mi messedi: in fin dai conts
    si vîf par imparâ a murî.

I commenti sono chiusi.