Archivio tag: aldo rossi

Aldo Rossi: ricordando Gaetano Scirea (Quattro taniche di benzina)

Per ricordare Gaetano Scirea pubblico un estratto da un mio libro mai pubblicato sugli eventi che hanno fatto la storia del pallone.

QUATTRO TANICHE DI BENZINA
di Aldo Rossi

Era nervoso Krystek Sienkiewicz anche se non se ne rendeva conto o forse era quasi arrabbiato; ma perchè Hernik a quell’ora, non lo aveva ancora chiamato? Eppure sapeva quanto fosse importante per lui che tutto fosse andato per il verso giusto; di Hernik però si fidava ciecamente fin da piccolo, quando lui che faceva parte dei grandi del quartiere, lo aveva difeso togliendolo da una brutta situazione in cui sicuramente lo avrebbero picchiato di brutto. Quell’episodio aveva fatto nascere la loro amicizia che continuava a distanza di tanti anni, anche se poi le loro strade si erano divise e Hernik a pallone non ci giocava più. Aveva lasciato a Krystek il sogno di potercela fare a sfondare in quel magico mondo che sono le squadre giovanili di una grossa squadra di calcio; una squadra che militava nella massima serie e che aveva vinto diversi scudetti, considerata da tutti tra le tre formazioni più forti della Polonia. Hernik no: aveva capito subito che il suo dribbling non era all’altezza, che faceva il doppio di fatica a tenere la palla per non farsela portare via, anche rispetto a ragazzi più esili e meno prestanti di lui, come era Krystek.

E allora con i pochi soldi ereditati alla morte del padre, si era comprato una 125 Fiat usata, ma tenuta bene ed era rimasto nell’ambiente del Gornik Zabre a fare l’autista per i dirigenti della squadra, nella speranza un giorno di poter diventare l’autista del presidente del club. Non erano tempi facili quelli in cui stavano vivendo Krystek e Hernik: la fine degli anni ottanta prometteva un futuro diverso per tutto il blocco Sovietico. Da più parti si sentiva dire in quei primi di settembre del 1989, che moltissimi Tedeschi dell’Est stavano cercando di scappare attraverso l’Ungheria che in quel period o, aveva rimosso le sue restrizioni al confine con l’Austria. Ma intanto dovevi fare i conti con la crisi economica e sopratutto con la benzina che non si trovava più in giro. Già la benzina. Aveva dovuto faticare parecchio Krystek per trovarla. Hernik gli avrebbe fatto il favore solo a condizione di trovargli quattro taniche di benzina, ma a quel favore era legato il futuro che Krystek sognava per se: essere notato da una grande squadra Europea. E le speranze erano riposte nell’osservatore straniero che Hernik avrebbe trasportato sulla sua 125.

Krystek giocava nelle giovanili del Gornik; l’osservatore sarebbe andato a visionare una partita della squadra maggiore che si giocava il sabato sera, per poi andarsene la domenica mattina. Quindi l’unica possibilità di Krystek per farsi notare, era che il suo amico Hernik consegnasse all’osservatore durante il viaggio, una videocassetta vhs che un cameraman della televisione Polacca aveva registrato durante un incontro della squadra giovanile del Gornik, in cui Krystek aveva segnato due gol e giocato piuttosto bene. Nulla lo avrebbe potuto fermare, neanche quelle quattro taniche di benzina pagate carissime al mercato nero e che personalmente aveva caricato nel bagagliaio della Fiat. Nell’attesa di quel fine pomeriggio che ormai era diventato tarda sera, nella mente di Krystek passava una specie di film al rallentatore: il suo amico Hernik alla guida della macchina fermo ad un bar che , mentre il dirigente del Gornik andava ad acquistare le sigarette, passava la videocas setta all’osservatore. Oppure no: sarebbe stato ancora meglio farlo mentre erano all’ingresso dell’aeroporto, proprio prima del ceck-in; sicuramente lì avrebbe dato meno nell’occhio.

Distratto dai suoi pensieri entrò in casa e meccanicamente accese la televisione; stava andando in onda il telegiornale e mostrava le immagini di una trasmissione sportiva straniera: doveva essere Italiana quella trasmissione, perchè riconobbe subito uno dei suoi idoli del calcio di quand’era piccolo: Marco Tardelli; ma era un Tardelli traballante e tremolante quello che vedeva sullo schermo e doveva stare anche poco bene perchè abbandonò subito lo studio con una faccia stravolta.

Krystek istintivamente alzò il volume e il giornalista che conduceva il telegiornale spiegò che quella trasmissione era “La Domenica Sportiva” italiana, dove era appena arrivata la notizia di un grave incidente stradale accaduto proprio in Polonia: all’ altezza di Rawa-Mazowiecka, l’autista di una 125 aveva sorpassato due tir ed era andato a scontrarsi frontalmente con un furgone “Zuk” che sopraggiungeva in direzione opposta. La Fiat, che trasportava nel bagagliaio quattro taniche di benzina, prese immediatamente fuoco. Nell’ urto si aprì soltanto la portiera posteriore dal lato ove era seduto un dirigente del Gornik Zabre che fu l’ unico a salvarsi. Nel rogo che ne seguì morirono l’autista, una interprete polacca e, a soli 36 anni, il vice allenatore e osservatore della Juventus Gaetano Scirea, inviato dall’allenatore Dino Zoff in qualità di o sservatore a visionare il Gornik Zabre, prossimo avversario dei bianconeri in coppa Uefa.

 Krystek rivide se stesso nel momento in cui caricava sull’auto le taniche e poi cominciò a correre senza fermarsi, come quando si continua ad inseguire quello che non puoi più sognare.

Aldo Rossi: curtes, all’Angolo della Musica di Udine si presenta il nuovo CD “Miôr fale curte”

P1020194T

Sarà presentato il 13 aprile alle ore 18.00 (giorno della sua uscita) all’Angolo della musica di via Aquileia a Udine, il nuovo CD di Aldo Rossi “Miôr fale curte” un album (richiesto “a gran voce” dai membri dell’”Aldo Rossi Fan Club” presente su FB) che è contemporaneamente un greatest hits, una raccolta di bravi nuovi e un modo per festeggiare i quasi 10 anni di “curtes” del cantautore friulano-carnico.

Ricordiamo che Aldo Rossi persegue una produzione costante nel tempo di due diverse tipologie di album: i CD di “curtes” e i CD “concept”:

 

  • Le “Curtes” sono state definite come delle “istant song” (canzoni istantanee) sono brani scritti e registrati sul momento (per lo più a tema satirico ) e hanno come argomento un fatto politico, sociale o culturale accaduto in Friuli o di livello nazionale. E’ l’equivalente musicale  di un articolo di cronaca, un modo per stimolare un punto di vista alternativo sugli eventi di cui si parla. Due sono i CD di “Curtes” pubblicati da Aldo: “Miôr curte” cjançons in mancul di 3 minûts” (2006) e “Curtes, ghitaris e curtìs” (2009).
  • Gli album “Furlan” (2008) e il doppio CD “La vite e la muart” (2011) sono invece le produzioni “concept” di Aldo Rossi, la cui peculiarità è che i testi di tutte le canzoni afferiscono tutte al medesimo argomento: la friulanità in “Furlan” e canzoni di vita e di morte nel doppio “La vite e la muart”; quest’ultimo album è scaricabile anche da “iTunes”.

 

“Miôr fale curte”  è una produzione anticonvenzionale in tutti i sensi: dalla custodia del disco in metallo assolutamente riciclabile come porta CD multiplo e che potrebbe fare una bella figura in una libreria, ai 27 brani ufficiali previsti  che diventano magicamente 28 non appena il supporto  viene inserito in un lettore di CD (non sveliamo la sorpresa sul contenuto della ventottesima traccia). Oltre a questo ci sono 2 bonus Track (la prima e la ventisettesima che non sono delle curte in senso stretto) e all’interno c’è pure un “bonus adesivo” che può fare da copertina al CD o essere collocato dove meglio si crede.

Dei brani contenuti 4 sono inediti e gli altri rappresentano i maggiori successi delle curte in questi 10 anni: Meteo Triestin –  Tocai a si po’ – La fine del mondo – Back in Friûl – Il mâl dal madòn – Briciola di pane – Put a none – Frico – La famee, tutti brani che hanno come spunto eventi o notizie di costume del Friuli o a carattere nazionale. Come sempre Aldo Rossi ha curato personalmente la composizioni dei testi e delle musiche, l’arrangiamento, la registrazione e il missaggio dei brani fino al mastering finale.

Anche le scelte di pubblicazione vanno assolutamente controcorrente: si torna al supporto musicale del CD, ma vengono abbandonati gli store digitali come “iTunes” o “Zune”; le canzoni contenute bell’album invece, sono già ascoltabili da quasi due mesi sul nuovo recentissimo “Friulian Streaming Music Channel”, raggiungibile all’indirizzo www.aldorossi.eu. Un canale su cui è possibile ascoltare tutte le canzoni passate e recenti di Aldo Rossi in “streaming audio” direttamente sul PC, sul tablet o sul telefonino, una sorta di “Spotify” personale che permette a chi si abbona di poter ascoltare per 24 ore al giorno in anteprima assoluta, tutte le nuove canzoni di Aldo Rossi (con i relativi testi anche tradotti) man mano che vengono composte e registrate, oltre a numerose “chicche” come ad esempio molte versioni “acustiche” di brani famosi che non saranno mai pubblicate su CD. Per Aldo Rossi il futuro dell’audio si chiama “Streaming” e sul “Friulian Streaming Music Channel” il futuro è già cominciato.

Per tutto il resto l’appuntamento è il 13 aprile all’Angolo della musica a Udine con la presentazione del nuovo CD “Miôr fale curte”.

Vota il sondaggio del BlogdiAldoRossi: alle elezioni politiche del 24-25 febbraio voterai? E se si, per chi?

Eccoci al primo sondaggio predisposto dal BlogdiAldoRossi, due quesiti sulle prossime elezioni per il rinnovo dei nostri rappresentanti alla Camera e al Senato.  Il sondaggio ha valore esclusivo tra i lettori del Blog e si può votare una sola volta per ogni singolo apparecchio (PC, smartphone o tablet) collegato. Dopo aver votato il post vi presenterà unicamente i risultati aggiornati al momento e non sarà possibile ripetere la votazione. Ovviamente viene garantita la segretezza del voto che servirà solo a fornire dati statistici che verranno pubblicati al termine del sondaggio.
BdAR

 

[poll id=”2″]

 

[poll id=”5″]

 

 

Collabora con noi, prova il sondaggio: rispondete ai due questiti e poi se volete visualizzate i risultati


Questo è un test per verificare il funzionamento del meccanismo dei sondaggi (Polls) che il BlogdiAldoRossi  vorrebbe proporvi prossimamente. Per favore votate a entrambi i quesisi e poi se volete visualizzate il conteggio delle risposte. Eventuali malfunzionamenti segnalateli a [email protected].

Grazie e mandi
BdAR

[poll id=”3″]

 

[poll id=”4″]

Friuli: grande successo di pubblico al Conciert pal Tiliment 2012


foto di Francesca Candolo.

Un importante successo di pubblico e interventi incisivi e informati al Conciert pal Tiliment organizzato ieri dal comitato ARCA e Radio Onde Furlane a Pontaiba di Pinzano. L’evento, a difesa del Tagliamento minacciato dal progetto autostradale Cimpello-Gemona, ha visto la partecipazione di 1.000-1.500 persone, in forte crescita rispetto allo scorso anno, complice un tempo splendido che ha consentito di ammirare i panorami della pedemontana e percorrere letteralmente i fiumi Arzino e Tagliamento. Visite guidate hanno permesso di spingersi alla confluenza dei fiumi e sulla cima del monte di Ragogna, grazie anche all’attivo contributo del WWF.

La kermesse musicale, aperta alle 14 dal raffinato cantautore tolmezzino Matteo Segrado e chiusa alle 20.30, a sole ormai tramontato, dagli energici Truc, è stata condotta con la consueta competenza da Mauro Missana di Radio Onde Furlane, che ha curato la direzione musicale. Particolarmente nutrita, quest’anno, la presenza di musicisti carnici: oltre a Segrado, i giovanissimi rocker GBU, i MiG 29 over Disneyland – uno dei gruppi emergenti del rock indipendente italiano – che hanno presentato in anteprima il loro nuovo CD “Robis di fâ”, il cantautore Aldo Rossi, che con grande verve e franchezza ha catturato l’attenzione del pubblico, e infine l’intensa e emozionante cantautrice di Moggio Eleonora Cedaro, vera sorpresa della giornata, accompagnata dalla violinista Laura Comuzzi. Il rock friulano è stato invece rappresentato da Ulisse e i Ciclopi, vincitori del Premi Friûl 2011, dai potenti Pantan e dagli estrosi e suggestivi RuznoTone. Giuliano Baldin e Jvan Moda, voce dei Pantan e membro dei RuznoTone, hanno curato la parte tecnica.

Appassionati, com’era da aspettarsi, gli interventi che – novità di quest’anno – hanno inframmezzato le esibizioni musicali, da parte delle associazioni WWF, Legambiente e Tutela Ambiente Montano del Club Alpino Italiano, e dei comitati Per Altre Strade, Assieme per il Tagliamento, Movimento Tutela Arzino, No Tav Fvg, Comitato per la vita del Friuli rurale e infine del Coordinamento Territoriale Ambiente di Cordenons. Un saluto particolare è venuto dal sindaco di Pinzano Debora Del Basso che, assieme ai colleghi di Ragogna e Castelnovo e alle Province di Udine e Pordenone, ha patrocinato l’iniziativa.

In apertura e chiusura i consiglieri regionali Agnola e Colussi hanno sottolineato l’importanza dell’impegno assiduo dei tanti comitati e associazioni di cittadini a informare la popolazione, fatto che costituisce il sale della democrazia. Entrambi hanno richiamato il loro impegno contro il progetto autostradale e tutti quei progetti che, affrontati senza la necessaria trasparenza, generano un deficit di democrazia rivelandosi spesso privi del necessario consenso. Ma anche dei necessari requisiti, in primis quelli economici e quelli ambientali.

Il concerto è stata anche l’occasione per ribadire con forza che, mentre si ipotizzano discutibili opere di sviluppo infrastrutturale, si trascurano le infrastrutture esistenti, in particolare la ferrovia Gemona-Sacile minacciata di chiusura, eppure definita dal compianto regista Monicelli uno dei 100 più bei luoghi d’Italia.

Il Presidente di ARCA, nel ringraziare tutti (in particolare i musicisti che hanno suonato gratuitamente, Radio Onde Furlane, i tecnici, il grafico Alessandro D’Osualdo che ha disegnato il volantino, le associazioni e i comitati partecipanti, l’associazione di Manazzons, i comuni e le province che hanno concesso il patrocinio e i volontari di Arca), ha dato appuntamento per la terza edizione il prossimo anno.

Pinzano: “Concert Pal Tiliment” rinviato al 09 settembre 2012 causa previsto maltempo

ALDO ROSSI LIVE al Conciert pal Tiliment (seconda edizione)

di Guglielmo Zisa

Era atteso per domani, ma le previsioni meteo non sono clementi. Salta così il “Concert Pal Tiliment”. Lo comunicano il comitato Arca e Radio Onde Furlane, organizzatori dell’evento giunto alla sua seconda edizione. Il concerto è così rimandato a domenica 9 settembre per tutelare la sicurezza e l’incolumità di spettatori e musicisti. La manifestazione si terrà sempre in località Pontaiba, nella frazione di Colle di Pinzano al Tagliamento e l’inizio verrà anticipato alle 11. Una giornata di musica sulle rive del Tagliamento per celebrare e difendere il fiume dal progetto della nuova autostrada Cimpello-Gemona. All’evento hanno dato la loro adesione numerosi esponenti della musica friulana: si esibiranno Arbe Garbe, Mig-29 over Disneyland, Ulisse e i Ciclopi, Truc, Aldo Rossi, Matteo Segrado, Pantan, G.B.U., The Good, The Bad and the Ugly, Eleonora Cedaro, Ruznotone. «Il concerto sarà un’occasione per fare conoscere la valle del Medio Tagliamento, un tesoro paesaggistico e un ecosistema incontaminato, oggetto di studio di numerose università europee che hanno definito il nostro fiume il “re dei fiumi alpini”», spiegano gli organizzatori, ricordando come «in questo tratto in cui il Tagliamento ha mantenuto il suo corso naturale si inserisca il progetto di costruzione dell’autostrada Cimpello-Sequals-Gemona». Secondo il progetto regionale proprio il luogo in cui si terrà il concerto dovrebbe essere occupato dall’uscita della galleria prevista nel territorio di Pinzano e da un alto viadotto che consentirà all’autostrada di superare l’Arzino e il tracciato ferroviario Gemona-Sacile. Novità dell’edizione 2012 sarà la presenza di numerose associazioni e comitati ambientalisti. Saranno presenti fra gli altri il Wwf con il presidente regionale Roberto Pizzutti, Legambiente con il presidente regionale Elia Mioni, i comitati Assieme per il Tagliamento, che si batte per la tutela del Tagliamento e contro le casse di espansione, e Movimento tutela Arzino .  

Aldo Rossi: su FB è nato l’Aldo Rossi Argentina Club de Fans

Lo potrete trovare a questo link su Social Facebook http://www.facebook.com/groups/355467051192309/ e per me è una gran bella soddisfazione:  è nato Aldo Rossi Argentina club de fans curato da alcuni amici Argentini tra cui alcuni figli di emigranti Friulani.

Sapevo di essere molto seguito e programmato sulle stazioni radio Argentine, ma adesso è una gran bella certezza 🙂 

Udine: Aldo Rossi finalista al Festival della Canzone Friulana 2012 con il brano “Strie”

 

Alla conferenza stampa organizzata a Villa Florio di Toppo a Buttrio, sono stati comunicati ufficialmente i nomi degli artisti ammessi alla serata del 29 settembre 2012  al Teatro Nuovo Giovanni da Udine. Erano presenti il direttore artistico del festival Sivilotti, l’organizer Pontoni, l’assessore alla cultura del Comune di Manzano Antonio Tessaro, L’Assessore Molinaro in rappresentanza della Regione, l’Assessore Macorig per la Provincia e l’Assessore Potocco per il comune di Buttrio.

53 le canzoni presentate, 18 quelle scelte x la finale  dalla giuria che era composta da Cossar, Ioime, Frigo, Miani, Cisilino e Sivilotti. La maggiorparte dei prescelti di oggi figurerà solo come autore, mentre largo spazio verrà dato a giovani interpreti che potranno cimentarsi con brani scritti da autori già affermati. Le votazioni finali nella serata del 29 settembre comprenderanno una giuria di esperti, l’orchestra e il pubblico presente in sala che “peserà” per il 50% dei voti.

Tra le canzoni prescelte per partecipare alla finale anche l’inedita “Strie” di Aldo Rossi