Archivio tag: celestino vezzi

Carnia: “Note di vita bellica in Carnia 1916-1917” con “I fusilâz” e “Le Portatrici carniche”, sei spettacoli che rileggono la Storia

Risultati immagini per “Note di vita bellica in Carnia 1916-1917”

R.C. dal MV di oggi.

Una rassegna nuova, e non soltanto perché si affaccia per la prima volta in Carnia: nuova anche per il suo modo di raccontare la Grande Guerra. Si tratta di “Pace alla guerra”, “Note di vita bellica in Carnia 1916-1917”, in scena con sei spettacoli a partire da martedì 25 aprile fino a sabato primo luglio in diversi paesi e città tra Carnia e Friuli. Sei performance fra storia, teatro e musica, che andranno in scena il 25 aprile a Cercivento, il primo maggio a Timau di Paluzza, il 21 maggio a Tolmezzo, il 2 giugno a Somplago (Cavazzo Carnico), il 29 giugno a Udine e il primo luglio a Forni Avoltri. Protagonisti principali saranno il giornalista Guerrino Pacifici (interpretato da Adriano Giraldi) e il tele-cine-operatore Miro Vojnovich (Maurizio Zacchigna), che racconteranno la Grande Guerra. Con loro anche le attrici Maria Grazia Plos e Roberta Colacino e il gruppo strumentale Lumen Harmonicum, che rivisiterà il repertorio italiano e austro-ungarico del periodo bellico. La cura del progetto (l’idea, i contenuti testuali e musicali, la supervisione) è di Massimo Favento; la regia teatrale è dell’Associazione Mamarogi e le illustrazioni – prodotte ad hoc sui personaggi delle storie, sono di Mauro Zavagno. “Pace alla Guerra” è un progetto di Lumen Harmonicum che si avvale del contributo della Regione Fvg e della collaborazione della Fondazione Luigi Bon. “Pace alla Guerra” è un’anteprima di “Carniarmonie”. «Parlare della Grande Guerra – spiega Celestino Vezzi – ha senso se si esce dalla retorica, si guarda oltre i forzati paraocchi, si dà spazio e voce non solo ai testi ufficiali, ma anche ai diari della gente comune, si evita di citare a ogni piè sospinto la parola Patria quale panacea giustificatrice di ogni scelta. In questo contesto alcuni termini assumono significati precisi e i riferimenti non sono casuali: disobbedienza, sacrificio, diserzione, follia, ideologia, memoria». Proprio queste, infatti, saranno le chiavi di lettura per i singoli episodi. La rassegna s’iniziera il 25 aprile, alle 16 alla Cjase da Int di Cercivento, con il primo spettacolo intitolato “Rapsodia di una pallottola. Backstage per giornalisti & plotone musicale su “I Fusilâz di Çurçuvint” che si raccoglie sotto il “cappello” della disobbedienza. Sul palcoscenico sono gli attori Adriano Giraldi in Guerrino Pacifici e Maurizio Zacchigna in Miro Vojnovich e nel Colonnello; con loro il Gruppo Strumentale Lumen Harmonicum (Chiara Minca – voce, Mauro Verona – corno, Marco Favento – violino, Massimo Favento – violoncello, Denis Zupin – percussioni). Attraverso i dialoghi degli attori e le “spiegazioni” musicali scorrerà un particolare racconto dell’episodio – ormai noto – de “I Fusilâz di Çurçuvint”, il tragico caso di Silvio Gaetano Ortis e di altri tre alpini fucilati dai Carabinieri per essersi rifiutati di sostenere un attacco decisamente suicida contro una postazione austriaca sulle montagne che loro conoscevano tanto bene, pur avendo proposto una valida alternativa. Un caso estremo di disobbedienza (e purtroppo di giustizia sommaria) ancora molto dibattuto nel quale la logica irrazionale della disciplina militare prese il sopravvento su buonsenso e umanità. Lo spettacolo rovescia la prospettiva dando la parola non alle vittime, ma al plotone d’esecuzione. Il secondo appuntamento si terrà il primo maggio alle 16 a Timau di Paluzza nella sala parrocchiale San Pio X, quando si parlerà del senso di sacrificio. “L’amica di Maria” sul mito di Maria Plozner & delle Portatrici Carniche affronterà ancora un caso più e più volte discusso, quello delle Portatrici Carniche, di cui Maria Plozner, uccisa da un cecchino, è l’emblema. Gli spettacoli continueranno il 21 maggio, il 2 giugno, il 29 giugno e il primo luglio con altri quattro episodi-reportage nei quali si rileggono alcune pagine divenute aneddoti e leggende con gli occhi esterni delle persone comuni, dei non protagonisti. 

Celestino Vezzi: recensione del CD “La vite e la muart” di Aldo Rossi

P1010703

 Sot chest titul al si disvuluce fûr la dople fadie di Aldo dai Ros, fadie dople pal fat che si trate di doi discuts che ai cjape denti vincj tocs, cun tescj vistîts di musiche che ai van a disegnâ un troi tra la vite e la muart. Il lavôr al è dedicât a mâri Melie, insindilade tal 2009, e al so paîs di Dinplan.

Il teme da vite e da muart al è simpri vîf no dome tal mont dal art in gjenerâl, ma encje tal cjacarâ di ogni dì da int; dopo dut vin da rindisi cont che apene che si nas si mûr un pouc in dì encje se a nou no nus pâr vere.

L’impuartant al è cjapâ la vite ta juste dimension cence stâ trop a filâ su chê che a sarà la noste muart, ma pensant inant al nosti vîvi magari encje ridintsi intorn, se a covente, cuntun fîl di irunie.

Irunie: cheste a podares jessi encje la paraule ch’a segne pouc o trop dut chest lavôr di Aldo dai Ros.    

Il CD ‘La vite’ al si vierç cuntune sorte di propagande/invît dal Gjaul al so mont di tentasion, in veretât une liste di tramais dulà che dispès ognun di nou al cole denti. ‘Hasta companero’, in talian cun cualchi batude in furlan: la libertât di une sere incolme di sums ch’a sbat cuintre la realtât di un lampegjant, une palete, une soflade… il display al segne la misure dal gno vei esagjerât, un segnâl, un campanel da scoltâ: la vita compagnero ci sorpassa e se ne va, la vita compagnero sorpassa e se ne va, la vita compagnero passa e non tornerà.

Jo mûr: un cjalt invît a no vendi i valôrs come chei da dignitât, da identitât e soredut a scombati parcè che la libertât no à preisi.

Rampini: cjalâ la vite come che si tratas di rampinâ in mont, un confront che al si maride une vôre ben cunsiderât che ogni dì si cjatìn a vei a ce fâ cun trois, crets, slacs plui o mancul figurâts. E la sodisfasion di podei svissinâsi simpri un pouc plui viers ‘chel puest plui biel dal mont ‘là ch’a disin ch’al è il Signôr.’

Delicât e plen di afiet il toc dedicât a Nône: intal so grim tancj (come Aldo) àn suât âgrimas, cjareçât ilusions, dismenteât i tuarts.

Preiere di Nadâl: las paraulas di pre Antoni Beline, un grant om da noste cjere, vistidas di musiche e di calôr. Une orasion sclete e sincere par invidâ il Signôr a judânus a fâ un tichinin di netîsie denti di nou.

Pure ironie, ta rielaborasion dal test di Guido Carrara La balade dal pizighet, presint tai nostis paîs in cont a un lavôr simpri cjalât un tichinin in sbiêgo; la realtât a la fin a drece dut e fâ il pizighet al è tant che fâ un cualsisêti lavôr.

Inmò ironie encje in La fine del mondo tant propagandade, cualchi an fa, cun calcui e profesìas cence fin; tal test, in talian, Aldo al va a sliserî cheste grande disgracie lant a meti in lûs alc di pusitîf che a puartarà cun sei cunsiderât che ‘povero o ricco in quel dato momento se la strizzeranno uguale’.

Plui impegnât e concret 21 gr. (svuali vie): un pinsîr a vous alte che al pant il moment che une persone a va, a mudâ stât, a mudâ condision: pal arie a cjalâ jù il mont.

Ma la vite a è fate encje di roubas bielas e par doi che si vulin bon dut al cambie, si cjape gust encje a fâ piruletas tal prât, scjaldâsi davant di une cjalde flame; fintramai cui che si cjate pa strade al è diviers: Ce biel.

 Il CD La muart al si vierç propit cuntun toc dedicât a chê femine Ben vistide e petenade; poucjas peraulas par riguardâ la poure di ogni om a sintî cjacarâ di jei. A la fin dut al è nue e, lant a urî ta poesie di Ungaretti, Aldo al siere ‘e si sta come las fueis sui arbui dopo l’istât e cui sà chel sbuf di arie là ch’a nus puartarà’.

Un sabide si sere di chei che masse volte ai puartìn a bevi, a cori, a spasamâsi par strengi il… nue; Aldo al à cjatât ta La mê rosse (che mi pâr di capî ch’a sêti la sô chitare) la solusion a tancj moments plui o mancul dificìi da vite: i deits ch’ai cjarece las sôs cuardas, segnâl di une amicissie che no si crevarà mai.

In Plaçute Salon un bacon di vite di paîs al cjape vite e sostance, cu la int impegnade tai lavôrs di ogni dì, sons e rumôrs ai emplin e ai dan moviment a chest che al samèe un cuâdri di aitis timps. Intaressant encje i tancj riferiments ai nons di lûc, par no pierdi dal dut la memorie.

Ta vite si cjatisi, timp o tart, a domandâsi il parcè da noste vite; cussì al fâs encje Aldo in A lassù: distudâ la lûs la sere e riviodi in curt il scombatiment di dute la sornade e no cjatant cualchi bon cjaveç l’amare domande ‘se par stâ in pâs spietìn l’eternitât, dimi ce ch’i stoi a fâ a ca jù.’

Las peraulas di un’âti grant personagjo da Cjargne, Giorgio Ferigo, par contâ la storie di un amôr fûr vie finît malamenti La sô puema: un toc simpri biel, un amôr scombatût, un rimuars ch’al travane une vite e la consume tal cidìn fint a la muart.

Une sensibilitât lisere a invuluce la volontât di un fî incjadenât tal cuarp e metût a tasei da une disgracie, pandût cun delicatece cul pinsîr che dome un pâri al sa lei: Pâri. Riferiment precîs a Eluana Englaro e a so pâri.

Il taramot dal 1976 al à segnât la noste storie tant al è vêr che tal nosti cjacarâ si fâs riferiment a prin e dopo di cheste grande disgracie; Cjalde chê sere a conte propit chê sere dal 6 di mai ‘masse biele par vei di murî’.

Tal cori dai dîs a ven ogni tant la vôe di tornâ indaûr e riviodi i pàs fats; in Si podès, lant a urî tal pinsîr di J.J.Borges, Aldo al passe tal tameis diviers fats da vite pandint la gole di ravuei dongje e tornâ a gjoldi dai moments scjampâts e no vivûts ta juste dimension. Ma dut chest al reste dome un desideri ‘si podès tornâ un’âte volte a nassi no sarès plui chel distès’.

Simpri las dificultâts dal vivi encje tal toc Masse facil cul invît a cjapâ posision, a mostrâ i dincj cuant che a covente. Il mont nol è come une bufule di savon e no baste une ariscle pal fâlu sclopâ.

A sierâ chest lavôr Grant: un ricuart plen di amôr par une figure che, i pensi par ducj, a è une vôre impuartant ta vite di ogni persone. Di cheste presince a si sint simpri di plui la mancjance cuant che a no è plui e alore al ven da pensâ a ce che si vores podût dî e fâ e che no si à det e fat. E a emplâ chescj vueits al reste dome il ricuart.

 Scoltâ la fadie di Aldo dai Ros a invide a rasonâ un tichin sôre ai tancj turtiçs che la vite a nus presente cul invît, a voltas palesât e a voltas platât, a fâsi domandas, a lotâ, muardi s’a covente, tegni da cont dignitât e identitât, scombati.