Archivio tag: curte

Aldo Rossi: curtes, all’Angolo della Musica di Udine si presenta il nuovo CD “Miôr fale curte”

P1020194T

Sarà presentato il 13 aprile alle ore 18.00 (giorno della sua uscita) all’Angolo della musica di via Aquileia a Udine, il nuovo CD di Aldo Rossi “Miôr fale curte” un album (richiesto “a gran voce” dai membri dell’”Aldo Rossi Fan Club” presente su FB) che è contemporaneamente un greatest hits, una raccolta di bravi nuovi e un modo per festeggiare i quasi 10 anni di “curtes” del cantautore friulano-carnico.

Ricordiamo che Aldo Rossi persegue una produzione costante nel tempo di due diverse tipologie di album: i CD di “curtes” e i CD “concept”:

 

  • Le “Curtes” sono state definite come delle “istant song” (canzoni istantanee) sono brani scritti e registrati sul momento (per lo più a tema satirico ) e hanno come argomento un fatto politico, sociale o culturale accaduto in Friuli o di livello nazionale. E’ l’equivalente musicale  di un articolo di cronaca, un modo per stimolare un punto di vista alternativo sugli eventi di cui si parla. Due sono i CD di “Curtes” pubblicati da Aldo: “Miôr curte” cjançons in mancul di 3 minûts” (2006) e “Curtes, ghitaris e curtìs” (2009).
  • Gli album “Furlan” (2008) e il doppio CD “La vite e la muart” (2011) sono invece le produzioni “concept” di Aldo Rossi, la cui peculiarità è che i testi di tutte le canzoni afferiscono tutte al medesimo argomento: la friulanità in “Furlan” e canzoni di vita e di morte nel doppio “La vite e la muart”; quest’ultimo album è scaricabile anche da “iTunes”.

 

“Miôr fale curte”  è una produzione anticonvenzionale in tutti i sensi: dalla custodia del disco in metallo assolutamente riciclabile come porta CD multiplo e che potrebbe fare una bella figura in una libreria, ai 27 brani ufficiali previsti  che diventano magicamente 28 non appena il supporto  viene inserito in un lettore di CD (non sveliamo la sorpresa sul contenuto della ventottesima traccia). Oltre a questo ci sono 2 bonus Track (la prima e la ventisettesima che non sono delle curte in senso stretto) e all’interno c’è pure un “bonus adesivo” che può fare da copertina al CD o essere collocato dove meglio si crede.

Dei brani contenuti 4 sono inediti e gli altri rappresentano i maggiori successi delle curte in questi 10 anni: Meteo Triestin –  Tocai a si po’ – La fine del mondo – Back in Friûl – Il mâl dal madòn – Briciola di pane – Put a none – Frico – La famee, tutti brani che hanno come spunto eventi o notizie di costume del Friuli o a carattere nazionale. Come sempre Aldo Rossi ha curato personalmente la composizioni dei testi e delle musiche, l’arrangiamento, la registrazione e il missaggio dei brani fino al mastering finale.

Anche le scelte di pubblicazione vanno assolutamente controcorrente: si torna al supporto musicale del CD, ma vengono abbandonati gli store digitali come “iTunes” o “Zune”; le canzoni contenute bell’album invece, sono già ascoltabili da quasi due mesi sul nuovo recentissimo “Friulian Streaming Music Channel”, raggiungibile all’indirizzo www.aldorossi.eu. Un canale su cui è possibile ascoltare tutte le canzoni passate e recenti di Aldo Rossi in “streaming audio” direttamente sul PC, sul tablet o sul telefonino, una sorta di “Spotify” personale che permette a chi si abbona di poter ascoltare per 24 ore al giorno in anteprima assoluta, tutte le nuove canzoni di Aldo Rossi (con i relativi testi anche tradotti) man mano che vengono composte e registrate, oltre a numerose “chicche” come ad esempio molte versioni “acustiche” di brani famosi che non saranno mai pubblicate su CD. Per Aldo Rossi il futuro dell’audio si chiama “Streaming” e sul “Friulian Streaming Music Channel” il futuro è già cominciato.

Per tutto il resto l’appuntamento è il 13 aprile all’Angolo della musica a Udine con la presentazione del nuovo CD “Miôr fale curte”.

Aldo Rossi: in anteprima l’elenco dei brani contenuti nel nuovo doppio CD “La vite e la muart”

Tutto è pronto per l'uscita in otto stores musicali tra cui ITunes, Zune, Nokia Store , Amazon e anche sul tradizionale supporto fisico, di “La vite e la muart”  il nuovo doppio CD “concept” del cantautore e producer musicale friulano Aldo Rossi. Oltre due anni e mezzo di lavoro per un progetto che inizialmente doveva essere un  CD singolo e che ha avuto un notevole sviluppo creativo, fino ad arrivare ad un totale di 20 canzoni di cui 15 inedite, 3 cover e 2 poesie cui è stata scritta la musica originale. Tra i brani che saranno i singoli programmati dalle radio e proposti dai DJ’s, “Il Gjaul” (singolo anteprima che apre il CD “La vite”), “Hasta Companero (brano sulle stragi del sabato sera), “Rampini” (canzone tutta d’un fiato, con le emozioni di un’arrampicata in montagna), la dolcissima “Plaçute Salon” (una sorta di piccola "Spoon River" di Piano d'Arta dove  per ogni abitante della piazza  c'è  un'immagine che lo ricorda) Continua a leggere

Parigi: Depardieu serve il “frico” friulano nel suo ristorante

Gerard Depardieu, testimonial del vino del Friuli venezia Giulia allo scorso Vinitaly, ha inserito il 'frico' nel menu' del suo ristorante parigino, La Fontaine Gaillon, dopo averlo apprezzato proprio in occasione del recente evento enologico a Verona. Alla presentazione della nuova proposta di cucina tipica voluta dall'attore e produttore francese, in programma domani sera nel locale che si affaccia nella storica piazza dell'Opera di Parigi , partecipera' anche il vicepresidente del Friuli Venezia Giulia, Luca Ciriani. Un invito, quello di Depardieu, che Ciriani ha accolto "con immenso piacere perche' certifica quanto egli abbia gradito ospitalita' e prodotti del nostro territorio, decidendo di promuovere le specialita' localmente piu' rinomate in un ambito internazionale di alto livello come quello parigino". Per l'occasione, lo chef del La Fointane Gaillon, Laurent Adiot, sara' affiancato da un cuoco friulano inviato nella capitale francese per svelare tutti i segreti del frico al collega transalpino. Il frico, servito come antipasto o secondo piatto, e' una tipica preparazione friulana, originaria dei monti della Carnia, che consiste in una pietanza composta di patate e formaggio Montasio. I due ingredienti vengano tagliati a fettine e disposti a strati in una padella coperta. In cottura il frico viene girato su entrambi i lati per farlo dorare uniformemente. Alla ricetta originale possono venire aggiunte pancetta, o speck, cipolle e uova.

Parigi: Depardieu serve il “frico” friulano nel suo ristorante

Gerard Depardieu, testimonial del vino del Friuli venezia Giulia allo scorso Vinitaly, ha inserito il 'frico' nel menu' del suo ristorante parigino, La Fontaine Gaillon, dopo averlo apprezzato proprio in occasione del recente evento enologico a Verona. Alla presentazione della nuova proposta di cucina tipica voluta dall'attore e produttore francese, in programma domani sera nel locale che si affaccia nella storica piazza dell'Opera di Parigi Continua a leggere