Archivio tag: curtis ghitaris e curtìs

Carnia: il comune di Tolmezzo riveda le regole sulla TARI

Risultati immagini per tari

di Tita De Stalis Ravascletto.

ho letto sulle pagine del Messaggero Veneto riservate alla cronaca di Tolmezzo, che l’amministrazione del capoluogo carnico è intenzionata a rivedere le regole sulla raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Mi sono addentrato nel contenuto dell’articolo e ho, purtroppo, dovuto prendere atto che la revisione delle tariffe riguarderà soltanto gli esercizi commerciali, che prossimamente pagheranno solo per i rifiuti realmente prodotti. L’Ascom plaude all’orientamento dell’amministrazione tolmezzina e si augura che altri comuni della Carnia facciano altrettanto. Bene, io dico, è giusto così e non a calcoli cervellottici. Ma, visto che ci siamo, non sarebbe opportuno rivedere tutti i concetti o le regole relative a quella tassazione? Se una persona possiede, per averlo ereditato, un attico che però non utilizza in quanto non ne ha necessità, ne può affittarlo, che so, perchè non gode di certi servizi ritenuti indispensabili, o meglio ancora perchè non c’è richiesta, deve pagare la Tari in base ai metri quadri dell’appartamento o del locale a disposizione, e poco importa se non c’è nessuno che li produce, in quanto chiusi dall’1 gennaio al 31 dicembre. Che sia il caso di importunare la Suprema corte, che poi risponderà con tutta la calma possibile e immaginabile, per verificare se per un servizio non richiesto e non reso, sia costituzionalmente lecito richiedere il pagamento? La tassazione, si badi bene, avviene sulla base dei metri quadri interessati, come se i metri quadri producessero rifiutii. Se qualcuno vuole essere esentato, deve prendere ciò che è contenuto nel fabbricato in questione (mobili e cianfrusaglie varie) e darlo alle fiamme. Mi pare abbastanza evidente che siamo all’assurdo dell’assurdo e che, purtroppo, siamo in Italia, una nazione che si rifiuta di fare le cose con la testa, preferendo continuare a farle con i piedi. “Ma à da venì baffone” !

Parigi: Depardieu serve il “frico” friulano nel suo ristorante

Gerard Depardieu, testimonial del vino del Friuli venezia Giulia allo scorso Vinitaly, ha inserito il 'frico' nel menu' del suo ristorante parigino, La Fontaine Gaillon, dopo averlo apprezzato proprio in occasione del recente evento enologico a Verona. Alla presentazione della nuova proposta di cucina tipica voluta dall'attore e produttore francese, in programma domani sera nel locale che si affaccia nella storica piazza dell'Opera di Parigi , partecipera' anche il vicepresidente del Friuli Venezia Giulia, Luca Ciriani. Un invito, quello di Depardieu, che Ciriani ha accolto "con immenso piacere perche' certifica quanto egli abbia gradito ospitalita' e prodotti del nostro territorio, decidendo di promuovere le specialita' localmente piu' rinomate in un ambito internazionale di alto livello come quello parigino". Per l'occasione, lo chef del La Fointane Gaillon, Laurent Adiot, sara' affiancato da un cuoco friulano inviato nella capitale francese per svelare tutti i segreti del frico al collega transalpino. Il frico, servito come antipasto o secondo piatto, e' una tipica preparazione friulana, originaria dei monti della Carnia, che consiste in una pietanza composta di patate e formaggio Montasio. I due ingredienti vengano tagliati a fettine e disposti a strati in una padella coperta. In cottura il frico viene girato su entrambi i lati per farlo dorare uniformemente. Alla ricetta originale possono venire aggiunte pancetta, o speck, cipolle e uova.

Parigi: Depardieu serve il “frico” friulano nel suo ristorante

Gerard Depardieu, testimonial del vino del Friuli venezia Giulia allo scorso Vinitaly, ha inserito il 'frico' nel menu' del suo ristorante parigino, La Fontaine Gaillon, dopo averlo apprezzato proprio in occasione del recente evento enologico a Verona. Alla presentazione della nuova proposta di cucina tipica voluta dall'attore e produttore francese, in programma domani sera nel locale che si affaccia nella storica piazza dell'Opera di Parigi Continua a leggere

Tolmezzo: Aldo Rossi “Live at Museum”

Aldo_live_a_UdinVenerdì 19 giugno 2009 alle ore 18.00 presso il Museo Carnico delle Arti e Tradizioni Popolari "Michele Gortani" di Tolmezzo, Aldo Rossi presenterà con una esibizione live di circa 1 ora, il suo ultimo CD intitolato "Curtis, Ghitaris e Curtìs" di cui è autore ed interprete. Un disco che segue quello uscito a fine 2007 intitolato "Furlan", ma che si ricollega direttamente a "Miôr curte" uscito nel 2006. Questo lavoro raccoglie tutte le "curte" scritte da Aldo dal 2006 ai giorni nostri e pubblicate fino ad ora, solamente sulla rete; ricordiamo che le "curtes" sono l’equivalente musicale di un articolo di cronaca: su di una notizia un giornalista scrive il suo pezzo, Aldo Rossi ci compone una canzone. Questi brani normalmente hanno un arrangiamento "chitarra e voce", una durata che può essere anche breve e un testo graffiante che esprime un punto di vista decisamente insolito.

L’evento si terrà nella sala grande Centro di coordinamento della Carnia con ingresso libero.

Aldo Rossi ospite al Centro civico di Tavagnacco 18/03/2009


Aldo Rossi sarà ospite sarà ospite mercoledì 18 marzo alle 20.30 alla presentazione del nuovo numero de "La Patrie dal Friûl – Speciâl Internet" alle 20.30 presso il Centro civico di piazza Di Prampero a Tavagnacco; saranno presenti oltre ad Aldo, Mario Pezzetta sindaco di Tavagnacco e Christian Romanini vicedirettore della rivista. A tutto il pubblico presente sarà regalata una copia della rivista.

Aldo Rossi ospite a Telefriuli e RAI Radio1 10/02/09

_DSF3542

Continuano gli appuntamenti per la presentazione del nuovo CD di Aldo Rossi "Curtis, ghitaris e curtìs".

Per Martedì 10 febbraio 2009 è previsto un doppio appuntamento:

  • Sulle frequenze di RAI Radio1 alle ore 15.15, Aldo sarà ospite della trasmissione "Vuê o fevelìn di…" intervistato dal giornalista Alessandro Montello.
  • A Telefriuli nella trasmissione "Lo Scrigno" alle ore 21.00 ospite di Daniele Paroni.