Archivio tag: divertimento

Venzone: a ottobre 2015 tornerà la Festa della zucca

di Piero Cargnelutti.
La Festa della zucca tornerà a Venzone a partire dal prossimo autunno, nei numeri e nelle dimensioni che aveva un tempo. A confermare la notizia è il sindaco di Venzone Fabio Di Bernardo: «Si trattava – spiega il primo cittadino – di una manifestazione in grado di attirare 50-60 mila persone e dunque con grandi ricadute per l’intero territorio. Con questo spirito mi sono confrontato con la Regione nella persona del vice presidente Sergio Bolzonello, riproponendo la Festa delle zucca come uno dei grandi eventi finalizzati a promuovere il territorio. La Regione, che ringrazio, ha capito e ci è venuta incontro dando un contributo da 10 mila euro sia al Comune che alla Pro Venzone». Il sindaco Di Bernardo ha anche chiesto la collaborazione della Camera di commercio di Udine e della Comunità montana, e allo stesso tempo ha avviato una serie di incontri con la Pro Venzone e le associazioni di volontariato che anche in passato davano il loro contributo per la buona riuscita del grande evento, e ora si prepara a sentire anche i commercianti. Al momento è anche già stata fissata la data, ovvero il weekend del 24 e 25 ottobre. Tra gli obiettivi, vi è proprio la volontà di riproporre una grande manifestazione così come era stata organizzata in passato, ricca di proposte gastronomiche, mercatini, partecipazione di gruppi storici, e soprattutto in grado di attirare decine di migliaia di persone a Venzone. «Sarà costituito un comitato – spiega il sindaco Di Bernardo – al quale parteciperanno tutte le associazioni, dove la Pro Venzone avrà sempre un ruolo importante di coordinamento ma anche l’amministrazione comunale sarà parte attiva con l’assessore Franco D’Angelo e il consigliere Eros Saidero. Era un impegno che ci eravamo presi l’anno scorso in campagna elettorale e in tempi difficili come questi riteniamo sia un segnale importante in particolare per la comunità di Venzone ma in generale per tutto il territorio». Dopo numerose edizioni che avevano riscontrato un grande successo, la Festa della zucca era stata interrotta a causa del brutto tempo che aveva causato non poche problematiche economiche alla stessa Pro Loco, che oggi invece sono state risolte. L’anno scorso, in mancanza della festa, i commercianti avevano organizzato “Venzonevo”.

La “Carnia Classic M.te Fuji-Zoncolan” alla “Amstel Gold Race”

 __Vela Carnia Classica alla AGR
La
Carnia Classic M.te Fuji-Zoncolan grande protagonista alla Amstel Gold Race, la prova olandese del World Tour vinta dal campione del mondo Michal Kwiatkowski. La vela che raffigura la gran fondo friulana in programma domenica 30 agosto, posizionata nell’ascesa del Cauberg (lo strappo più famoso della prima prova del Trittico delle Ardenne), è stata lungamente inquadrata dalla regia televisiva e di conseguenza le immagini hanno fatto il giro del mondo. In particolare la telecamera si è soffermata sulla vela nel penultimo passaggio, quello che ha visto transitare in testa Vincenzo Nibali, autore di una bella prova al rientro dopo quasi un mese di assenza dalle gare.

Nei minuti e nelle ore successive gli organizzatori dell’ASD Carnia Bike hanno ricevuto molti messaggi e chiamate da chi ha assistito alla “classica della birra”, che solo in Italia ha coinvolto più di un milione di telespettatori fra Raitre e Eurosport.

 
La Carnia Bike è stata protagonista peraltro anche il giorno precedente, perché tre suoi esponenti hanno preso parte alla prova di 250 chilometri riservata agli amatori e cioè Michele Sulli, Gianluca Di Stefano e Riccardo Pittin. 
 
Nel frattempo continua a crescere il numero degli iscritti alla Carnia Classic M.te Fuji-Zoncolan, che prevede due percorsi entrambi con partenza ed arrivo a Tolmezzo: la gran fondo di 134 km, con dislivello di 3080 metri, e la cicloturistica di 62 km (dislivello 1650 metri).  
 
Per tutte le informazioni e le modalità di iscrizione consultare il sito www.carniabike.it/carniaclassic

Tolmezzo: il Trofeo Carnia in Mtb si rinnova, le novità nella ventunesima edizione

__CmbTrofeo 1
La ventunesima edizione del Trofeo Carnia in Mtb, una delle manifestazioni ciclistiche più longeve a livello regionale, propone quest’anno una nutrita serie di novità.

L’organizzazione è ovviamente sempre curata dall’Asd Carnia Bike, che opera in quest’ambito sotto l’egida della Uisp, ma ci sono importanti variazioni nella composizione del gruppo di persone che curerà la manifestazione: «Doveroso un ringraziamento a Gianni Burba e a tutti gli organizzatori locali che in questi vent’anni si sono prodigati nel creare e sviluppare un circuito di assoluto pregio – dice Roberto Giazzon, assieme a Manuel Mazzolini a capo della nuova struttura -. Il nostro obiettivo è rilanciare ed innovare il Trofeo, puntando a ritrovare il numero dei partecipanti e l’entusiasmo di un tempo».

Una delle prime decisioni è stata la drastica riduzione delle prove, che scendono da 14 a 7 allo scopo di offrire più libertà ai bikers, permettendo loro di completare il circuito con un impegno meno pesante rispetto al passato. Anche nella tipologia di gare c’è un’impronta diversa: «Accanto alle classiche cross country come Verzegnis, Preone, Ravascletto e Forni di Sopra, ci sarà una sola cronoscalata contro le tre del 2014, quella di Pramosio, abbinata come sempre al “Volo dell’Aquila” di corsa in montagna – spiega Giazzon -. Puntiamo poi molto sul Rally di Verzegnis, composto da una prova in salita, una in discesa e una in circuito, ed alla finale in notturna sul percorso della pista di sci di fondo “Laghetti” di Timau».
C’è poi un’altra novità alla quale Carnia Bike crede molto, ovvero il raduno di Moggio Udinese, organizzato dalla locale scuola nazionale di Mtb, che prevede un tracciato facile ed uno più tosto sul percorso del “Cjasut dal sior”, vera tappa obbligata per chiunque ami la mountain bike. Il raduno sarà escursionistico, senza classifica, ma necessario per completare il Trofeo e partecipare all’estrazione dei premi fedeltà finali.

Nel solco del passato, permane la possibilità di partecipare alle gare anche per chi non è tesserato o non ha fatto la visita medica agonistica; sarà sufficiente infatti il certificato di buona salute.

Questo il calendario completo: 14 giugno Preone, 18 luglio Ravascletto, 2 agosto Verzegnis, 9 agosto Moggio Udinese, 16 agosto Forni di Sopra, 6 settembre Paluzza/Pramosio, 12 settembre Timau.

Ulteriori informazioni e notizie costantemente aggiornate si possono trovare sul rinnovato sito www.carniabike.it/trofeocarniamtb.

Chiusaforte: Sella Nevea, gran finale della stagione con la scialpinistica

di Giancarlo Martina.

La stagione regionale dello sci 2014–2015 ormai è finita quasi in archivio, ma a Sella Nevea si scia ancora e nel fine settimana le sue nevi ospiteranno l’evento clou dell’internazionale scialpinistica del Canin in programma domenica prossima. La partenza della competizione a coppie, giunta alla 60ª edizione, sarà data alle 9, mentre, a seguire, alle 9.30 sarà dato il via alla gara individuale (pastasciutta e grigliata alle 12, premiazioni alle 15). «È stata una stagione tutto sommato positiva per Sella Nevea quella che si concluderà domenica 26 aprile, che segna un buon incremento delle presenze rispetto alla passata stagione – commenta il maestro di sci Ivano Sabidussi dell’associazione Sistema Sella Nevea -; ciò, grazie alla riapertura dello Sport Hotel, apprezzato anche dalla clientela dell’Est Europa, alla riconferma di presenze all’Hotel Canin e alla clemenza del tempo che ha regalato molte giornate di sole con temperature relativamente basse, permettendo ai tecnici della Promotur di mantenere un perfetto innevamento delle piste (e la discesa del Canin è tuttora sciabile fino a valle)». Soddisfatti, dunque, anche gli altri operatori turistici che in settimana si ritroveranno per la programmazione della stagione estiva e porre le basi per il prossimo inverno, nell’auspicio che le buone notizie che giungono dalla Slovenia si concretizzino con la riapertura del collegamento sciistico transfrontaliero con Bovec. Fervono, dunque, i preparativi per la scialpinistica che vede impegnati i soci dell’Us Ribl assieme a quelli del Sistema Sella Nevea. Grazie alle copiose nevicata che sul Canin non mancano mai la corsa avverrà quasi integralmente sull’itinerario delle ultime edizioni, con lo sconfinamento in Slovenia attraverso lo spettacolare passaggio del monte Forato. In pista saranno i più forti atleti italiani, sloveni e austriaci, mentre sul palco delle premiazioni è annunciata la presenza di ospiti graditi come la pluricampionessa olimpica e mondiale Gabriella Paruzzi e le icone dell0alpinismo Nives Meroi e Romano Benet, con Luciano Zanier nelle vesti di starter e commentatore. A completare il programma, è prevista sabato la gara di slalom gigante dei maestri di sci della regione. Aperto nel fine settimana, infine, anche NeveeSnowpark sulla pista per gli amanti del freestyle, servita dalla seggiovia del Prevala.

Carnia: “Friûl trek & trout”, una rete di accompagnatori turistici volontari

di Tanja Ariis.

In Carnia si lavora per creare una rete di accompagnatori turistici volontari. Si è già costituita l’associazione no profit “Friûl trek & trout” alla scoperta di un Fvg a diretto contatto con la natura, mentre la cooperativa Cramars si sta attivando per la creazione dell’associazione “Carnia Greeters” che tocca anche altri ambiti. Sono già state poste le basi, spiega Emanuele Feruglio di “Friûl trek & trout”, per una collaborazione tra le due associazioni. Tali realtà, pur essendo di volontariato, potranno far crescere in loco i servizi per il turista e lo spirito di accoglienza. “Friûl trek & trout” è stata ufficialmente creata il 25 febbraio, ha sede a Tolmezzo e opera su tutto il Fvg (ha già una sua pagina Facebook e il sito web è in costruzione). Il programma di iniziative sarà reso noto entro un mese. Nasce dalla passione e dal legame di alcuni giovani volenterosi verso la natura e l’ambiente selvaggio e incontaminato della Carnia e conta già una quindicina di soci, metà dei quali carnici,con un’età che va dai 24 ai 35 anni. L’idea è nata dalla passione di due di loro, spiega Feruglio, ventiquattrenne di Tolmezzo, per la pesca e il trekking. Lo scopo degli organizzatori è divertirsi e far divertire in modo da poter trasformare quello che per loro è ordinario in qualcosa di straordinario per gli “ospiti”. Chi lo desidera può contattare l’associazione anche per collaborare con essa. Creare “Friûl trek & trout” ha richiesto un anno tra burocrazia, aspetti giuridico-legali, reperimento fondi e ricerca dei soci collaboratori. Sul primo aspetto i giovani sono stati supportati dal centro servizi volontariato del Comune, per il supporto economico hanno cercato(non avendo alle spalle contributi pubblici) e trovato piccoli sponsor locali. I soci collaboratori, attenti conoscitori dei loro territori, accompagneranno nei luoghi più interessanti e caratteristici del Friuli persone e gruppi di persone in attività di pesca sportiva(nelle sue diverse tecniche, privilegiando, in un’ottica di ecosostenibilità, il catch & release), trekking sia estivo che invernale, escursioni in luoghi di particolare interesse naturalistico, ambientale, storico. Per usufruire di tali servizi sarà necessario diventare soci di”Friûl Trek & Trout”, versando una piccola quota associativa, destinata alla copertura assicurativa, e un piccolo contributo.

Friuli: impianti Promotur aperti fino a Pasquetta

di Giancarlo Martina.

In una stagione invernale che sta regalando un finale di soddisfazioni con un trend positivo di presenze attorno al 10 per cento, rispetto all’inverno 2013/2014, dall’agenzia regionale Promotur arriva la bella notizia che nei poli della montagna friulana si potrà sciare, meteo e innevamento permettendo, fino a lunedì 6 aprile. Ancora un mese a disposizione, dunque, degli amanti degli sport invernali e tranquillità anche per gli albergatori che possono puntare sulle vacanze della settimana di Pasqua. Perciò il giorno di Pasquetta, ancora tutti in pista per festeggiare la fine della stagione che, però, come annuncia Promotur, a Sella Nevea, come è tradizione per la località più innevata delle Alpi orientali, gli impianti saranno in funzione, tempo e neve permettendo, fino domenica 27 aprile. La domenica precedente, il 19 aprile, si svolgerà l’internazionale gara a squadre della sci alpinistica del Canin. Invece, Promotur segnala che le sciate in notturna sulla pista Di Prampero di Camporosso, in programma tutti i martedì e venerdì dalle 19 alle 23, termineranno il prossimo 13 marzo. Dunque, l’invito rivolto a questa numerosa clientela, è di approfittare di queste ultimissime serate per le sciate e per cenare in tranquillità in uno dei ristori dell’inimitabile borgo Lussari, che fa da cornice al secolare santuario mariano dei popoli. Con l’arrivo della primavera cresce la voglia di scialpinismo e anche delle splendide discese di freeride. E per questi sportivi il consiglio migliore da dare, è di consultare, prima di ogni uscita, il bollettino di previsione valanghe, oltre che di dotarsi di materiali e delle attrezzature, anche salvavita, idonee. Per tutti, ovviamente, è consigliabile di consultare sempre l’Infoneve sulla situazione in tempo reale delle piste al sito www.promotur.org.

Ravascletto: aperte tutte le piste sullo Zoncolan anche per gli sci club

http://www.settimanabiancadolomiti.com/img-piste-sci/piste-zoncolan.jpg

 Lo Zoncolan da oggi avrà aperte tutte le piste. Ieri i tecnici di Promotur hanno sistemato e reso percorribile aagli sciatori la pista che scende dal monte Tamai. Oggi invece – notizia molto attesa soprattutto dagli agonisti – sarà finalmente aperta la pista Zoncolan 1, quella solitamente riservata agli allenamenti e sulla quale si svolgono tutte le competizioni del calendario della Fisi del Friuli Venezia Giulia. Nonostante le ultime precipitazioni nevose – peraltro compromesse, specie in basso, dalla pioggia caduta sabato – sulla pista 1 dello Zoncolan il fondo di almeno 40 centimetri di spessore è interamente composto da neve artificiale “sparata” con i cannoni. Un manto sufficiente sia per ottenere un ottimo fondo sciabile sia per consentire agli allenatori di “tracciare” piantando i pali di slalom speciale e di gigante senza incontrare il terreno sottostante. Da oggi quindi sarà possibile – per gli sci club e le varie nazionali che usufruiscono del polo carnico – programmare meglio gli allenamenti tutta la settimana. Ma saranno anche garantite le gare in calendario della Fisi Fvg che sulla Zoncolan 1 possono ospitare tutte le categorie consentendo di organizzare competizioni di slalom speciale, slalom gigante e superG. Ieri, come detto, è stata aperta la seggiovia più alta del polo dello Zoncolan: la Tamai 1, che sale in cima all’omonimo monte e che offre un panorama a 360 gradi che spazia dalle Dolomiti alle montagne friulane e dal quale, quando le giornate lo consentono, è possibile anche scorgere il mare.

Tolmezzo: finalmente i lavori in piscina, il costo sarà di 500 mila euro

http://94.32.104.94/media/2014/10/5918_18635_Immagine_18968_medium.jpg

di Tanja Ariis.

Partiranno a maggio i grandi lavori alla piscina di Tolmezzo. È atteso da molti anni, ma finalmente i primi di maggio sarà avviato il consistente intervento di ristrutturazione che metterà fine una volta per tutte ai problemi e anche ai costi (specie energetici) derivanti dalla mancanza di un’adeguata coinbentazione dell’impianto. Risale, infatti, all’11 dicembre il decreto regionale che gira alla Comunità montana della Carnia il contributo di 500 mila euro per intervenire sulla piscina della città. «Da allora ci siamo subito attivati -afferma il commissario, Lino Not- con la Cassa depositi e prestiti per stipulare il contratto di mutuo, concluso il 30 dicembre. Abbiamo approvato anche il progetto definitivo-esecutivo, predisposto dal Comune di Tolmezzo. L’intervento a base d’asta per i lavori è di 364 mila e 500 euro più Iva, spese tecniche e imprevisti per un totale di 500 mila. Ora si imposteranno gli atti per la gara di appalto». «Come concordato con il Comune di Tolmezzo – prosegue Not -, i lavori partiranno i primi di maggio e fino alla fine dell’anno scolastico la piscina sarà utilizzabile dagli utenti, in quanto si inizierà prima dalla parte esterna. Gli interventi di ristrutturazione dureranno tutta l’estate, tanto che si punta a riaprire la piscina per l’autunno. Saranno così risolti i problemi di coinbentazione della struttura e migliorati gli impianti. In accordo con il Comune e non appena abbiamo avuto certezza dell’iter dalla Regione, abbiamo accelerato la procedura per questo intervento. Terminati i lavori, la gestione della piscina sarà sempre seguita dal Comune di Tolmezzo.La Comunità montana, invece, si è resa disponibile a portare avanti l’iniziativa per l’indiscussa valenza comprensoriale dell’impianto». La piscina, infatti, è una struttura utilizzata da utenti provenienti da tutta la Carnia, di tutte le età e con varie esigenze (compresa quella riabilitativa) e frequentata molto anche dalle scuole. Su questo intervento non sono mancati gli intoppi: nel 2010 la Regione aveva concesso il contributo di 500 mila euro per il rifacimento della pista di atletica al Comune, che già però aveva ottenuto analogo contributo dalla Comunità montana per la stessa opera e che chiedeva quindi alla Regione di poter utilizzare quei fondi per intervenire sulla piscina. La Regione dava l’ok nel 2012, ma poi il patto di stabilità arrivava a chiudere i giochi. Il Comune, proprietario della piscina, ha quindi poi trasferito alla Comunità montana della Carnia il diritto di superficie sull’impianto natatorio per consentirle di eseguire l’intervento e ha restituito il contributo alla Regione che lo ha girato alla stessa Comunità montana. A gestire ora la piscina per il Comune di Tolmezzo è l’Asd Gemona nuoto Atlantis.

Forni di Sopra: al debutta la Fatbike, la bici da neve

http://www.bikecafe.org/wp-content/uploads/2012/11/FatBike_1Baby.jpg

di Gino Grillo

È la grande novità dell’anno e ha debuttato nel centro dolomitico martedì 30 dicembre sulle piste sciistiche del fondovalle di Davòst. Si tratta della Fatbike, la bicicletta da neve, la nuova passione degli sportivi che amano muoversi in montagna d’inverno senza necessariamente dover calzare gli sci. Sulle piste del Davost  si potrà salire in sella alle Fatbike, le biciclette con le ruote grosse adatte a muoversi sulla sabbia e sulla neve, appunto. Ma non solo, grazie a Paolo Pellarini e Christine di Ecomotion si potrà testare anche la K-track, singolare bici cingolata con tanto di sci. Tornando alla Fat bike, ricordiamo che monta gomme più larghe di 3.7’’ e cerchi più larghi di 44 millimetri, una bici pensata per pedalare su un terreno cedevole, come la neve fresca. Invece, il modello cingolato, “inventato” in Canada, permette grazie a un kit che sostituisce le ruote della mtb di avere sul manto nevoso una significativa trazione in pedalata, un eccellente sistema di frenata posteriore e con lo sci frontale in dotazione, la possibilità di impostare traiettorie altrimenti impossibili. È un vero successo quello di queste nuove biciclette che sta prendendo sempre più piede nelle Alpi, ma anche al Sud, in Sicilia, dove viene utilizzato dagli escursionisti sulle nevi dell’Etna. Per l’evento fornese Promotur ha riservato una pista alle bici da neve accanto a quella destinata a slitte e bob dove i ciclo-escursionisti potranno utilizzare un tapis roulant per la risalita. Per chi volesse cimentarsi con una vera e propria escursione, dalle 10 alle 16, con partenza ogni ora ci sarà la possibilità di partire in gruppo per pedalare a fondovalle lungo il fiume Tagliamento e intorno ai laghetti e nei boschi di Forni su una pista preparata appositamente. Nel polo fornese si spera che questa nuova attività, come accade in altre stazioni sciistiche, possa in un futuro non troppo lontano, poter avere contare su una pista dedicata.

Carnia: lo Zoncolan apre a Natale, Skipass prevendita lenta

di Maurizio Cescon
Arriverà il freddo. Già nel week end e sarà così possibile programmare l’innevamento artificiale sulle piste della montagna friulana. Semprechè non faccia capolino (ma al momento è un’evenienza ritenuta poco probabile) la neve, quella vera. Ieri alla presentazione dell’Agenda Fisi degli sport invernali, Regione, operatori e dirigenti sportivi erano ottimisti. La stagione dello sci potrà finalmente decollare, dopo lo stop forzato imposto finora dalle condizioni meteo sfavorevoli. Regalo di Natale, intanto, per gli appassionati. Da domani, oltre a Sella Nevea, si potrà sciare nella parte alta dello Zoncolan. Promotur e TurismoFvg hanno fatto il punto pure sulla prevendita degli skipass stagionali e a ore. Da un primo bilancio sembra che ci sia stata una piccola flessione rispetto all’anno scorso, che aveva fatto registrare il record. L’incasso, comunque, è di circa 600, 700 mila euro. Debutta il Kaiser. Domani aprirà la parte alta dello Zoncolan. Si potrà salire da Ravascletto con la funivia e dal versante di Sutrio con la seggiovia Valvan davanti al rifugio Moro. Arrivati al “Cubo”, attraverso il tornante ci si porterà sul versante che porta all’area del monte Tamai. Saranno quindi aperte le piste Tamai 1, Arvenis, Goles e Zoncolan 4 fino ai laghi con due seggiovie per risalire in quota. Aperto anche il “tappeto” del campo scuola vicino al “Cubo”. Promotur fra neve naturale e artificiale ha garantito in pista un minimo di 30 centimetri sulle piste. Per il rientro a valle, stessi impianti della salita partendo dal cubo. Niente da fare invece per gli allenamenti degli sci club, che ancora non possono usufruire della pista Zoncolan 1. Così domani e a Santo Stefano, poi la situazione dovrebbe migliorare. Per gli altri poli (Forni, Piancavallo, Tarvisio) bisognerà attendere il week end, ma da sabato le temperature scenderanno in modo sensibile e sarà possibile “sparare” con i cannoni. Economia e sci. Il direttore di TurismoFvg Bregant ha illustrato la nuova strategia: con la Fisi, la Federazione degli sport invernali e quindi con il grande popolo degli sciatori, dovrà esserci sinergia. «Lo sci è la base del turismo invernale – ha detto Bregant -. Noi abbiamo puntato sulle famiglie con lo skipass gratis per i bambini fino a 10 anni e invitiamo gli operatori a garantire l’ospitalità gratuita dei più piccoli. E’ una mossa che sta dando già risultati».