Archivio tag: polveriera

Tolmezzo: sulla questione polveriera di Illegio Rainis risponde a Zearo

http://sphotos-h.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc6/167553_1490582836645_3945202_n.jpg

di Adriano Rainis.

Dopo aver letto l’articolo del MV inerente al mancato acquisto da parte di un privato di parte della polveriera di Illegio, debbo dire di essere rimasto sconcertato dalle dichiarazioni del sindaco Zearo e del Vice sindaco Riolino. Se questo è l’inizio di una campagna elettorale, debbo dire che, io che non vi parteciperò direttamente, non posso essere che contrariato dalle dichiarazioni dei due amministratori tolmezzini e dai loro toni di malcelato rancore verso coloro che ipotizzano colpevoli e segnatamente “qualche consigliere comunale”. 

Come si fa a dire che qualche consigliere comunale si sia messo di traverso quando il PAC della zona omogenea D2 del PRGC di Illegio è passato con l’astensione della minoranza che ha specificato durante i consigli del 30 aprile 2013 e del 31 luglio 3013 i suoi dubbi esplicando così le sue prerogative di controllo amministrativo sugli atti comunali e specificatamente per l’attribuzione solo parziale all’uso di magazzino di fuochi d’artificio della ex polveriera, mantenendo due siti artigianali all’interno della stessa struttura.

Da non dimenticare inoltre che durante l’ultimo consiglio comunale, si è votato all’unanimità che, i proventi ipotizzati dalla vendita della polveriera,fossero usati, in parte, per un intervento specifico su di una strada della frazione di Illegio, come richiesto richiesto dalla minoranza e condiviso da tutti.

Difficile immaginare che una qualsiasi entrata  che finisca in bilancio non sia soggetta al patto di stabilità non  essendo destinata ad  intervento sovra comunale.

Non riesco a capire quali siano i danni al bilancio comunale stesso se il PAC di quella zona è stato assunto, come spesa, dal”mancato ” compratore.

Il dispiacere di un mancato introito che poteva essere usato come richiesto dalla Consulta frazionale e dal consiglio comunale, non deve dar vita ad inutili e tendenziose ricerche di colpevoli, ma forse e più giustamente, un’analisi se si sia percorsa la giusta strada per facilitare l’acquisto di questo manufatto.