Archivio tag: traduzione

“Strie” di A. Rossi, video e testo con traduzione in Italiano

Strie

 

Lenghes di gjat
Il sanc di un sborf mat
Bolides ta ‘l aghe di lâc
Cûr di sarpint
Aragn cence dincj
Cjapât cuant cal soflave il vint

Om ofindût
ca nol à mai falât
Ma voi triscj l’an spudât
poiant il pît sore di chel dal plevan
cal brusave jerbe di san Zuan

Non de mai stade ploie
Che bon timp nol sei tornât
E a Curçuvint davost
Une cinturie sante i ai comprât

La me ligrie sudôr di fadie
Si è arsumade par te
come furmie la to bausie
Là slapagnade par dut

Sei deventât amì da not
Par podei cori ator crot
Cussì il lusôr dal to splendôr
a si sfante come ploie li sul çoc

 

In ta to cove cjalde
An durmît i maçarots
An veglât las pantianes
Lant ai funerai cun tun cjapiel dut ros

Man man muarte
pete pete su la puarte
pete pete sul puarton
pare ju chel macaron

La mae stuarte
jo la met da banda ûr
e come ca diseve gnagne
no mi striarà nissun

Cun te ai svualât dai monz fin al mâr
par cerçà il savôr dal sâl
incuintri ai lamps, dentri tai tons
ma no pensavi ca fos pecjât

A robâ ai laris, rompi i veris
no si pues plui comedâ
e tante fadie che litanie
di platâsi e tacâle a cjantâ

Balin las stries in Tencje
il madrac dentri tal fen
ai mangjât jerbe amare
par platà il savôr cal veve il to velen

Man man muarte
pete pete su la puarte
pete pete sul puarton
pare ju chel macaron

La mae stuarte
jo la met da banda ûr
e come ca diseve gnagne
no mi striate nissun

Strega

 

Lingue di gatto
il sangue di un ramarro matto
fatte bollire in acqua di lago
il cuore di una serpe
un ragno senza denti
catturato quando soffiavano i venti

Uomo offeso
che però non ha mai sbagliato
ma occhi cattivi l’hanno scrutato
poggiando il piede sopra ill pievano
che bruciava mazzi di fiore d’Iperico

Non è mai piovuto così a lungo
che il bel tempo non sia ritornato
e nel paese di Cercivento d’agosto
ho acquistato una cintura benedetta

La mia allegria fatta di sudore e fatica
si è seccata per causa tua
come fosse una formica una tua bugia
l’ha dispersa in giro dappertutto

E sono diventato grande amico della notte
per poter andarmene in giro nudo
così l’abbaglio del tuo splendore
si spegne come pioggia che cade
sul ceppo di un albero

Nel tuo letto caldo
hanno dormito gli antichi schiavi dei romani
hanno vegliato i topi delle fogne
andando ai funerali con un cappello rosso

Mano, mano morta
picchia, picchia sulla porta
picchia, picchia sul portone
inghiotti giù quel maccherone

La maglia storta
io la indosso al contrario
e come diceva mia bis-zia
non mi stregherà mai più nessuno

Con te ho volato dai monti al mare
per assaggiare il sapore del sale
incontro ai fulmini, in mezzo ai tuoni
ma non pensavo di commettere peccato

Se rubi ai ladri, se rompi i vetri
poi rimedio non c’è
ma tanta fatica, quella mania
di nascondersi per cominciare a cantare

Ballano le streghe sul monte Tenchia
la biscia dentro al fieno
ho mangiato erbe amare
per nascondere il sapore del tuo veleno

Mano mano morta
picchia picchia sulla porta
picchia picchia sul portone
manda giù quel maccherone

La maglia storta
io la indosso al contrario
e come diceva mia bis-zia
non mi stregherà nessuno