Crea sito

Tolmezzo: torna Cjargnalive nella sua quarta edizione

_cjargnalive 2014

Cjargnalive giunge alla sua quarta edizione e, assieme alle proprie buone abitudini, aggiunge qualche elemento nuovo al proprio repertorio.
La festa, che ormai poggia su delle fondamenta forti, fatte di collaborazione e scambio tra molte realtà che si occupano di sociale nel Tolmezzino, anche nel 2014 proporrà giochi, laboratori, tornei e stand incentrati su un tema unico: IL TEMPO. Attorno alla tematica, una ventina tra associazioni, enti e gruppi informali ha sviluppato idee diversissime, dipingendo l’eterogeneità de “l’essere volontari”: dal tempo donato

(ADO, ADMO & AFDS) e alla sua preziosità (Associazione Oncologica), dall’affrontare la storia su un campo di scacchi (La Via Dei Matti) a immaginare un futuro collettivo su un grande cartellone (la Bottega del Mondo e ANFFAS), dal ricostruire la storia dell’ex Stazione Ferroviaria in una mostra fotografica(Centro di Salute Mentale), a riportare alla luce e condividere sementi e varietà antiche di ortaggi (Ass. Lila), dalla sperimentazione musicale improvvisata (ASD CRESSI) al “riprendersi” il tempo perso dipingendo una città di materiale riciclato (DUM, Dinsi Une Man)… e questi sono solo pochi esempi!
Affianco alla parte ludica, ci saranno ovviamente spazi dedicati all’arte e alla musica, di tanti giovani talenti. Sabato 31 Maggio, dalle 18 a Palazzo Frisacco, si inaugurerà la Mostra “iN TiME”, una galleria di opere di arte moderna che darà spazio una ventina di artisti locali, nata dall’importante collaborazione tra Econoise (i ragazzi che lanciarono l’idea di Cjargnalive), L’Ass. Party Zone e la Nuova Pro Loco Tolmezzo. All’inaugurazione non mancherà la musica con i G&G afro percussions e i The Mechanical Tales, nonché un rinfresco.

Domenica 1 Giugno, dalle 17.00 in piazzale Vittorio Veneto, si avvicenderanno sul palco i giovanissimi talenti della Piccola Orchestra della Conca Tolmezzina, i ragazzi del Cressi Experience, impegnati in una riscoperta e rivisitazione di brani del folklore, gli esplosivi Trùc, finalisti al Premi Friûl 2013, i Lazy Deazy, indie rocker bellunesi, e gli sperimetalissimi udinesi Stringe.
Tra le novità dell’edizione di quest’anno, agli organizzatori preme sottolinearne, con enorme gratitudine, una in particolare: nonostante la crisi, moltissime attività commerciali del territorio hanno voluto sostenere l’iniziativa, riconoscendone il valore.
Rimane infine intatta la provocazione della festa no-alcol, contro il pregiudizio che vuole i giovani incapaci di divertirsi senza bere.