Archivio tag: progetto pramollo

Pontebba: sul progetto Pramollo Tondo avverte, sì solo se i privati ci stanno

di Beniamino Pagliaro

I tempi son cambiati: se i privati non ci crederanno, il progetto Pramollo non vedrà mai la luce. La posizione della giunta regionale, definitiva, è emersa ieri in Consiglio regionale. Il presidente del Fvg Renzo Tondo non ha chiuso al progetto di rilancio, ma ha posto dei paletti ben precisi: se gli investitori privati crederanno nel progetto del polo sciistico, la giunta «darà sicuramente un via libera». Ma l’investimento pubblico non potrà prescindere da quello dei privati in merito alla realizzazione di un centro ricettivo alberghiero. Dopo i contatti avuti anche negli scorsi giorni con il Land della Carinzia, la giunta andrà dunque avanti con il bando per trovare il cosiddetto socio industriale. «Il bando sarà pubblicato – ha spiegato Tondo – e verificheremo il carattere privato degli investimenti. Se queste condizioni saranno rispettate, e mi auguro lo saranno, ci sarà sicuramente un via libera. Se non ci sono – ha indicato poi Tondo – non mi assumerò la responsabilità di far partire investimenti pubblici senza quelli privati». Il presidente della giunta ha ricordato di «non voler perdere tempo», ma di «considerare la necessità di una riflessione su un’opera importante. Vorrei non vedere – ha concluso – posizioni pregiudiziali o localistiche, non è una vicenda che riguarda solo la vallata». In commissione, l’assessore Riccardo Riccardi ha ripercorso il lavoro svolto dal novembre del 2009 al giugno 2011, le numerose sedute e le audizioni, e le garanzie chieste, quale pre-requisito per la partecipazione finanziaria al progetto, riguardo a una potenzialità ricettiva di 600 posti letto (300 a tre stelle, 200 a quattro e 100 a cinque). Per la Carinzia – ha ricordato – la tabella di marcia sarebbe l’assegnazione degli appalti nel 2012, l’acquisizione delle autorizzazioni nel 2013, l’apertura degli impianti tra 2014 e 2015. La giunta lavorerà dunque a perfezionare il bando di gara, ed entro fine marzo, dopo aver ricevuto l’ok dalla Carinzia, il documento sarà pubblicato. Le parole di Tondo e Riccardi non hanno comunque convinto l’opposizione. «Continua il rimpallo di responsabilità e pare prevalga un interesse, sottile e latente, per non perfezionare la procedura e quindi non decidere nulla», hanno notato il capogruppo e il consigliere del Pd Gianfranco Moretton e Sandro Della Mea. «Non essendoci chiarezza in merito alla tipologia delle garanzie richieste, e soprattutto risultando impossibile procedere all’assegnazione dei lavori entro la fine di marzo – hanno aggiunto i democratici – abbiamo proposto che Tondo e Doerfler si incontrino rapidamente».