Archivio mensile:Settembre 2012

Arta Terme: la coda dell’estate salva il bilancio delle terme

di Gino Grillo

Bilancio positivo quello dello stabilimento termale al termine del periodo estivo. Lo ha tracciato Massimo Peresson, presidente di Carnia Welcome, che gestisce le terme. «Dopo un inizio piuttosto difficoltoso, dovuto ai ritardi e alle incertezze dell’apertura, che ha fatto riscontrare nel mese di giugno il calo maggiore, oltre il 10%, la stagione ha preso un buon ritmo producendo risultati in linea con le previsioni e con l’andamento nazionale. Certo, non sono più gli anni d’oro, ma le terme si difendono ancora bene». Luglio e settembre si confermano i mesi con il miglior andamento, rimanendo sostanzialmente sui numeri dell’anno passato. Guardando avanti, anche ottobre si prospetta positivo, soprattutto per quanto riguarda le terapie in convenzione. Le prenotazioni finora effettuate garantiscono un’eccellente saturazione dei reparti fino a mese inoltrato. Agosto ha registrato la massima affluenza nella struttura, anche se inferiore rispetto agli anni scorsi, e con una clientela con una potenzialità di spesa minore che ha limitato l’acquisto dei servizi a pagamento. I settori che hanno sofferto meno sono la fisioterapia e i servizi di estetica, che hanno avuto sì una contrazione sul fronte dei ricavi, ma anche un aumento dei servizi venduti, con utenti più attenti a come spendere senza però rinunciare a questi servizi. Una “nicchia” che ha dato ottimi risultati in direzione crescita, con presenze quasi triplicate, è rappresentata dai corsi di motricità in acqua per gli adulti, ma soprattutto quelli riservati ai bambini. Le terme “propedeutiche”, dunque, al turismo locale: «Terme aperte significa hotel aperti, significa sostenere il sistema di teleriscaldamento, che grazie alla loro apertura riceve un’entrata diretta pari a 1.000 euro al giorno». Questo, infatti, rappresenta il ricavo che Escom Montagna percepisce giornalmente cedendo l’energia termica necessaria al loro funzionamento. «Le terme occupano 51 lavoratori: queste maestranze – conclude il presidente Massimo Peresson – non avranno la risonanza mediatica che hanno avuto le varie Alcoa, Ilva e minatori del Sulgis, ma sono pur sempre una cinquantina di famiglie che sinora non hanno avuto bisogno di mandare nessuno né sulle torri, né in fondo ai pozzi in miniera per pubblicizzare la difesa del loro posto di lavoro».

Tolmezzo: la giunta vota sì per il porta a porta totale anche se l’assessore Pascolo si astiene

di Tanja Ariis.

L’assessore comunale all’ambiente, Ivan Pascolo (Ln), si astiene in consiglio comunale sull’avvio in città verso il 2015 della raccolta dei rifiuti con il sistema del porta a porta integrale (al secco e all’umido, si aggiungerà la raccolta a domicilio di carta, vetro e plastica-lattine con tre giorni di raccolta anziché i due attuali), ma l’assemblea conferisce (astenuti Pascolo e la minoranza, tranne il consigliere Stefano Nonino, che ha votato sì a una scelta definita lungimirante) comunque il mandato alla Comunità montana della Carnia e le conferma la delega per i prossimi 8 anni. Il porta a porta integrale partirà prima nel resto della Carnia e infine nella Conca Tolmezzina. L’assessore Pascolo ha lamentato una mancanza di coinvolgimento nei suoi confronti da parte dell’ente sovracomunale sul tema. Per lui l’attuale è sistema ancora perfettibile ed il suo timore con il porta a porta integrale, oltre ai limitati spazi che ha chi vive in appartamento, è vedere la città invasa da bidoncini e sacchi. Il consigliere comunale Renzo De Prato (Pdl) ha bacchettato Pascolo: «Già oggi – ha detto – abbiamo in casa 4-5 contenitori, se facciamo bene la raccolta differenziata. Non vedo il problema. Lisciare il pelo ai cittadini è facile, ma qui ci vuole un atto di responsabilità. Non capisco come un assessore all’ambiente possa astenersi su una cosa simile». Per De Prato Pascolo comunque non potrà nascondersi dietro l’alibi dell’astensione. Il dibattito è durato ore tra favorevoli e non. Per Nonino chi fa la raccolta differenziata bene trova già ora spazio in casa, specie se ha il cassonetto a 500 metri. Dello stesso avviso il vicesindaco, Gianalberto Riolino, per cui è inverosimile che una persona si rechi ai cassonetti per ogni rifiuto che produce e quindi già oggi ha i contenitori in casa e «domani sarà meglio perché verranno prenderceli sotto casa e costerà meno» (secondo le prime stime, il risparmio in Carnia sarebbe di 150 mila euro). Critici sulle modalità con cui è stato proposto dalla Comunità montana il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti e soprattutto sui suoi tempi di attuazione, ritenuti affrettati, Adriano Rainis, Andrea Plazzotta e Venanzio Manfreda (Pd). Per Mauro Saro è un progetto «copia e incolla» non discusso con i cittadini. Con l’attuale sistema Tolmezzo vive il problema dell’abbandono dei rifiuti (anche batterie per auto) vicino ai cassonetti stradali (per carta, vetro e plastica) e del materiale estraneo che finisce al loro interno (come erba, sassi e di recente persino un abito da sposa). Pascolo ha spiegato che tra il 2011 e 2012 sono stati pizzicati e multati a Tolmezzo 40 utenti. Fatto sta che gli abbandoni fuori dei cassonetti continuano imperterriti.

Tolmezzo: l’Ass sterilizza i gatti per 5 anni in cambio di due posti auto

di Tanja Ariis.

Per 5 anni il Servizio veterinario dell’Azienda sanitaria sterilizzerà gratis i gatti randagi in cambio di due posti auto, per lo stesso periodo, nel parcheggio seminterrato di via Caterina Percoto. Come si ricorderà, nel 2011, la giunta comunale aveva deciso di istituire la creazione di posteggi in abbonamento in quel parcheggio, prevedendo così 33 posti auto riservati e con tanto di sbarre automatiche, al costo di 50 euro mensili. Il Comune e il servizio veterinario dell’Ass 3 si sono fatti due conti e hanno realizzato che potevano venirsi vicendevolmente incontro su due loro esigenze in maniera molto semplice: l’uno si ritrova con 50 gatti randagi l’anno da sterilizzare, l’altro (che in tutta la Carnia ha sterilizzato ben 340 gatti solo nel 2011) ha la sua sede in pieno centro, a due passi da via Percoto, e necessita di alcuni parcheggi per le sue auto di servizio. La proposta di poter ottenere in forma gratuita due posti auto nel parcheggio seminterrato, accordando nel contempo al Comune di effettuare gratuitamente il servizio di sterilizzazione delle colonie feline sul territorio comunale è venuta dal servizio veterinario dell’Ass 3 ed è subito stata accolta dal Comune. Quest’ultimo ha quantificato in una cifra che si aggira mediamente sui mille euro l’anno i rimborsi che effettua (la legge regionale pone a carico delle amministrazioni comunali il costo di questo servizio di sterilizzazione) per i gatti sterilizzati e ha anche preso atto del fatto che in effetti, ad oggi, nel parcheggio di via Percoto, sui 33 posti riservati, attualmente sono attivi solo 5 abbonamenti. Oltre tutto il Servizio veterinario svolge un servizio pubblico sul territorio, provvedendo, in accordo con le associazioni animaliste, alla sistematica cattura e sterilizzazione dei gatti che vivono in libertà, segnalati dai cittadini o dal comando della polizia locale, e risolvendo le relative problematiche di ordine igienico sanitario e di disturbo. Perciò per 5 anni, salvo disdetta che potrà essere disposta in qualsiasi momento, anche a seguito di rinuncia da parte dell’Azienda sanitaria, il Servizio veterinario avrà i suoi due parcheggi riservati e per 5 anni esso provvederà gratuitamente a effettuare l’attività di sterilizzazione dei gatti viventi in libertà sul territorio comunale. Al di là di questa iniziativa che risponde in maniera pratica alle esigenze di due enti, resta il fatto che la campagna del Comune per i parcheggi in abbonamento non ha trovato grandi riscontri e così non si esclude di diminuire il prezzo dell’abbonamento. «La prossima settimana sarà pronto il nuovo regolamento che riguarda i parcheggi – spiega l’assessore comunale Valter Marcon – mantenendo i 30 parcheggi in abbonamento nel parcheggio seminterrato di via Percoto, ma magari – anticipa – ne ridurremmo il prezzo». Aumenteranno i parcheggi delimitati da strisce blu in città e «nei prossimi mesi – annuncia Marcon – sarà implementata la vigilanza su ticket e parcheggi a pagamento».

Tarvisio: i responsabili dei diversi gruppi trovano l’accorddo con il Comune, Krampus show turistico

È bastato accennare che alla sfilata tradizionale dei Krampus al seguito di San Nicolò del 5 dicembre possano essere aggiunti eventi collaterali per offrire alla clientela turistica un motivo in più per scegliere Tarvisio in occasione del ponte dell’Immacolata (che culminerà come consuetudine con l’accensione dell’albero di Natale sabato 8 dicembre) per scatenare il mondo di Facebook sulla pagina “Tarvisio, Cortina da un pezzo” (circa 150 commenti).

«Allucinante la polemica che si sta montando – afferma Egon Concina, responsabile del Gruppo Krampus di Tarvisio Basso e presente all’incontro in qualità di consigliere comunale –, ho sollecitato io la riunione per discutere sulle iniziative che si possono abbinare per dare maggiore visibilità alle giornate del ponte che introduce alle feste natalizie, nell’interesse della collettività. Escludo categoricamente – aggiunge Concina – che si sia parlato di spostamento della data della sfilata».

Gianni Mascia che presiede il Gruppo Krampus di Tarvisio Centro conferma di avere ricevuto l’invito a partecipare alla riunione del 9 ottobre per valutare eventuali iniziative da proporre nel ponte dell’Immacolata: «Siamo interessati alle proposte – dice Mascia – che saranno avanzate e che ovviamente valuteremo attentamente anche perché riteniamo positivo si sia pensato di coinvolgerci».

«Tentativi di dare maggiore risalto ai Krampus c’erano già stati anni or sono

continua a legger l’articolo sul sito del messaggero veneto

Nimis: workshop con Jay Clayton e concerto serale

L’Associazione Culturale “Ma che musica!” e la Scuola di Musica E.M.M.A. di Treppo Grande (UD) sono liete di invitarvi al: WORKSHOP CON JAY CLAYTON (con concerto serale)

giovedì 8 novembre 2012
ore 15.00-19.00
 
presso:
Restaurant/Café  “Dai Suonati”
Via Tarcento 14 – Nimis (UD)
 
Il concerto serale dei partecipanti (prima parte) e di Jay Clayton (seconda parte) si terrà a partire dalle ore 21.00. Per info su costi e iscrizioni: tel.  334/6381203 oppure e-mail: [email protected]
 
Le iscrizioni chiuderanno il giorno sabato 6 ottobre 2012.
 
Jay Clayton è una vocalist riconosciuta ed apprezzata a livello internazionale il cui lavoro spazia dal jazz
alla new music. Le sue innovative esplorazioni vocali l’hanno portata agli apici del movimento del free jazz e
della “loft scene” negli anni ’70. 
Nel corso della sua carriera si è esibita e ha inciso dischi su tutto il territorio americano, in Canada, e in
Europa con i più affermati musicisti jazz e new music, tra i quali Muhal Richard Abrams, Steve Reich, Julian
Priester, Stanley Cowell, Kirk Nurock, Gary Bartz, George Cables, Jane Ira Bloom, Jerry Granelli, e anche
con il gruppo a cappella Vocal Summit, Urszula Dudziak, Bobby McFerrin, Jeanne Lee, Norma Winstone.
 

Friuli: Irene Dolzani e il Counseling musicale, scoprirsi per esprimere

 

Alla ricerca della propria espressività e creatività, per esprimere non solo quello che so fare, ma anche quello che sono e quello che sento! Percorso di auto-consapevolezza corporea ed emozionale e di ascolto attivo, di analisi dell’ influenza del suono sulle nostre emozioni ed sull’energia, di libertà sonora e respirazione, di progetto di vita e artistico, di improvvisazione attraverso  esercizi esperienziali di gruppo (danza spontanea, teatro spontaneo, dialogo sonoro).


Ciclo di 6 incontri mensili di gruppo di 4 ore (max 10-12 persone) durante il
weekend (sabato o domenica).

Sede: Scuola di Musica E.M.M.A. di Treppo Grande UD, Via Isonzo 12/5
per info: tel.                  334/6381203          oppure    [email protected]
Il costo è di € 120 a persona per 6 incontri. 
Iscrizioni presso Scuola di Musica E.M.M.A. di Treppo Grande UD, Via Isonzo
12/5 entro il 24 settembre 2012.

Per chi ha già frequentato i seminari 2011-2012 è previsto un modulo avanzato
di 6 incontri mensili di gruppo sempre nel weekend (giornata da stabilire).
Verranno approfondite le tematiche relative all’ascolto, a creatività e
risorse, e affrontati temi come la metafora personale e lo sviluppo affettivo-
relazionale dell’individuo.

Per info: [email protected]

 

 

Paluzza: sul Freikofel fatti brillare 22 ordigni

di Gino Grillo.

Gli artiglieri dell’Esercito sono intervenuti sul Passo Cavallo, uno dei luoghi della Grande guerra 1915-18, per il brillamento di 22 residuati bellici. L’operazione si è svolta a quota 1.622 sul Freikofel. Gli ordigni erano stati trovati durante i lavori di ripristino del teatro di guerra organizzati dagli Amici delle Alpi Carniche dal gruppo dei volontari dell’Ana di Brescia. «Si tratta – ha spiegato il direttore del museo all’aperto Luca Piacquadio – presumibilmente di ordigni abbandonati negli anni 30 quando, in regime di autarchia, si portava a valle il materiale metallico per rivenderlo». La zona del ritrovamento è sulla zona franata di un camminamento che porta a una galleria. «C’era un piano di recupero del materiale metallico quale ferro e ottone – prosegue Piacquadio –, ma era sconveniente, oltre che pericoloso, portare a valle pesanti ordigni». Ordigni quindi recuperati e poi abbandonati sotto una slavina, riportati alla luce durante gli scavi di ripristino delle trincee. Una volta scoperti i residuati sono stati avvisati i carabinieri di Paluzza che hanno incaricato gli specialisti del 3° Reggimento genio guastatori di Udine per il brillamento che è avvenuto sotto la guida del tenente colonnello Stefano Venuti. Il 3° Reggimento Genio guastatori è una delle sette unità dell’arma del Genio incaricate di bonificare il territorio dell’Italia Centro-Settentrionale dai numerosi residuati bellici ancora esistenti e pericolosi: nel solo 2012 sono stati effettuati quasi 300 interventi.

Trofeo Carnia in Mtb, ad Invillino la prova finale

Il “18. Trofeo Carnia in Mtb” è giunto al suo atto finale.
Sabato 29 settembre è in programma la dodicesima e ultima prova, come da tradizione prevista a Invillino, sede di uno dei tracciati più tecnici della manifestazione organizzata dal settore Uisp dell’Asd Carnia Bike, con l’attraversamento di prati e boschi nel circondario del paese e della piana di Villa Santina. Tre i giri previsti, per complessivi 21 chilometri. Ritrovo nella piazza di Invillino, con iscrizioni entro le 16.25, partenza alle 16.30 e premiazioni dalle 19.  Per ulteriori informazioni consultare il sito www.carniabike.it e il Gruppo Facebook “Trofeo Carnia in Mtb”.
Alle 20 ci sarà la premiazione delle graduatorie finali delle singole categorie. Già sicuri della vittoria Giovanna Del Gobbo nelle Donne, Nicola Moro negli Junior e Alberto Locatelli nei Senior B. Nei Senior Alex Castagnaviz comanda con 2 punti di margine su Marco Del Missier, che però al contrario dell’avversario non deve scartare punti (il regolamento prevede siano considerati utili i migliori 10 risultati); nei Senior C Loris Tomat difende i 17 punti di vantaggio su Luca Paliaga; nei Veterani in corsa ancora Claudio Cargnelutti, Claudio Moro e, seppur più distanziato, Marino Copetti.

ASD CARNIA BIKE

Gemona: il consiglio comunale si compatta a difesa dell’ospedale

di Giusy Gubiani

Mentre Gemona si compatta a difesa dell’ospedale San Michele e in un gremitissimo consiglio comunale viene approvato all’unanimità l’ordine del giorno riguardante il nosocomio, giungono le prime confortanti notizie relative all’avvio dei lavori per la realizzazione del nuovo Servizio dialisi e la riapertura degli ambulatori ginecologico e oncologico. Chiare le richieste politiche avanzate nei confronti della Giunta regionale nell’ordine del giorno in questione, risultato di un lavoro condiviso all’interno della conferenza dei capigruppi e partito da un primo documento del Comitato Cicogna. In primis, il nosocomio gemonese deve essere riconosciuto a pieno titolo come ospedale di rete, con la conseguente cancellazione dell’articolo 21 della legge Fasola. Non solo, si auspica che l’Azienda sanitaria 3 continui a gestire direttamente i servizi sociali e la disabilità e che gli enti locali, rappresentati in seno alla Conferenza permanente sulla sanità, possano esprimere pareri vincolanti in materia di programmazione sanitaria. Tra le richieste avanzate alla dirigenza aziendale, di natura più tecnica, compaiono appunto le richieste relative ai lavori della Dialisi e agli ambulatori sopraccitati. Mentre l’ambulatorio ginecologico è già attivo, quello oncologico riprenderà il 12 novembre. Per quanto riguarda invece la realizzazione del reparto Dialisi, i lavori inizieranno già nella seconda metà del mese di novembre e interesseranno l’intera area degli ambulatori. Indubbiamente però, a Gemona non basta. Ottenere la dignità di ospedale di rete è la battaglia delle battaglie, come ben esemplifica il primo cittadino Paolo Urbani, la condizione sine qua non tutte le altre richieste sono inevitabilmente destinate al fallimento. L’assessore alla sanità Vincenzo Salvatorelli, già direttore dell’ospedale di Gemona per oltre un ventennio, sottolinea la necessità di fare un balzo avanti, potenziando i servizi specialistici e mantenendo standard di sicurezza nelle diagnosi e nelle cure. Già nel 2010, sottolinea il consigliere di minoranza Sandro Venturini, il report regionale 2010 di valutazione della legge Fasola aveva evidenziato i buoni indici di funzionalità ed efficienza del San Michele che a fine ottobre, ricorda la consigliera di maggioranza Ester Zearo, sarà di nuovo sotto esame, questa volta da parte della Joint Commission con lo scopo di valutare gli standard di servizio e di sicurezza. Si schiera con determinazione a difesa del San Michele anche il neo consigliere Giovanni Scinto, appartenente al Pdl, con riferimento i Popolari – Liberali del senatore Carlo Giovanardi.

Romans d’Isonzo: Aldo Rossi live ai “Martedì d’Autore” presso “Al Leon d’Oro”

Anche quest’anno a Romans d’Isonzo tornano i “Marted’ d’Autore”, con ospiti vari artisti, scrittori ed esponenti della cultura friulana nei suoi vari aspetti. Le serate si tengono in vari luoghi, le vecchie osterie, cortili, biblioteca, ecc. .

Il 09 ottobre 2012 sarà ospite Aldo Rossi con una serata intitolata: “Aldo Rossi: cjançons da la frontiere fra la Cjargne e il Friûl”.

L’incontro si terrà presso il locale “Al Leon d’Oro” di via Latina 36 con inizio alle ore 20.15