Archivio mensile:Dicembre 2018

Carnia: è il momento di riflettere sul mercato del legno

di Delio Strazzaboschi.
Dopo l’eccezionale maltempo e i danni epocali provocati ai boschi della montagna, occorre provvedere al più rapido recupero del materiale legnoso, e successivamente alla ricostituzione dei boschi stessi. Ma, indipendentemente da ciò, dovrà anche essere colta l’occasione per riflettere, forse diversamente, sulla cosiddetta “filiera legno”. È un po’ difficile da spiegare: soggetti che da sempre agiscono solo dal punto di vista del proprio interesse, ora offrono e chiedono collaborazione, auspicano e anelano, organizzano tavoli e tavolini. Ma è ben semplice: i rapporti fra cliente e fornitore sono comunque rapporti di mercato, basati su interessi oggettivamente opposti. La sensazione è che ora si voglia promuovere come obiettivo generale una ingiustizia sostanziale, ovvero riuscire a ottenere al minor prezzo possibile il prodotto dal soggetto a monte della filiera (pretendendone addirittura il consenso formale): il produttore di semilavorati o pannelli rispetto alla segheria, la segheria rispetto al proprietario boschivo, eccetera. Così facendo, tutto viene ribaltato a monte, sui proprietari, che risultano i benefattori della filiera in nome dell’interesse di tutti e dei profitti di qualcuno. Il risultato non può che essere l’ulteriore riduzione delle utilizzazioni boschive: meno investimenti e meno occupazione, paesi abbandonati, territorio che frana (e più importazioni). E una ulteriore delusione, probabilmente l’ultima. Sì, si parla troppo di filiera legno. I proprietari del bosco nella montagna friulana sono prevalentemente i Comuni, i domìni collettivi e i consorzi privati. Perché non si taglia abbastanza? Perché manca la viabilità forestale. La Regione ancora si illude che possa essere realizzata con contributi al 50%, dimenticando il valore non soltanto economico ma di generale fruibilità (didattica e turistica) delle foreste. Serve di più, il 90%. Ai proprietari pubblici e collettivi si finanzino poi finalmente gli investimenti per impianti di cogenerazione basati sulle biomasse forestali (compresi quelli per la logistica del cippato). E non si taglia, soprattutto, perché non si guadagna abbastanza vendendo il bosco in piedi. La Regione non riconosca più contributi ai proprietari che continuano a farlo e non affidano le lavorazioni alle imprese boschive locali (che in questo modo sarebbero concretamente sostenute), vendendo poi direttamente o tramite la borsa del legno il legname assortimentato a piazzale, o che non si organizzano in azienda forestale con propri uomini e attrezzature per la gestione diretta del bosco. È vero, i prezzi sono un po’ migliorati vendendo i tronchi in Austria o Germania. Ma il problema generale è che si vendono i tronchi all’estero, da cui poi si ricomprano travi, tavole, perline e segati in genere. Non è che ci voglia molto a capire: servono le segherie di vallata (per esempio, tre in Carnia, due in Canaldeferro-Valcanale). Grandissime, tecnicamente all’avanguardia, tutte dotate di impianto per la produzione di pellet. Finanziate direttamente e totalmente dalla Regione quale infrastruttura pubblica di sistema, e poi gestite da manager (veri, no parenti e amici) che potranno operare sul mercato, nell’interesse generale, a prezzi competitivi perché non costretti a recuperare gli investimenti. Dovranno invece essere capaci e bravi a vendere ovunque possibile semilavorati segati e pellet della montagna friulana, scalzando i prodotti d’importazione. La politica prenda finalmente atto che anche nella filiera legno si è in presenza di un fallimento del mercato: risorse non valorizzate (non si taglia e si importa legno, no investimenti e no occupazione) e bisogni non soddisfatti (economia locale, vitalità delle comunità, cura del territorio). E agisca, finalmente, di conseguenza. —

Tolmezzo: i Carnici dovrebbero scegliere la ricetta per l’autogoverno della montagna

Se penso alle continue proposte di nuovi assetti istituzionali per la montagna degli ultimi anni, mi viene in mente la celebre critica di Dante a Firenze nel canto VI del Purgatorio: “Atene e Lacedemona, che fenno l’antiche leggi e furon sì civili, fecero al viver bene un picciol cenno verso di te, che fai tanto sottili provedimenti, ch’a mezzo novembre non giugne quel che tu d’ottobre fili”. Ripercorriamo brevemente la storia: subito dopo la fine della seconda guerra mondiale fu costituita la “Comunità Carnica”, libera associazione dei Comuni, per iniziativa di Gortani, Lepre e Marchetti, a cui successe nel 1974 la “Comunità montana della Carnia”, prevista dalla Legge nazionale 1102/71 e dalla L.R. 29/73, ente di diritto pubblico obbligatorio, che è rimasta in vita per più di 30 anni. Detto en passant, l’Assemblea prevedeva la presenza di Sindaci e consiglieri dei vari Comuni, tra maggioranza e opposizioni, con ben 119 delegati! Questo fino all’inizio del 2000 quando ne facevano parte solo i Sindaci o delegati dei Sindaci. Poi venne la proposta della 5° provincia della Giunta Illy, naufragata a seguito del referendum del 2004 e quattro anni dopo la Giunta Tondo propose il Circondario, che ebbe a sua volta vita breve. Così dopo anni di commissariamento si giunse all’UTI, che non comprendeva tutti i Comuni della Carnia, essendoci alcuni Comuni “ribelli”, che non aderirono. Nel frattempo qualcuno (l’ex sindaco di Tolmezzo, Piutti) lanciava la proposta dell’unico “Comune Carnico”, raccogliendo poche adesioni, a dire il vero. E siamo giunti al 2018; nuova Giunta regionale, nuova proposta, direi meglio “nuove proposte, giacchè si parla di nuovi/vecchi enti provinciali o sub-provincial, ma si è sentito addirittura parlare di una nuova provincia montana che comprenda l’intera zona montana delle due ex Province di Udine e Pordenone. Ancora Dante ci aiuta a descrivere il tutto “E se ben ti ricordi e vedi lume, vedrai te somigliante a quella inferma che non può trovar posa in su le piume, ma con dar volta suo dolore scherma.Alla fine di questa forse lunga premessa vorrei rivolgere una preghiera ai nuovi governanti regionali: perché non lasciate che siano i carnici a scegliersi la forma migliore di autogoverno per la nostra zona? Leggo proprio oggi che i comuni della Comunità collinare (Buia e contermini) ribadiscono la volontà di ricostituire il loro Consorzio che funzionava bene per le loro necessità. Perché non si potrebbe fare lo stesso ripristinando la “Comunità montana della Carnia”, rivedendo al limite qualche aspetto organizzativo: elezione diretta o meno, presenza delle minoranze e non solo dei Sindaci? Se ne potrebbe discutere senza la cappa uniformante della proposta unica regionale. Aggiungerei anche “Torniamo allo Statuto”, copiato naturalmente dal celebre motto di Sonnino del 1897, che non è naturalmente lo Statuto albertino, ma lo Statuto della Comunità montana del 1975, frutto di un lavoro unitario tra le forze politiche di allora. Rileggerlo ora sarebbe di grande aiuto agli attuali amministratori e ai consiglieri regionali della zona!

Tolmezzo: gli esempi del passato per rialzare la Carnia

Risultati immagini per carnia alluvione 2018

di Gianni Nassivera

Sono questi, per la Carnia, giorni cupi e tristi: il bilancio dei danni provocati dalla recente alluvione di fine ottobre appaiono ingenti e sconfortanti. Troppo ingenti e pesanti per un territorio fragile come la Carnia che alimentano il dubbio che rimettere tutto a posto e sanare le gravi ferite inferte dalla natura sarà un’impresa che richiederà ancora molto impegno. Danni non solo di tipo materiale, ma di un altro tipo, forse più subdolo e pericoloso, quello che produce scoramento e che determina l’indebolimento dell’idea stessa di futuro per le nostre comunità. Sento, infatti, aleggiare tra la nostra popolazione montanara un sentimento di impotenza e rassegnazione giustificato anche dal ricorrente fallimento di tutte le politiche promesse (ma purtroppo non realizzate) a favore della montagna. Questo sentimento, pur giustificato, va però da subito contrastato attingendo a quelle risorse che le nostre popolazioni, in contesti altrettanto difficili, hanno dimostrato di possedere e valorizzare. Il ricordo non può non riferirsi al periodo del post-terremoto: allora il pessimismo della ragione venne sconfitto dall’ottimismo della volontà con gli esiti straordinariamente positivi che da tutti viene riconosciuto. Venne fatto, allora, uno sforzo straordinario, corale, concreto e lungimirante che riuscì ad ancorare le nostre popolazioni, la gente dei nostri paesi, al proprio territorio e a farlo considerare come il luogo in cui valeva la pena di continuare a vivere.L’interrogativo, dunque, è il seguente: saranno di nuovo in grado il territorio e le comunità (specie quelle più periferiche) della Carnia di reagire positivamente e con sufficiente energia a questa nuova sfida che hanno di fronte? A distanza di oltre quarant’anni dal sisma del 1976 la situazione appare un po’ diversa: l’elemento che più diversifica il post-terremoto dall’oggi è la fragilità delle comunità locali caratterizzate dalla senilizzazione delle loro popolazioni e dal fenomeno dello spopolamento che ha molto indebolito i nostri paesi. In questa situazione problematica è ancora possibile coltivare la speranza di vedere i nostri paesi ancora vitali e sufficientemente in grado di offrire accettabili livelli complessivi di qualità della residenza? Credo che l’urgenza e l’emergenza odierne e dei prossimi mesi siano proprio queste: convincere con i fatti, con atti concreti di condivisione delle aspettative della gente, che vivere la montagna anche nei suoi luoghi più periferici (ma anche, lasciatemelo dire, più belli e affascinanti) sia cosa possibile e fattibile. Ben vengano quindi la responsabilizzazione degli amministratori locali, la concreta vicinanza della Regione e dello Stato, la dotazione di risorse straordinarie, la semplificazione e la deburocratizzazione delle procedure amministrative per sanare le tante ferite della Carnia. Se questo, come spero, avverrà sarà molto utile ricavare dalla storia recente e meno recente del nostro territorio alcuni insegnamenti ed esempi di lungimiranza politica ed amministrativa. Ognuno nella propria esperienza di impegno sociale, politico e amministrativo ha apprezzato modelli esemplari di comportamenti e azioni positivi. Per quello che mi riguarda, e non per rivendicare primazie o per creare classifiche di merito, da vecchio militante del Partito Socialista (partito ancora vivo nella memoria e nel cuore di tanti compagni) mi piace ricordare alcuni eventi e vicende che hanno contribuito a scrivere alcune pagine della storia della nostra Carnia. Come non ricordare l’esempio e l’opera di Enzo Moro, l’indimenticabile vice presidente della Regione, artefice dello sviluppo turistico del Varmost di Forni di Sopra e dello Zoncolan a Sutrio. Come non va dimenticato il lavoro svolto dal senatore Bruno Lepre, promotore della legge 1102/71 istitutiva delle comunità montane, legge finalizzata alla gestione del proprio territorio per chi in montagna lavora e vive, nonché l’impegno svolto per creare la zona industriale sud di Tolmezzo. E per concludere l’emanazione della legge 97/94 “provvedimenti a favore delle zone montane da parte del senatore Diego Carpenedo. Ovviamente, per la Carnia, altre pagine di storia sono state scritte da altre personalità della politica, penso al senatore Michele Gortani che come costituente è stato capace di fare inserire all’articolo 44 della costituzione “la legge dispone di provvidenze a favore delle zone montane”, nonché il grande magistero morale, culturale e politico lasciato ai carnici. A me piace ricordare questi uomini politici (con la “p” maiuscola) perché, in questa fase delicatissima che riguarda la nostra Carnia, avere degli esempi che indichino modelli e comportamenti da adottare per ridisegnare scenari di progresso civile, sociale ed economico è assolutamente importante. Altrettanto importante è alimentare, sulla scorta di tante esperienze e vicende positive del passato, l’idea di un possibile e positivo futuro per il nostro territorio che dovrà aver come esito, ineludibile e fondamentale, l’ancoramento e la presenza attiva della popolazione nei propri paesi e tra le proprie montagne, indistintamente per tutti dovrà essere l’impegno per garantire la permanenza dell’uomo sul territorio, garanzia concreta per saper gestire i pericolosi eventi che la natura ci presenta. —

Tolmezzo: a Palazzo Frisacco un incontro sulla violenza psicologica e fisica subita dalle donne

 

di Nodale Federica.

Anche a Tolmezzo il 25 Novembre, è stata organizzata una grande manifestazione a Palazzo Frisacco per sensibilizzare anche gli abitanti della Carnia, alla grande e drammatica tematica della violenza psicologica e fisica subita dalle donne .la sala era gremita di persone di ogni livello sociale e culturale.

L’organizzazione dell’ avvenimento é stata impostata in maniera alquanto efficace, usufruendo della collaborazione di Claudio Demuro dell’Associazione specifica” Club Soroptimist , Alto Friuli tramite l’aiuto della nuova Proloco, nonché delle autorità scolastiche, le quali hanno favorito la partecipazione spontanea delle scolaresche locali, che hanno eseguito veri e propri quadretti esprimenti il significato di quella manifestazione.
Difatti , alle pareti delle sale erano stati esposti i disegni e le pitture realizzate dagli studenti.
La notevole partecipazione del pubblico ha soddisfatto, visibilmente l’ Associazione citata, e tutti i presenti.
Si precisa che la mostra era stata eseguita dalle categorie: Senior, juniores e degli studenti delle scuole medie di Tolmezzo.
Ritengo che sia opportuna la sollecitazione a visitare tale esposizione, e le visite saranno accompagnate da più persone che si dedicano alla realizzazione dell’ iniziativa.
Fra gli intervenuti, la presenza dell’ artista Marco Marra, che é un grande maestro d’ arte.