Archivio tag: aldo rossi

Aldo Rossi: tornare a scrivere…

Ritornare a scrivere!


Detta così potrebbe far pensare ad un momento di pausa, di stasi, di mancanza di idee e creatività, ad un prosciugamento del pozzo in cui i miei pensieri più profondi si aspettano che l’intrecciarsi della vita, mi porti a ritrovarli. In realtà di scrivere canzoni non ho mai smesso, però rifuggendo nell’innovazione, nel cercare quello che oggi chiamano l’effetto “wow”, proiettandomi nella zona in cui il genio della trovata non ammette troppe discussioni, come la recentissima “Vino rosso”. Una modalità  proiettata nel futuro che sotto sotto, serve anche a fare in modo che si non debba mai fare i conti con il passato.

Il passato che, musicalmente parlando, significa canzoni di grande successo e impatto emotivo che non smettono mai di essere ascoltare nemmeno 15 anni dopo averle scritte, con le statistiche di Youtube.com a dirmi che qualcuno, da qualche parte del mondo, anche oggi ha visualizzato e messo in play brani come “Cjalde che sere”, “A la su”, “La me rosse”, “None “. Per questo non ho più cercato quel filone compositivo, quelle radici ben piantate in un territorio e nella sua cultura che mi hanno permesso di scrivere, brani che con le mille attestazioni di affetto e di stima da parte di chi mi segue, posso definire i miei piccoli “capolavori”. C’è una paura là in fondo al mio cuore: quella di non essere più all’altezza di quello che sono stato, di confrontarmi con quel temibile avversario che è quel “che tu sei già riuscito a fare”; paura di ritrovarsi a pensare se quel tempo trascorso possa tornare, se il mondo visto dai tuoi occhi ha ancora la capacità di far generare parole e suoni dalla tua anima. E se ancora ci fossero per la tua terra e per i tuoi “fradis”, temi così unificanti da trattare che possano arrivare a tutte coscienze e venir riconosciuti come parte di un bene comune condiviso…

E da qui che nasce la necessità di un ritorno alla scrittura, a quel tipo di scrittura.

Per farlo ho abbandonato tutti quegli aiuti, quel porto sicuro che è il tuo Mac, dove è facile sviluppare le idee a patto di saper riconoscere quella giusta tra le cento che puoi generare. Niente computer, decido che scriverò a mano e utilizzerò solo un registratore per incidere le note della mia chitarra. Esattamente come facevo 15 anni fa e vi assicuro che non è un vezzo: al diverso modo di scrivere corrispondano cambiamenti nel modo di pensare, la scrittura a mano obbliga a una maggiore concentrazione; tornare a scrivere con la penna e in corsivo è il modo migliore per allenare il pensiero e per renderlo fluido. Lo sguardo è puntato sulla mano che guida la penna sul foglio e su di essa convergono movimento e creatività. Mi obbligo ad usare solo la chitarra e non i sequencer con i loro suoni elettronici: se le mie canzoni migliori sono arrivate così è da li che dovrò ripartire.

E un argomento condiviso che riesca ancora a farsi riconoscere come valore comune della Friulanità nel 2020, finalmente ora credo di averlo trovato.

Quindi posso dirvi che ci sarà una nuova canzone scritta ora come allora e che regalerò a chi mi segue: un dono per il Natale 2019.

Aldo Rossi: secondo Facebook le bestemmie rispetterebbero gli “standard della comunità” (poi hanno rimosso)

8d6b04ca-3b69-49cf-a88a-695a100158ec

Aggiornamento: Facebook dopo aver visto questo post sul mio blog deve averci ripensato e ha rimosso la foto incriminata … 
La cosa mi fa piacere e mi insegna che con Facebook basta andare con le … cattive e poi la capiscono, eccome la capiscono !!!
AR

Chiunque abbia un account su Facebook prima o poi si sarà chiesto come mai circolino liberamente fotografie, esclamazioni, frasi ingiuriose razziste o sessiste, senza che nessuno mai intervenga in merito. Esiste la possibilità per un qualsiasi utente di segnalare proprio a FB questi “contents” di indubbia capacità intellettuale, attraverso la “Segnalazione di un contenuto”: “Se desideri segnalare contenuti che non rispettano gli Standard della comunità (ad es. nudità, incitazione all’odio, violenza) usa il link, segnala accanto al post, alla foto o al commento”. E fin qui tutto bene, ma non aspettatevi che alla vostra segnalazione segua la rimozione, perché loro valuteranno se queste “perle di saggezza” rispettino oppure no i loro “Standard della comunità”. Che cosa siano e su quali basi etiche – filosofico – razionali poggino questi standard, non è dato sapersi e l’unico modo di cercare di capirlo è fare delle segnalazioni e vedere che cosa ti rispondono. Vi dico subito che, qualunque sia il contenuto, le possibilità di rimozione dello stesso sono molto basse, anche se la foto o l’insulto riguarda voi personalmente: nel caso FB si tutela dicendo espressamente che in questo caso dovete rivolgervi ai Carabinieri o alla Polizia Postale.

Da una mia lunga serie di segnalazioni vi posso dire anche che per FB non esiste proprio l’apologia del fascismo e certo Mark Zuckerberg di quel periodo li della storia d’Italia non saprà nulla. Ma di Hitler, dell’Olocausto e del Cristo della religione Cristiano-Cattolica in particolare, qualche volta ne avrà pur sentito parlare.

Eppure dopo la mia segnalazione di una foto, il cui scopo era quello di incitare all’odio verso gli immigrati con ritratto Hitler che inneggiava all’Olocausto bestemmiando Dio, il team di assistenza del social network scrive: “Grazie per il tempo dedicato alla segnalazione di un contenuto che, a tuo avviso, potrebbe non rispettare i nostri Standard della comunità. Segnalazioni come la tua rappresentano un contributo importante al fine di rendere Facebook un ambiente sicuro e accogliente. Abbiamo esaminato la foto che hai segnalato perché incita all’odio e abbiamo determinato che rispetta i nostri Standard della comunità.

0e5a66ae-c4b5-4e95-bca2-3f5a2182f999

Se questi sono gli “Standard” di Facebook, dev’essere proprio una strana comunità basata su stravaganti principi quella su cui Zuckerberg ha costruito la sua fortuna e sopratutto nulla per cui andare fieri.

Celestino Vezzi: recensione del CD “La vite e la muart” di Aldo Rossi

P1010703

 Sot chest titul al si disvuluce fûr la dople fadie di Aldo dai Ros, fadie dople pal fat che si trate di doi discuts che ai cjape denti vincj tocs, cun tescj vistîts di musiche che ai van a disegnâ un troi tra la vite e la muart. Il lavôr al è dedicât a mâri Melie, insindilade tal 2009, e al so paîs di Dinplan.

Il teme da vite e da muart al è simpri vîf no dome tal mont dal art in gjenerâl, ma encje tal cjacarâ di ogni dì da int; dopo dut vin da rindisi cont che apene che si nas si mûr un pouc in dì encje se a nou no nus pâr vere.

L’impuartant al è cjapâ la vite ta juste dimension cence stâ trop a filâ su chê che a sarà la noste muart, ma pensant inant al nosti vîvi magari encje ridintsi intorn, se a covente, cuntun fîl di irunie.

Irunie: cheste a podares jessi encje la paraule ch’a segne pouc o trop dut chest lavôr di Aldo dai Ros.    

Il CD ‘La vite’ al si vierç cuntune sorte di propagande/invît dal Gjaul al so mont di tentasion, in veretât une liste di tramais dulà che dispès ognun di nou al cole denti. ‘Hasta companero’, in talian cun cualchi batude in furlan: la libertât di une sere incolme di sums ch’a sbat cuintre la realtât di un lampegjant, une palete, une soflade… il display al segne la misure dal gno vei esagjerât, un segnâl, un campanel da scoltâ: la vita compagnero ci sorpassa e se ne va, la vita compagnero sorpassa e se ne va, la vita compagnero passa e non tornerà.

Jo mûr: un cjalt invît a no vendi i valôrs come chei da dignitât, da identitât e soredut a scombati parcè che la libertât no à preisi.

Rampini: cjalâ la vite come che si tratas di rampinâ in mont, un confront che al si maride une vôre ben cunsiderât che ogni dì si cjatìn a vei a ce fâ cun trois, crets, slacs plui o mancul figurâts. E la sodisfasion di podei svissinâsi simpri un pouc plui viers ‘chel puest plui biel dal mont ‘là ch’a disin ch’al è il Signôr.’

Delicât e plen di afiet il toc dedicât a Nône: intal so grim tancj (come Aldo) àn suât âgrimas, cjareçât ilusions, dismenteât i tuarts.

Preiere di Nadâl: las paraulas di pre Antoni Beline, un grant om da noste cjere, vistidas di musiche e di calôr. Une orasion sclete e sincere par invidâ il Signôr a judânus a fâ un tichinin di netîsie denti di nou.

Pure ironie, ta rielaborasion dal test di Guido Carrara La balade dal pizighet, presint tai nostis paîs in cont a un lavôr simpri cjalât un tichinin in sbiêgo; la realtât a la fin a drece dut e fâ il pizighet al è tant che fâ un cualsisêti lavôr.

Inmò ironie encje in La fine del mondo tant propagandade, cualchi an fa, cun calcui e profesìas cence fin; tal test, in talian, Aldo al va a sliserî cheste grande disgracie lant a meti in lûs alc di pusitîf che a puartarà cun sei cunsiderât che ‘povero o ricco in quel dato momento se la strizzeranno uguale’.

Plui impegnât e concret 21 gr. (svuali vie): un pinsîr a vous alte che al pant il moment che une persone a va, a mudâ stât, a mudâ condision: pal arie a cjalâ jù il mont.

Ma la vite a è fate encje di roubas bielas e par doi che si vulin bon dut al cambie, si cjape gust encje a fâ piruletas tal prât, scjaldâsi davant di une cjalde flame; fintramai cui che si cjate pa strade al è diviers: Ce biel.

 Il CD La muart al si vierç propit cuntun toc dedicât a chê femine Ben vistide e petenade; poucjas peraulas par riguardâ la poure di ogni om a sintî cjacarâ di jei. A la fin dut al è nue e, lant a urî ta poesie di Ungaretti, Aldo al siere ‘e si sta come las fueis sui arbui dopo l’istât e cui sà chel sbuf di arie là ch’a nus puartarà’.

Un sabide si sere di chei che masse volte ai puartìn a bevi, a cori, a spasamâsi par strengi il… nue; Aldo al à cjatât ta La mê rosse (che mi pâr di capî ch’a sêti la sô chitare) la solusion a tancj moments plui o mancul dificìi da vite: i deits ch’ai cjarece las sôs cuardas, segnâl di une amicissie che no si crevarà mai.

In Plaçute Salon un bacon di vite di paîs al cjape vite e sostance, cu la int impegnade tai lavôrs di ogni dì, sons e rumôrs ai emplin e ai dan moviment a chest che al samèe un cuâdri di aitis timps. Intaressant encje i tancj riferiments ai nons di lûc, par no pierdi dal dut la memorie.

Ta vite si cjatisi, timp o tart, a domandâsi il parcè da noste vite; cussì al fâs encje Aldo in A lassù: distudâ la lûs la sere e riviodi in curt il scombatiment di dute la sornade e no cjatant cualchi bon cjaveç l’amare domande ‘se par stâ in pâs spietìn l’eternitât, dimi ce ch’i stoi a fâ a ca jù.’

Las peraulas di un’âti grant personagjo da Cjargne, Giorgio Ferigo, par contâ la storie di un amôr fûr vie finît malamenti La sô puema: un toc simpri biel, un amôr scombatût, un rimuars ch’al travane une vite e la consume tal cidìn fint a la muart.

Une sensibilitât lisere a invuluce la volontât di un fî incjadenât tal cuarp e metût a tasei da une disgracie, pandût cun delicatece cul pinsîr che dome un pâri al sa lei: Pâri. Riferiment precîs a Eluana Englaro e a so pâri.

Il taramot dal 1976 al à segnât la noste storie tant al è vêr che tal nosti cjacarâ si fâs riferiment a prin e dopo di cheste grande disgracie; Cjalde chê sere a conte propit chê sere dal 6 di mai ‘masse biele par vei di murî’.

Tal cori dai dîs a ven ogni tant la vôe di tornâ indaûr e riviodi i pàs fats; in Si podès, lant a urî tal pinsîr di J.J.Borges, Aldo al passe tal tameis diviers fats da vite pandint la gole di ravuei dongje e tornâ a gjoldi dai moments scjampâts e no vivûts ta juste dimension. Ma dut chest al reste dome un desideri ‘si podès tornâ un’âte volte a nassi no sarès plui chel distès’.

Simpri las dificultâts dal vivi encje tal toc Masse facil cul invît a cjapâ posision, a mostrâ i dincj cuant che a covente. Il mont nol è come une bufule di savon e no baste une ariscle pal fâlu sclopâ.

A sierâ chest lavôr Grant: un ricuart plen di amôr par une figure che, i pensi par ducj, a è une vôre impuartant ta vite di ogni persone. Di cheste presince a si sint simpri di plui la mancjance cuant che a no è plui e alore al ven da pensâ a ce che si vores podût dî e fâ e che no si à det e fat. E a emplâ chescj vueits al reste dome il ricuart.

 Scoltâ la fadie di Aldo dai Ros a invide a rasonâ un tichin sôre ai tancj turtiçs che la vite a nus presente cul invît, a voltas palesât e a voltas platât, a fâsi domandas, a lotâ, muardi s’a covente, tegni da cont dignitât e identitât, scombati.

 

Tolmezzo: a settant’anni dal primo giornale, la “storiamemoria” dei giornali della Carnia

Alpe Carnica

di Ermes Dorigo.

“Una comunità senza giornale è una comunità senz’anima”: così scriveva amaramente in epigrafe ad un articolo Carnia domani: in effetti, se si escludono i quotidiani regionali che ne danno un po’ notizia, la Carnia è senza voce; è vero che nel particulare in quasi ogni paese si pubblica un giornale, manca però un organo di sintesi globale. I padri fondatori dell’Unione dei Comuni oggi – allora Comunità Carnica e poi Comunità Montana – compresero in anticipo questa esigenza, per mantenere sì vivi gli ideali della Resistenza, ma soprattutto per esortare la comunità all’impegno per la ricostruzione, contro la deriva nel vizio e nella fannulloneria – scrivono proprio così – che si diffondono anche in Carnia nell’immediato dopoguerra. Carnia esce per quattro mesi, a partire dal 19 mag­gio 1945, cessando con il 13° numero. Il sottotitolo iniziale “Settimanale della Quinta Divisione Osoppo-Carnia” muta, in seguito, in “Settimanale per tutti”. Ne è direttore Da Monte, nome di battaglia di Romano Mar­chetti – il prossimo 27 gennaio compirà 103 anni – il quale, già in tempo di guerra, dirigeva un foglio che propugnava gli ideali del movimento partigiano. Ideali ripresi in queste pagine, aperte a tutte le forze politiche democratiche, dove la continuità con i valori mora­li della Resistenza si accompagna con determinazione alla ricerca di una identità politica per la Carnia, nel quadro di un decentramento amministrativo – con una forte accentuazione “autonomista”, che anticipa le richieste della “provincia della Carnia” – e si affrontano, ovviamente, i problemi della monta­gna, aggravati dagli effetti devastanti della guerra. Lavoro si configura come continuazione di Car­nia. Dopo un primo periodo, nel quale il sottotitolo è “Settimanale economico-sociale della Carnia, Canal del Ferro, Zona Pedemonta­na”, a partire dal marzo ‘46 esso recita “Voce della Carnia. Settima­nale politico-economico della Regione”. Cessa di uscire nel 1946, alla vigilia del Referendum Istituziona­le. Dirige il giornale, in qua­lità di Redattore Capo Responsabile, Bruno Lepre. Lavoro, affronta con corag­gio le problematiche della montagna, contribuendo i maniera determinante alla crescita del movi­mento di idee che porterà alla nascita della Comunità Carnica (1947).

Alpe Carnica, organo della Comunità Carnica, esce dal 1952 al 1967 con una interruzione delle pub­blicazioni dal 1958 al 1962. Si succedono, nella respon­sabilità redazionale: Vittore Grillo, Enzo Moro, Luciano Bonanni. Nei primi anni ‘60 il giornale è diretto da Emi­lio Di Lena, in seguito da Carlo Dal Cer. Nella prima fase di attività Alpe Carnica riflette intensamente il clima di impegno vissuto dalla Carnia nel dopoguerra, ponendosi come trait d’union tra ammini­strazione e comunità. Il secondo ciclo – 1963/67 – si lega ad un momento storico di particolare impor­tanza: la nascita della Regio­ne Friuli-Venezia Giulia e le rinnovate speranze da ciò derivanti. Diviene centrale il tema dell’industrializzazione della zona; attorno ad esso si articolano problematiche direttamente collegate: la grande viabilità, l’istru­zione professionale, la volontà di reimpostare secondo nuovi criteri agricoltura e allevamento, per risolvere la piaga dell’emigrazione. Ampi sono gli spazi dedicati alla vita cultu­rale locale. Carnia Domani nasce nel 1968 come voce del Cir­colo Universitario Culturale Carnico, con l’intento di coprire il vuoto lasciato da Alpe Carnica e di favorire lo sviluppo della cultura ed il progresso sociale della Carnia. Apartitico – “ per ciò che ci unisce non per ciò che ci divide” – entra nel dibattito politico aprendo democrati­camente i propri spazi al confronto sulle tematiche pressanti di maggiore attualità. Particolarmen­te sensibile ai temi della cul­tura, dedica ampio spazio e stimolo ai fer­menti culturali di questi anni, valoriz­zando soprattutto la Biblioteca, creata dal circolo. Chiude nel 1972, al 10° numero. Nort esce, per 14 nume­ri, dal 1984 al 1988. Parteci­pano alla sua realizzazione numerosi rappresentanti della vita culturale locale. Caratterizzato da una impostazione grafica inno­vativa ed essenziale, si pre­senta come alternativa all’informazione ufficiale e, al contempo, come riferimento ed espressione dei Circoli Culturali della Car­nia, particolarmente attivi in quegli anni. Prioritaria, nel giornale, l’attenzione ai temi della cultura, dell’ambiente e della tutela del territorio; accanto i temi del mondo del lavoro e dell’occupazione, dell’agricoltura, dell’artigianato e del turismo. Gli interrogativi e gli spunti di riflessione, che già lo scorrere dei titoli suggeri­sce, constatato il riproporsi nel tempo delle medesime problematiche, invitano a rileggere e ripensare queste pagine; esigenza ancor più senti­ta in questo particolare momento di passaggio che nuovamente richiede alla Carnia l’unione di energie ed idee.

“Strie” di A. Rossi, video e testo con traduzione in Italiano

Strie

 

Lenghes di gjat
Il sanc di un sborf mat
Bolides ta ‘l aghe di lâc
Cûr di sarpint
Aragn cence dincj
Cjapât cuant cal soflave il vint

Om ofindût
ca nol à mai falât
Ma voi triscj l’an spudât
poiant il pît sore di chel dal plevan
cal brusave jerbe di san Zuan

Non de mai stade ploie
Che bon timp nol sei tornât
E a Curçuvint davost
Une cinturie sante i ai comprât

La me ligrie sudôr di fadie
Si è arsumade par te
come furmie la to bausie
Là slapagnade par dut

Sei deventât amì da not
Par podei cori ator crot
Cussì il lusôr dal to splendôr
a si sfante come ploie li sul çoc

 

In ta to cove cjalde
An durmît i maçarots
An veglât las pantianes
Lant ai funerai cun tun cjapiel dut ros

Man man muarte
pete pete su la puarte
pete pete sul puarton
pare ju chel macaron

La mae stuarte
jo la met da banda ûr
e come ca diseve gnagne
no mi striarà nissun

Cun te ai svualât dai monz fin al mâr
par cerçà il savôr dal sâl
incuintri ai lamps, dentri tai tons
ma no pensavi ca fos pecjât

A robâ ai laris, rompi i veris
no si pues plui comedâ
e tante fadie che litanie
di platâsi e tacâle a cjantâ

Balin las stries in Tencje
il madrac dentri tal fen
ai mangjât jerbe amare
par platà il savôr cal veve il to velen

Man man muarte
pete pete su la puarte
pete pete sul puarton
pare ju chel macaron

La mae stuarte
jo la met da banda ûr
e come ca diseve gnagne
no mi striate nissun

Strega

 

Lingue di gatto
il sangue di un ramarro matto
fatte bollire in acqua di lago
il cuore di una serpe
un ragno senza denti
catturato quando soffiavano i venti

Uomo offeso
che però non ha mai sbagliato
ma occhi cattivi l’hanno scrutato
poggiando il piede sopra ill pievano
che bruciava mazzi di fiore d’Iperico

Non è mai piovuto così a lungo
che il bel tempo non sia ritornato
e nel paese di Cercivento d’agosto
ho acquistato una cintura benedetta

La mia allegria fatta di sudore e fatica
si è seccata per causa tua
come fosse una formica una tua bugia
l’ha dispersa in giro dappertutto

E sono diventato grande amico della notte
per poter andarmene in giro nudo
così l’abbaglio del tuo splendore
si spegne come pioggia che cade
sul ceppo di un albero

Nel tuo letto caldo
hanno dormito gli antichi schiavi dei romani
hanno vegliato i topi delle fogne
andando ai funerali con un cappello rosso

Mano, mano morta
picchia, picchia sulla porta
picchia, picchia sul portone
inghiotti giù quel maccherone

La maglia storta
io la indosso al contrario
e come diceva mia bis-zia
non mi stregherà mai più nessuno

Con te ho volato dai monti al mare
per assaggiare il sapore del sale
incontro ai fulmini, in mezzo ai tuoni
ma non pensavo di commettere peccato

Se rubi ai ladri, se rompi i vetri
poi rimedio non c’è
ma tanta fatica, quella mania
di nascondersi per cominciare a cantare

Ballano le streghe sul monte Tenchia
la biscia dentro al fieno
ho mangiato erbe amare
per nascondere il sapore del tuo veleno

Mano mano morta
picchia picchia sulla porta
picchia picchia sul portone
manda giù quel maccherone

La maglia storta
io la indosso al contrario
e come diceva mia bis-zia
non mi stregherà nessuno

 

 

 

“Rampini” di A. Rossi, video e testo con traduzione in Italiano

 

Rampini

 

Chi di front di je

La sint parsore grande

Di plui grant nue a no ‘n dè

 

Lee, dur i scarpons

La cuarde in man

Alçi i voi e a è pronte la me

 

Man, li a strenzi la piere

Ca sgrife l’anime intere

Sot di me el me compagn

Cal spiete che jo leti

 

Indenant, la che il cjalà si slargje

Il me cur a si emple

La fadie arie frescje Al è cussì che jo

 

Rampini, sa no baste plui par vivi

Cheste cjere dure e crude

Ca mi fas vegni la voe

Di scjampà e cirì di

 

Alçami, par podei sintimi un om

E cjatami un pouc plui dongje

A chel puest plui biel dal mont

La ca disin cal è il signôr

 

Il cil, nus cjale ju

E il so color a la samee

Cal seti un grum plui blu

Come i tiei voi Ca mi cjalin la

E ca empli di fuarce la me

 

Man, li a strenzi la piere

Ca sgrife l’anime intere

Sot di me el me compagn

Cal spiete che jo leti

 

Indenant, la che il cjalà si slargje

Il me cur a si emple

La fadie arie frescje Al è cussì che jo

 

Rampini, sa no baste plui par vivi

Cheste cjere dure e crude

Ca mi fas vegni la voe

Di scjampà e cirì di

 

Alçami, par podei sintimi un om

E cjatami un pouc plui dongje

A chel puest plui biel dal mont

La ca disin cal è il signôr

 

Rampini Fin che

lore mi tire ju

E i pos puartami a cjase

La grande fuarce ca pos dami

Chi tu pos dami nome tu

Mi arrampico

 

Qui di fronte a lei

La avverto sopra di me grande

Che di più grande nulla c’è

 

Lega forte gli scarponi

La corda in mano

Alzo gli occhi ed è pronta la mia

 

Mano, li a stringere la pietra

Che mi graffia l’intera anima

Sotto di me il mio compagno

Che aspetta che io

 

salga ancora, dove la vista si allarga

il mio cuore si riempie

la fatica è aria fresca ed è così che io

 

mi arrampico, se non mi basta più per vivere

quasta terra dura e cruda

che mi fa venire la voglia

di scappare e cercare di

 

Sollevarmi, per poter sentirmi un uomo

E trovarmi un po più vicino

Al posto + bello del mondo

Dove dicono ci sia Dio

 

Il cielo ci guarda giù

E il suo colore da qui sembra

Essere molto + blu

Come i tuoi occhi che mi guardano salire

E che riempiono di forza la mia

 

Mano, li a stringere la pietra

Che mi graffia l’intera anima

Sotto di me il mio compagno

Che aspetta che io

 

salga ancora, dove la vista si allarga

il mio cuore si riempie

la fatica è aria fresca ed è così che io

 

mi arrampico, se non mi basta più per vivere

quasta terra dura e cruda

che mi fa venire la voglia

di scappare e cercare di

 

Alzarmi, per poter sentirmi un uomo

E trovarmi un po più vicino

Al posto + bello del mondo

Dove dicono ci sia Dio

 

Mi arrampico fin che

l’ora non mi fa scender

E posso portarmi a casa

La grande forza che può darmi

Che puoi darmi solo tu (montagna)

 

“A là sù” di A. Rossi, video e testo con traduzione in Italiano

A là sù

 

Encje par vuei al è dut finît,

encje par vuei i pos lâ a durmî,

sieri il balcon che no veti di entrâ

opûr che alc no mi podi scjampâ.

 

Di là sù, di là sù,

dimi ogni tant spiitu a ca jù

Di là su, di là su,

si viodiel il mont di rive jù

 

Chi no gli free plui nuie di nissun,

no cjalin in muse, tu seis nome un,

tocje di cori, tocje sclopâ,

ti fasin rimeti par guadagnâ.

 

A là sù, a là sù,

zuaiso a balon e vincistu tu

A là sù, a là sù,

si po bevi un tai e cueisi doi ûfs

 

No è migo vere

ch’a è grande cheste cjere,

se un toc di paradîs no ‘nd è.

 

Se par stâ in pâs,

spietìn l’eternitât,

dimi ce ch’i stoi a fâ a ca jù

 

Restin in pîts i nostis discors,

ma bessôl jo no rivi a cambiâlu il mont.

Par fâ dal mâl baste nome un secont,

par fâ dal ben la vite di un om.

 

A là sù, a là sù,

lu sâstu prime ce ch’a nas a ca jù

A là sù, a là sù,

vegnie la neif e sbrissitu jù

 

No è migo vere

ch’a è grande cheste cjere,

se un toc di paradîs no ‘nd è.

 

Se par stâ in pâs,

spietìn l’eternitât,

dimi ce ch’i stoi a fâ ca jù

 

Encje par vuei al è dut finît,

encje par vuei i pos lâ a durmî.

Lassù

 

Anche per oggi tutto è finito

Anche per oggi posso andare a dormire

Chiudo la finestra che non possa entrare

O che qualcosa non mi possa scappare

 

Da lassù, da lassù

Dimmi ogni tanto guardi quaggiù

Da lassù, da lassù

Si vede il mondo dall’alto in basso

 

Qui non gliene frega niente a nessuno

Non ti guardano in faccia sei solo uno

Tocca correre, tocca scoppiare

Ti fanno rimettere per guadagnarci loro

 

Lassù, lassù

Giochi a pallone e segni tu i gol

Lassù, lassù

Si può bere un bicchiere e cuocere 2 uova

 

Non è mica vero

Che è grande questa terra

Se un pezzettino di paradiso non c’è

 

Se per stare in pace

Aspettiamo l’eternità

Dimmi cosa sto a fare quaggiù

 

Restano in piedi i nostro discorsi

Ma da solo non riesco a cambiare il mondo

Per fare del male basta solo un secondo

Per far del bene la vita di un uomo

 

Lassù, lassù

Lo sai prima cosa succede quaggiù

Lassù, lassù

Viene la neve e scivoli giù

 

Non è mica vero

Che è grande questa terra

Se un pezzettino di paradiso non c’è

 

Se per stare in pace

Aspettiamo l’eternità

Dimmi cosa sto a fare quaggiù

 

Anche per oggi tutto è finito

Anche per oggi posso andare a dormire

 

Tolmezzo: il Peperoncino carnico per la solidarietà

Il Peperoncino Carnia fa micro-impresa in Mozambico. E a Tolmezzo, pronti al ponte di solidarietà, si pensa anche di registrare il prodotto come DeCo (denominazione comunale di origine), per poi coinvolgere il Comune nel rendere il peperoncino simbolo della città. Peperoncino Carnia, marchio che ha conquistato una nicchia produttiva molto interessante e la cucina carnica, è ora anche solidarietà. Pietro De Crignis e Marco Cattarinussi, due dei volontari carnici produttori della polvere rossa piccante coltivata da dieci anni nel tolmezzino, sono partiti per il Mozambico dove si fermeranno 4 mesi a sostegno del progetto“Kapezulu piri-piri la solidarietà si fa piccante” di Time For Africa. Obiettivo del progetto di cooperazione internazionale, cofinanziato dalla Regione, è sviluppare piccole economie di villaggio valorizzando le risorse locali, in questo caso il locale peperoncino. Tolmezzo vuole offrire la sua solidarietà “piccante”, con un’iniziativa che coinvolge il locale Circolo dei Sardi, il Comune, la Nuova Pro Loco, l’Ana, la Consulta Giovani, il Circolo Diurno Anziani. Ora ci sono i presupposti per valorizzare la produzione del piri-piri(così viene chiamato il peperoncino in Mozambico) su larga scala (tante sono le richieste di esportazione). Per questo la cooperativa di donne di Mabilibili chiede sostegno per migliorare la produzione e organizzare la commercializzazione. Dopo le elezioni del 25 maggio la nuova amministrazione comunale tolmezzina potrà appoggiare un’iniziativa di partenariato con sostegni economici, eventi di scambi culturali ed esperienze di volontariato per i ragazzi delle scuole cittadine. La Pro Loco valuta di occuparsi delle procedure per ottenere la DeCo sul peperoncino Carnia, e poi col Comune renderlo un simbolo della città.

BlogdiAldoRossi: auguri ai nostri lettori di un sereno 2014, pronti anche ad “arrampicarsi” se serve

Auguri ai lettori del nostro blog di un sereno anno nuovo con il brano “Rampini” feat. Luca Chiarcos tratto dal doppio CD “La vite e la muart”  di Aldo Rossi.
Un modo per augurarvi un Felice 2014 perchè anche nel caso fosse un anno difficile come una montagna da scalare, noi ce la possiamo fare
🙂