Archivio tag: portis

Portis: nella frazione di Venzone minacciata dalla frana i giovani cercano le loro radici

20160930_173400

di Giacomina Pellizzari.
Portis non è morto. L’unico paese distrutto dal terremoto del 1976 e non ricostruito dov’era continua a vivere nella memoria collettiva. L’anima del luogo è rimasta tra le case non demolite e messe a dura prova dal tempo. Lì i residenti di allora, una ventina, continuano a coltivare orti e vigne, lì i giovani vanno a cercare le loro radici. Quest’estate hanno riacceso il fuoco di Sant’Antonio nell’ansa del fiume, una sorta di porto naturale, dove, ai tempi della Repubblica Veneta, venivano scaricate le zattere piene di legname. Tra quei muri lesionati a croce di Sant’Andrea, l’antropologo, Stefano Morandini, contrattista di ricerca all’università di Udine, assieme alla docente Donatella Cozzi, del dipartimento di Lingue, letterature, comunicazione, formazione e società dello stesso ateneo friulano, scrivono la storia di Portis. È una storia che inizia nel Settecento, ad allora risale la prima casa costruita della quale oggi resta solo un cippo. Quella pietra segna il passaggio della strada nel mezzo del paese prima che la statale venisse spostata più in alto, sotto la montagna dalla quale il 15 settembre 1976 si staccò il masso, lasciando in bilico una frana di ben più ampie dimensioni. Il sasso cadde sul cartello “Portis deve rinascere qui” esposto da chi non voleva spostarsi e nascose il qui. Portis è risorto in borgo Gnocs, ma la frana è ancora lì appesa al monte: «Se il picco si stacca – cantavano gli anziani prima del terremoto – Portis sarà sepolto». Quarant’anni fa la gente mentre piangeva i sei morti, due non erano residenti a Portis, comprese il pericolo e la stragrande maggioranza degli abitanti accettò di rifare il paese altrove. Ma con il cuore il luogo di sempre non venne mai abbandonato, tant’è che oggi, se non fosse per il bosco che ha la meglio su tutto, sembrerebbe rinascere. L’anima dei luoghi «Portis non può rinascere perché non è mai morto», spiegano Cozzi e Morandini facendo notare che chi è nato e cresciuto a Portis vecchia ogni giorno torna nella piccola frazione di Venzone. Lo fanno gli amanti della bicicletta che percorrono la ciclabile Alpe Adria, gli anziani e i giovani. «I paesaggi e i modi dell’abitare – aggiunge la docente – sono i paesaggi dell’anima, ci torni. È l’anima dei luoghi e tu gli assomigli». È quella stessa anima che quarant’anni fa i terremotati del Friuli tutelarono pretendendo la ricostruzione dei paesi dov’erano e, quando era possibile, anche com’erano. Oggi l’anima di quel luogo attira l’attenzione dei giovani come Katia che di anni ne ha 27, Umberto, è neppure maggiorenne. «Siamo arrivati alla terza generazione – continua Morandini – pur non avendo vissuto il terremoto, i giovani hanno un rapporto con il paese di allora. Nella chiesetta di San Rocco organizzano concerti e funzioni, in una casa trasformata nella sede della Proloco hanno esposto le immagini di 40 anni fa e raccolto la documentazione per attribuire un proprietario a ogni casa». Basta lasciare spaziare lo sguardo per imbattersi nel cartello con scritto “Cjase Valent Sigars”. Tessera dopo tessera, gli antropologi ascoltano e interpretano i racconti di Maddalena, la nonnina che nonostante sia rimasta sotto le macerie non ricorda nulla del terremoto. Ogni sera recita una preghiera perché quel dramma non si ripeta, pur sapendo che quando la terra deciderà di tremare ancora lo farà. E poi ci sono Giuseppe, Giovanna e Valerio Pituelli, colui che promosse la cooperativa “Nuova Portis”. La ricostruzione La cooperativa “Nuova Portis” è un esempio virtuoso. Seppur non senza difficoltà e qualche diffidenza di troppo, la maggior parte degli abitanti nel paese minacciato dalla frana capì che Portis non poteva rinascere dov’era. La legge consentiva alla gente di riunirsi in cooperativa e un emigrante, proprietario al 90 per cento di un’area, mise a disposizione il terreno in Borgo Gnocs. Qualcuno tentò inutilmente di dissuaderlo arrivando a presentare un ricorso al Tar (Tribunale amministrativo) per chiedere l’annullamento del Piano particolareggiato. Non mancarono i blocchi stradali per respingere le accuse che arrivavano anche dagli agricoltori. Furono proprio i ricorsi a spaventare i dirigenti regionali che temporeggiarono e rinviarono all’infinito la firma degli espropri. «Politicamente con Adriano Biasutti, allora assessore regionale ai Lavori pubblici, – racconta Pituelli – non avevo nulla a che fare. Ma con il presidente della cooperativa e gestore dell’osteria di Portis, Giovanni Battista Jesse, andammo da lui e gli illustrammo il problema. “Lasciatemi le carte” ci disse, una settimana dopo fu proprio lui a firmare gli espropri». Il presidente della cooperativa Jesse, la segretaria Silvana Valent e lo stesso Pituelli si assunsero la responsabilità della gestione dei fondi gratuitamente. «Gli sciacalli con la valigetta e la cravatta c’erano anche allora» sottolinea Pituelli ricordando un fantomatico impresario dal quale prese le distanze quando scoprì che era solo un venditore di fumo. I lavori furono affidati e completati nel 1981 dall’impresa Trevisan Sergio di Fontanafredda (Pordenone). Ma c’è di più perché, fatti tutti i conti, in cassa restarono quasi 5 milioni di vecchie lire che la cooperativa donò al Cro di Aviano. Questo è solo un capitolo della storia di Portis. L’idea di recuperare la memoria è stata proposta da tre soci della cooperativa su progetto di Morandini che l’ateneo friulano sostiene gestendo i finanziamenti messi a disposizione da Legacoop e Assicop ai quali si aggiunge il contributo del Centro audiovisivo per il documentario.

Venzone: Portis una frazione orgogliosa della sua autonomia

di Luciano Simonitto, Venzone.

Lo studio intorno alle origini del borgo fortificato di Portis è stato sempre, anche per l’esperto, un problema assai arduo. La toponomastica popolare è divisa tra quella che vuole che il sito echeggi un “porto” fluviale alla confluenza dei fiumi Fella e Tagliamento e l‘altra che darebbe al toponimo i significato di “villa” o borgo fortificato alle “porte” del Canal del Ferro e della Carnia delle quali sono pregnante testimonianza i ruderi di un castello ove visse nel XIII secolo un nobile esule veneziano e i torrioni, strutture di difesa e di segnaletica ubicati a monte e a valle della SS Pontebbana per i quali c’è l’impegno della amministrazione comunale a renderli visibili a chi vi transita. Portis è sempre stata orgogliosa della sua autonomia, lo si evince anche dal testo dello storico V. Joppi in “notizie storiche della Terra di Venzone – Seiz- Udine 1871” là ove attesta “Finalmente dall’anno 1381 Venzone è riconosciuta come libera comunità rappresentata nel Parlamento Friulano e può estendere la sua giurisdizione nelle ville di Portis – Interneppo – Bordano”. Un passato fiero che tale appare anche dal toponimo “Piani di Portis”, così si chiamava Stazione Carnia fino al 1930. L’atavico orgoglio non è venuto meno, ne sono fiere testimonianze la frase ancora leggibile apparsa sul muro di controripa della statale pontebbana “Portis deve rinascere qui” dopo il sisma del maggio ’76 e probabilmente sarebbe rinato se poi il terremoto di settembre non avesse fatto calare dai monti esattamente sul “qui” un masso gigantesco che ha fatto pensare ad uno strano messaggio, a ciò si deve aggiungere il rifiuto categorico alla conurbazione con Carnia. L’antica “Villa” diverrà una palestra dove si potrà vedere gli effetti tellurici e le tecniche di ricostruzione. In questo contesto storico un ruolo eccelso ha avuto la Chiesa presente con ben quattro siti di culto, San Bartolomeo, Santa Lucia, San Rocco, la Madonna del Carmine a pianta ottagonale, espressione rarissima dello stilema Orientale. Questi piccoli-grandi gioielli sono stati realisticamente e simbolicamente recuperati e rinati grazie all’impegno volontario profuso dai “Portolans” e dal parroco Don Roberto Bertossi. È difficile citare tutti coloro che hanno contribuito a riesumare il passato storico artistico di questo borgo medioevale, il mio grazie giunga ad Amelio, Davide, Ezio, Franco, Gianandrea, Gioacchino, Gianni Tondo, Luciano, Luigino, Mario Gollino (compagno di studi), Mario, Sergio, Umberto, Valentino e la signora Luisa prodiga nell’offrire il confortevole caffè. Grazie per il recupero dell’ ancestrale Koinè del popolo friulano sempre attento e +disponibile all’edificazione e al recupero dei luoghi di culto.

Alto Friuli: sicurezza, Portis candidata per un polo internazionale

http://3.bp.blogspot.com/-FhdBA6Uydqk/TdpfHcPem_I/AAAAAAAABD4/Qf1AHSKNMvc/s1600/img007.jpg

di Piero Cargnelutti

Verso un polo di valenza internazionale ed europea per le esercitazioni sulla sicurezza a Portis. E’ la proposta che Associazione dei Comuni terremotati, Università di Udine e Comune di Venzone fanno alla Regione all’indomani del termine delle esercitazioni che si sono svolte a fine aprile e negli ultimi due giorni nella frazione oggi ricostruita dall’altra parte della Pontebbana. Ieri, la presidente della Regione Debora Serracchiani, accompagnata dal prefetto di Udine Provvidenza Delfina Raimondo, ha potuto vedere con i suoi occhi, in visita al campo allestito dal corpo nazionale dei Vigili del fuoco, quanto è stato fatto in queste giornate di sperimentazione, a cominciare dai resti della chiesa di San Bartolomeo e dal vecchio asilo di Portis, ora puntellati e messi in sicurezza. Non solo. Ha potuto osservare le schede sulla sicurezza che il Serm dell’ateneo friulano con i Vigili del fuoco ha preparato in questi anni, documenti accessibili a tutti. Di fronte a quanto visto, Debora Serracchiani ha chiesto un dossier più approfondito per valutare con maggior attenzione: «Quello che è stato fatto – ha detto la presidente Fvg in sala consiliare dopo la visita – è un’opportunità che va nella direzione di ciò che serve al territorio. Ora si ipotizza la creazione di un luogo per le esercitazioni e su ciò vorremmo lavorare come Regione ma anche come sistema, per essere portatori di buone prassi». Per l’Associazione dei Comuni terremotati, Venzone è un punto centrale anche per sviluppare un lavoro in sinergia con squadre provenienti da Austria, Slovenia, Repubblica Ceca e Germania, vista la posizione centrale della cittadina all’interno del Centro Europa, dove il borgo di Portis si configura come un punto unico: «E’ il frutto di tre anni di progettualità – ha detto Fabio Di Bernardo, presidente dell’associazione – che arrivano ad un primo traguardo, che puntiamo a replicare il prossimo anno e ringraziamo anche le famiglie che hanno messo a disposizione le strutture di loro proprietà». A Portis, in queste settimane, sono state sperimentate per la prima volta in Italia nuove tecniche di soccorso utilizzando per la prima volta i droni, acquistati dal Ministero degli Interni per il corpo Vigili del fuoco alcuni mesi fa: «Sono mezzi – ci ha detto Stefano Grimaz dell’Università di Udine – che permettono di raggiungere punti difficili come torri e campanili, ma allo stesso tempo devono essere comandati da personale qualificato come quello di cui abbiamo potuto disporre qui. Sviluppare qui un polo per esercitarsi anche con forze dell’Esercito provenienti da fuori è qualcosa che va nella direzione europea».