Archivio della categoria: Aldo Rossi Folk Singer

“Plaçute Salon” di A. Rossi, video e testo con traduzione in Italiano

Plaçute Salon

 

Guai sa si stude la bore

Il len al scon ardi benon

I brundui a sclopetin parsore

E la polpe a si strache belplan

 

messede messede dai none

Lasse chi giri un pouc jo

I vasuz cun la cjarte oleose

Si cercin vie pal invier

 

Sot pradeit

La cort di Chiuss cul frandei

E su in alt

Araseit al sta slacant

 

Il Capitel al incrose

La strades di Plan Darte disore

Bepi cun la ceste dai foncs

Ju spieghe a di ducj ta plaçute salon

 

un villegjânt al domande

La strade par la su sul Lander

La Milie ca discjame il camion

Propit in bande da plaçute salon

 

E sot il soreli e la neif

Sei vignut sù a Cjasaleit

 

Come i gjàz simpri ator

E i crocs dal monsignor

 

Il marcjel

dal Carlo cal bat ju il fier

E plui la

Il Jacum e las bres di splanà

 

La Melie ca cure las roses

La Anita ta strete ca vose

Ta cort je rivat il balon

A zuin i fruz in ta plaçute salon

 

Sa ‘l è stelât dopo a glaçe

Il Nelut al va a regji las vacjes

La Clelie cun tun borson

A fat la spese al fiormarket salon

 

Il bar dal Gianni e la Pia

I colps da lave maria

Mario cul so baston

Al pasè cjuetant

inta plaçute Salon

 

Mi mance la int

Da plaçute

Salon

Piazzetta Salon

 

Guai se si spengono i tizzoni

La legne deve ardere forte

Le susine scoppiettano in cima

E la polpa si scioglie lentamente

 

mescola mescola dai nonna

Lascia che girò un po’ io

I vasetti con la carta oleosa

Li assaggieremo durante l’inverno

 

In fondo al viale “Pradeit”

La corte dei Chiussi nelle foglie morte

E più in alto

Monte Araseit sta franando

 

Al Capitello si “incrociano”

Le strade di Piano d’Arta

Bepi con la sua cesta dei funghi

Li spiega a tutti nella piazza Salon

 

Un villeggiante domanda

la strada per andare sul Lander

Emilia scarica il camion

Da un lato di piazzetta Salon

 

E sotto il sole e la neve

Sono cresciuto in borgo Casaletto

 

Come i gatti sempre in giro

E le nocchiate del monsignor

 

Il martello

Del Carlo che batte giù il ferro

E più in là

Giacomo e le tavole da levigare

 

La Melia che cura le rose

La Anita nella stretta che urla

Nel cortile è caduto un pallone

Giocano i bambini nella piazza Salon

 

Con le stelle in cielo stasera gelerà

Il Nello che va a accudire le mucche

La Clelia con il suo borsone

A fare la spesa al Fiormarket Salon

 

Il bar di Gianni e la Pia

I colpi dell’Ave Maria

Mario con il suo bastone

Pazza zoppicando

Nella piazzetta Salon

 

Mi manca la gente

Della Piazzetta

Salon

 

“Il Gjaul” di A. Rossi, video e testo con traduzione in Italiano

Il Gjaul

 

No tu pensarâs chi le ti ator cui cuars

La forcje in ta man e i volis ros di sanc

L’invidie a è un sintiment ca no la conte dute

No sei dome jo a vei la lenghe biforcute

 

Eri un bon cristian e da fame il plui biel

Pas frutes dal pais il mitic Satanel

Ma gno fradi a mi à tradît, butât fûr di cjase

Lui in cîl al è restât e jo sclopât par cjere

 

Sei la sbisie sot da panze

Che di corse las mudandes a ti fas tirà ju

Sei il veri di che taçe ca bruse encje la glaçe

E a ti scjalde il cûr

 

Sei che biele peraulute ca scjampe da bocjute

E a cope cualchidun

Sei il poc a fa ne robe che dopo no si pues

Mai plui tornà indaûr

 

E se tu vens cun mei la tua vita cambia

Entrata gratis al parco infernolandia

E ti deventarà plui grosse encje che robe

Las femines ti disaran viôt li ce biele code

 

A disin che l’ infier a setin fuc e flames

ne bale par scalà il riscjaldament das tasês

a son monedes dâur chês chi ti doi jo

ce vûstu mai ca seti l’anemute to

 

Sei chel ca no scjafoie a mangjà la foe

e a ti ingrassarà

las bales chi tu contes plui di cualchi volte

par fau ducj contents

Il Diavolo

 

Non penserai che vada in giro con le corna

La forca in mano e gli occhi rosso sangue

L’invidia un sentimento che non la racconta tutta

Non sono solo io ad avere la lingua biforcuta

 

Ero un buon cristiano, il + bello della famiglia

Per le ragazze del paese il mitico satanello

Ma mi fratello mi ha tradito e buttato fuori casa,

lui è rimasto in celo e io scaraventato sotto terra

 

Sono quella voglia appena sotto la pancia

Che di corsa le mutande ti fa calare già

Il vetro di quel bicchiere che brucia il ghiaccio

E ti scalda il cuore

 

Sono quella parolina che esce dalla bocca

E uccide quello cui è rivolta

La spinta a fare una cosa da cui non si può

più tornare indietro

 

E se vieni con me la tua vita cambia

Entrata gratis al parco infernolandia

E ti diventerà + grossa quella cosa

Le donne ti diranno guarda che bella coda

 

Dicono che l’inferno sia fuoco e fiamme

Balle per detrarre il riscaldamento dalle tasse

son monete d’oro quelle che ti do

Cosa vuoi che sia l’animuccia tua

 

Quello che non soffoca a mangiare la foglia

e poi ti ingrasserà

Le bugie che racconti spesso per

per farli tutti contenti

 

“Strie” di A. Rossi, video e testo con traduzione in Italiano

Strie

 

Lenghes di gjat
Il sanc di un sborf mat
Bolides ta ‘l aghe di lâc
Cûr di sarpint
Aragn cence dincj
Cjapât cuant cal soflave il vint

Om ofindût
ca nol à mai falât
Ma voi triscj l’an spudât
poiant il pît sore di chel dal plevan
cal brusave jerbe di san Zuan

Non de mai stade ploie
Che bon timp nol sei tornât
E a Curçuvint davost
Une cinturie sante i ai comprât

La me ligrie sudôr di fadie
Si è arsumade par te
come furmie la to bausie
Là slapagnade par dut

Sei deventât amì da not
Par podei cori ator crot
Cussì il lusôr dal to splendôr
a si sfante come ploie li sul çoc

 

In ta to cove cjalde
An durmît i maçarots
An veglât las pantianes
Lant ai funerai cun tun cjapiel dut ros

Man man muarte
pete pete su la puarte
pete pete sul puarton
pare ju chel macaron

La mae stuarte
jo la met da banda ûr
e come ca diseve gnagne
no mi striarà nissun

Cun te ai svualât dai monz fin al mâr
par cerçà il savôr dal sâl
incuintri ai lamps, dentri tai tons
ma no pensavi ca fos pecjât

A robâ ai laris, rompi i veris
no si pues plui comedâ
e tante fadie che litanie
di platâsi e tacâle a cjantâ

Balin las stries in Tencje
il madrac dentri tal fen
ai mangjât jerbe amare
par platà il savôr cal veve il to velen

Man man muarte
pete pete su la puarte
pete pete sul puarton
pare ju chel macaron

La mae stuarte
jo la met da banda ûr
e come ca diseve gnagne
no mi striate nissun

Strega

 

Lingue di gatto
il sangue di un ramarro matto
fatte bollire in acqua di lago
il cuore di una serpe
un ragno senza denti
catturato quando soffiavano i venti

Uomo offeso
che però non ha mai sbagliato
ma occhi cattivi l’hanno scrutato
poggiando il piede sopra ill pievano
che bruciava mazzi di fiore d’Iperico

Non è mai piovuto così a lungo
che il bel tempo non sia ritornato
e nel paese di Cercivento d’agosto
ho acquistato una cintura benedetta

La mia allegria fatta di sudore e fatica
si è seccata per causa tua
come fosse una formica una tua bugia
l’ha dispersa in giro dappertutto

E sono diventato grande amico della notte
per poter andarmene in giro nudo
così l’abbaglio del tuo splendore
si spegne come pioggia che cade
sul ceppo di un albero

Nel tuo letto caldo
hanno dormito gli antichi schiavi dei romani
hanno vegliato i topi delle fogne
andando ai funerali con un cappello rosso

Mano, mano morta
picchia, picchia sulla porta
picchia, picchia sul portone
inghiotti giù quel maccherone

La maglia storta
io la indosso al contrario
e come diceva mia bis-zia
non mi stregherà mai più nessuno

Con te ho volato dai monti al mare
per assaggiare il sapore del sale
incontro ai fulmini, in mezzo ai tuoni
ma non pensavo di commettere peccato

Se rubi ai ladri, se rompi i vetri
poi rimedio non c’è
ma tanta fatica, quella mania
di nascondersi per cominciare a cantare

Ballano le streghe sul monte Tenchia
la biscia dentro al fieno
ho mangiato erbe amare
per nascondere il sapore del tuo veleno

Mano mano morta
picchia picchia sulla porta
picchia picchia sul portone
manda giù quel maccherone

La maglia storta
io la indosso al contrario
e come diceva mia bis-zia
non mi stregherà nessuno

 

 

 

“La so puema” cover di A. Rossi, video e testo con traduzione in Italiano

La so puema

 

Al ere cròt, biât frut,

al ere neri

cuant ch’a lu àn cjatât,

dispicjât e cuviert

e il predi al deneave il cimiteri

al maldert

an cavilât par metilu sot

 

Il sô rimuars o lu ai puartât

come un pês

tra massarie gorlete

e bleons

il sô frut o l’ai puartât par nûf

mês tal gno cuarp

platant la smorfie

cul comedon

 

E ogni volte

ch’o spiavi il bastart

la vergogne e

crevave il sentiment

ma jo soi muarte

in chel moment

 

E ogni volte che

il gno omp al mi doprave

su pa mê schene

i sintivi i tiei dêts

La legrie dai tiei flancs e

sveave lis voiis

lis tôs bussadis

ch’a studavin la sêt

 

Jo ch’o corevi come une cjagne

al tô sivil dolç e impazient

e ancje piardisi al veve

il sô gust in tal fen

murî e nassi

tal stès moment

 

Ce ch’al mi ofint al

è il mût, il gròp, il rancôr

chest tô siarâ i conts

par simpri e bessôl

il tô lusôr ch’al si fâs jarbe

e pò cinise

tal trist cjamp

dai piardûts amôrs

 

E ancje se implenavi

ogni doi agns

oramai o eri une femine svuedade

fasint l’ultin dai pins

o lu ai sintût berghelâ

e pò o soi … lade

La sua ragazza

 

Era nudo povero ragazzo

e tutto nero

Quando lo hanno trovato,

tirato giù e coperto

Il prete gli negava il cimitero

Hanno litigato poi

per poterlo sotterrare

 

Il suo rimorso l’ho portato

come un peso

Tra le faccende, la spoletta

e lenzuola

Il suo bambino l’ho portato per

mesi nel mio corpo

Nascondendo le smorfie

col gomito

 

E ogni volta

che guardavo il “bastardo”

La vergogna

spezzava il sentimento

Io sono morta già

in quel momento

 

E ogni volta che

mio marito mi usava

Sulla mia schiena

sentivo le tue dita

La allegria dei tuoi fianchi

che svegliava le voglie,

i tuoi baci

che spegnevano la sete

 

Io che correvo come una cagna

Al tuo fischio dolce e impaziente

E anche perdersi aveva

il suo sapore nel fieno,

morire e nascere

nello stesso momento

 

Quello che mi offende

è il modo e il rancore

Il tuo chiudere i conti

per sempre e da solo

La tua luce che si fa erba

e poi cenere

Nel triste campo

degli amori perduti

 

E anche se rimanevo

in cinta ogni 2 anni

Oramai ero una donna svuotata

Facendo l’ultimo dei bambini

l’ho sentito piangere

e poi dopo me ne sono andata

 

“Cjalde che sere” di A. Rossi, video e testo con traduzione in Italiano

Cjalde che sere

 

 

Ce biele sere ce cjalt ca le

A è mo plui biele passade cun te

Ven voe di jessi di saltà fûr

Di la pas stretes la ca le scûr

 

E finalmentri tu mi âs dêt di si

A è stade dure ma va ben cussì

Ce biele sere ce biel mes di mâi

E sei sigûr che no la smentearai

 

Gjoldile e cjante la vite ca va

Tegnile strete o ti scjamparà

par chei moments ca restin tal cûr

A val la pene di vêi vivût

 

Biele Glemone sul fâ dal scûr

E il cjampanîl al bat già las nûf

Si impiin las lûs si impie un fanâl

Che di lontan ti impense Nadâl

 

Ce biele sere ce cjalt chi ai

pense sin nome il sîs di mâi

Ce biele sere ce biel veiti a chi

A è masse biele par vêi di murì.

Calda quella sera
(6/05/1976)

 

Che bella sera che caldo che fa

È ancora + bella passata con te

Viene voglia di uscire di saltare fuori

Di andare per le strette dove c’è scuro

 

E finalmente mi hai detto di si

È stata dura, ma va bene così

Che bella sera che bel mese di maggio

E sono sicuro che non la dimenticherò

 

 Godila e canta la vita che va

Tienila stretta o ti scapperà

Per quei momenti che ti restano nel cuore

Vale la pena di aver vissuto

 

Bella Gemona sul far della sera

E il campanile batte già le nove

si accendono le luci si accende un fanale

Cha da lontano ricorda Natale

 

Che bella sera che caldo che ho

Pensa siamo solo il 6 di maggio

Che bella sera che bello averti qui

È troppo bella per dover … morire

 

“La mê Rosse” di A. Rossi, video e testo con traduzione in Italiano

La mê

rosse

 

Fer li a cjalâ

daûr di un balcon

la int che si strusse

intal stradon

Sabide sere ducj a implenâ

la scjatule vueite da felicitât

 

Ah ea …

 

Compagnie biele e soridint

si tache la sere cul prin tai di vin

e un tic a la volte vie un butilion

e cualchidun al à za pront un canon

 

Dopo magari no si è mai contents

ven fûr une striche

blancje come il ciment

e in chei moments che tu tires sù

dut al è facil e il coragjo al ven jù

 

Ah ea

 

A è la plui grande fortune che i ai

cuasi une droghe chi sot i miei deits

cualuncue robe mi pos capitâ

sì la mê rosse no mi lassarà

 

Se i cjanti se i rît,

se i vai e i blestemi

se i cridi tal aiar

la mê voie di vivi

intun mont che al sfrute

intun mont che al cope

e chei che a comandin

son simpri chê clape

 

L’amì che al scurtisse e

jei che ti lasse

e dut il lavôr che al finìs

tas scovaces

e i agns che a passin

e i fîs che a cressin

e fra vincj agns

là podaressino jessi

 

Che a seti rabie o disperazion

la plati dentri intune cjançon

no pos badâle o tratâle mâl

ma jei a è simpri chi sot las mês mans

 

A è la plui grande fortune chi ai

cuasi une droghe chi sot i miei deits

cualuncue robe mi pos capitâ

sì la mê rosse no mi lassarà

La mia

(chitarra) rossa

 

Fermo li a guardare

dietro a un balcone

La gente che struscia

nello stradone

Sabato sera e tutti a riempire

La scatola vuota della felicità

 

Ah ea …

 

Compagnia bella e sorridente

Si comincia la sera con un bicchiere

E un po’ alla volta via una bottiglia

E qualcuno tira fuori un cannone

 

Poi magari non si è mai contenti

esce una striscia

bianca come il cemento

e in quei momenti in cui aspiri

tutto è facile e il coraggio vien fuori

 

 

 

è la + grande fortuna che ho

quasi una droga sotto le mie dita

qualunque cosa mi possa capitare

la mia rossa non mi lascerà

 

se canto se rido,

se piango e bestemmio

se grido nel vento

la mia voglia di vivere

in un mondo che sfrutta

in un mondo che uccide

e quelli che comandano

sono sempre gli stessi

 

l’amico che ti ferisce e lei

che ti lascia

il nostro lavoro che finisce

nella spazzatura

gli anni che passano

e i figli che crescono

e fra 20 anni

dove potremmo essere

 

che sia rabbia o disperazione

la nascondo dentro ad una canzone

posso ignorarla o trattarla male

ma lei è sempre qui sotto le mie mani

 

è la + grande fortuna che ho

quasi una droga sotto le mie dita

qualunque cosa mi possa capitare

la mia rossa non mi lascerà

 

“Rampini” di A. Rossi, video e testo con traduzione in Italiano

 

Rampini

 

Chi di front di je

La sint parsore grande

Di plui grant nue a no ‘n dè

 

Lee, dur i scarpons

La cuarde in man

Alçi i voi e a è pronte la me

 

Man, li a strenzi la piere

Ca sgrife l’anime intere

Sot di me el me compagn

Cal spiete che jo leti

 

Indenant, la che il cjalà si slargje

Il me cur a si emple

La fadie arie frescje Al è cussì che jo

 

Rampini, sa no baste plui par vivi

Cheste cjere dure e crude

Ca mi fas vegni la voe

Di scjampà e cirì di

 

Alçami, par podei sintimi un om

E cjatami un pouc plui dongje

A chel puest plui biel dal mont

La ca disin cal è il signôr

 

Il cil, nus cjale ju

E il so color a la samee

Cal seti un grum plui blu

Come i tiei voi Ca mi cjalin la

E ca empli di fuarce la me

 

Man, li a strenzi la piere

Ca sgrife l’anime intere

Sot di me el me compagn

Cal spiete che jo leti

 

Indenant, la che il cjalà si slargje

Il me cur a si emple

La fadie arie frescje Al è cussì che jo

 

Rampini, sa no baste plui par vivi

Cheste cjere dure e crude

Ca mi fas vegni la voe

Di scjampà e cirì di

 

Alçami, par podei sintimi un om

E cjatami un pouc plui dongje

A chel puest plui biel dal mont

La ca disin cal è il signôr

 

Rampini Fin che

lore mi tire ju

E i pos puartami a cjase

La grande fuarce ca pos dami

Chi tu pos dami nome tu

Mi arrampico

 

Qui di fronte a lei

La avverto sopra di me grande

Che di più grande nulla c’è

 

Lega forte gli scarponi

La corda in mano

Alzo gli occhi ed è pronta la mia

 

Mano, li a stringere la pietra

Che mi graffia l’intera anima

Sotto di me il mio compagno

Che aspetta che io

 

salga ancora, dove la vista si allarga

il mio cuore si riempie

la fatica è aria fresca ed è così che io

 

mi arrampico, se non mi basta più per vivere

quasta terra dura e cruda

che mi fa venire la voglia

di scappare e cercare di

 

Sollevarmi, per poter sentirmi un uomo

E trovarmi un po più vicino

Al posto + bello del mondo

Dove dicono ci sia Dio

 

Il cielo ci guarda giù

E il suo colore da qui sembra

Essere molto + blu

Come i tuoi occhi che mi guardano salire

E che riempiono di forza la mia

 

Mano, li a stringere la pietra

Che mi graffia l’intera anima

Sotto di me il mio compagno

Che aspetta che io

 

salga ancora, dove la vista si allarga

il mio cuore si riempie

la fatica è aria fresca ed è così che io

 

mi arrampico, se non mi basta più per vivere

quasta terra dura e cruda

che mi fa venire la voglia

di scappare e cercare di

 

Alzarmi, per poter sentirmi un uomo

E trovarmi un po più vicino

Al posto + bello del mondo

Dove dicono ci sia Dio

 

Mi arrampico fin che

l’ora non mi fa scender

E posso portarmi a casa

La grande forza che può darmi

Che puoi darmi solo tu (montagna)

 

“Grant” di A. Rossi, video e testo con traduzione in Italiano

Grant (a me Mari)

 

In un moment si devente grancj

Cuant che a cjase tu puartis un franc

Si tu finìs disevot agns

Se sore une schede

tu incrosis su alc

 

Grant in che sere

chi tu mi âs dit di si

Grant cuant cal nas to fi

Grant tant da

no crodi plui al signôr

Grant da restà bessôl

 

Tu seis lade vie,

no tu tornis plui

Chel ca mi mancje

a son i tiei voi

Ca mi cjalavin

in chel mût a li

Propi cemût

chi jo cjali gno fi

 

E tu mi disevis

tu viodarâs

Farine prestade

a te tornaran

E se cumò no cjati un dret

I provi a pensà a ce che tu

Tu mi vorès dêt

 

Grancj si devente se

une puarte a è sierade

E par dignitât no tu la

âs plui sfuarçade

Grant par capì

ca no si podarà là

La che da piçui

si vuleve rivà

 

Grant in che sere

chi tu mi âs dit di si

Grant cuant

cal nas to fi

Grant tant

da no crodi

plui al signôr

Grant

da restà bessôl

 

Tu seis lade vie,

no tu tornis plui

Chel ca mi mancje

a son i tiei voi

Ca mi cjalavin

in chel mût a li

Propi cemût

chi jo cjali gno fi

 

E tu mi disevis

tu viodarâs

Farine prestade

a te tornaran

E se cumò

no cjati un dret

I provi a pensà a ce

che tu mi vorès dêt

 

Chês roses curades

cun tant amôr

Colôrs di une vite

cun poc lusôrs

La fadie dal vivi

par cressi tiei fîs

E tante fadie

par la vie di chi

Grande (a mia madre)

 

Si diventa grandi in un attimo

Quando porti dei soldi a casa

Se compi 18 anni

O se su una scheda

metti una croce

 

Grande in quella sera

che mi hai detto si

Grande quando nasce tuo figlio

Grande tanto da

non credere + in Dio

Grande da rimanere solo

 

Sei andata via,

non torni più

Quello che mi manca

sono i tuoi occhi

Che mi guardavano

in quel modo

Come adesso

guardo mio figlio

 

E mi dicevi, vedrai

Che la farina prestata

poi te la rendono

E se adesso

non trovo il modo

Provo a pensare cosa

avresti detto tu

 

Grandi si diventa se

una porta è oramai chiusa

E per dignità non sforzi

per aprirla

Grande per capire che

non si potrà andare

Dove da piccoli

si voleva arrivare

 

Grande in quella sera

che mi hai detto si

Grande quando

nasce tuo figlio

Grande tanto da

non credere

più in Dio

Grande

da rimanere solo

 

Sei andata via,

non torni più

Quello che mi manca

sono i tuoi occhi

Che mi guardavano

in quel modo

Come adesso

guardo mio figlio

 

E mi dicevi,

vedrai

Che farina prestata

poi te la rendono

E se adesso

non trovo il modo

Provo a pensare

cosa avresti detto tu

 

Quei fiori curati

con tanto amore

Colori di una vita

con poco chiarore

La fatica di vivere

per crescere tuoi figli

E tanta fatica per …

riuscire ad andartene

 

“A là sù” di A. Rossi, video e testo con traduzione in Italiano

A là sù

 

Encje par vuei al è dut finît,

encje par vuei i pos lâ a durmî,

sieri il balcon che no veti di entrâ

opûr che alc no mi podi scjampâ.

 

Di là sù, di là sù,

dimi ogni tant spiitu a ca jù

Di là su, di là su,

si viodiel il mont di rive jù

 

Chi no gli free plui nuie di nissun,

no cjalin in muse, tu seis nome un,

tocje di cori, tocje sclopâ,

ti fasin rimeti par guadagnâ.

 

A là sù, a là sù,

zuaiso a balon e vincistu tu

A là sù, a là sù,

si po bevi un tai e cueisi doi ûfs

 

No è migo vere

ch’a è grande cheste cjere,

se un toc di paradîs no ‘nd è.

 

Se par stâ in pâs,

spietìn l’eternitât,

dimi ce ch’i stoi a fâ a ca jù

 

Restin in pîts i nostis discors,

ma bessôl jo no rivi a cambiâlu il mont.

Par fâ dal mâl baste nome un secont,

par fâ dal ben la vite di un om.

 

A là sù, a là sù,

lu sâstu prime ce ch’a nas a ca jù

A là sù, a là sù,

vegnie la neif e sbrissitu jù

 

No è migo vere

ch’a è grande cheste cjere,

se un toc di paradîs no ‘nd è.

 

Se par stâ in pâs,

spietìn l’eternitât,

dimi ce ch’i stoi a fâ ca jù

 

Encje par vuei al è dut finît,

encje par vuei i pos lâ a durmî.

Lassù

 

Anche per oggi tutto è finito

Anche per oggi posso andare a dormire

Chiudo la finestra che non possa entrare

O che qualcosa non mi possa scappare

 

Da lassù, da lassù

Dimmi ogni tanto guardi quaggiù

Da lassù, da lassù

Si vede il mondo dall’alto in basso

 

Qui non gliene frega niente a nessuno

Non ti guardano in faccia sei solo uno

Tocca correre, tocca scoppiare

Ti fanno rimettere per guadagnarci loro

 

Lassù, lassù

Giochi a pallone e segni tu i gol

Lassù, lassù

Si può bere un bicchiere e cuocere 2 uova

 

Non è mica vero

Che è grande questa terra

Se un pezzettino di paradiso non c’è

 

Se per stare in pace

Aspettiamo l’eternità

Dimmi cosa sto a fare quaggiù

 

Restano in piedi i nostro discorsi

Ma da solo non riesco a cambiare il mondo

Per fare del male basta solo un secondo

Per far del bene la vita di un uomo

 

Lassù, lassù

Lo sai prima cosa succede quaggiù

Lassù, lassù

Viene la neve e scivoli giù

 

Non è mica vero

Che è grande questa terra

Se un pezzettino di paradiso non c’è

 

Se per stare in pace

Aspettiamo l’eternità

Dimmi cosa sto a fare quaggiù

 

Anche per oggi tutto è finito

Anche per oggi posso andare a dormire